Home > Economia e Finanza > Debito sovrano e investimenti, quello della Nigeria ha fruttato il 60% in due mesi

Debito sovrano e investimenti, quello della Nigeria ha fruttato il 60% in due mesi

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Boom dei titoli di Stato della Nigeria, che in poco tempo hanno guidato le performance dei mercati emergenti


Nel mondo della finanza - specie quella retail - l'attenzione si concentra quasi sempre sugli eventi e sui mercati più importanti, trascurando invece opportunità nascoste. Fa parte di questa seconda schiera di asset il debito sovrano della Nigeria. Difficile da andarlo a scovare, ma molto redditizio per chi ci ha puntato.

Analisi del debito sovrano della Nigeria

Quella nigeriana è stata una delle economie più colpite dall’emergenza Covid. In special modo ciò è dovuto al declino dei prezzi del petrolio, che rappresentano due terzi del gettito fiscale del paese. Un contraccolpo durissimo per le finanze del Paese, che ha per questo chiesto e ottenuto un prestito dal Fondo Monetario Internazionale per 3,4 miliardi. Altri 3,5 miliardi invece dovrebbero giungere tramite altri organismi internazionali. La crisi ha provocato un incremento quindi sia del deficit che del debito sovrano pubblico.

I bond, prezzi e rendimenti

debito sovrano nigeriaEd è qui che sono entrati in ballo gli investitori a caccia di rendimenti. I bond sovrani nigeriani, che rimangono rischiosissimi (restano ampiamente “junk” per le agenzie di rating), hanno avuto una esplosione della curva a marzo. I rendimenti dei titoli a 2 anni sono infatti schizzati al 9,25%, mentre quello a 10 anni è giunto al 13,25%. Pochi giorni fa erano invece scesi rispettivamente al 5,96% e al 10,82%, dopo il taglio del costo del denaro operato dalla banca centrale. Il rendimento del bond maggiormente liquido, ovvero quello a 5 anni, è precipitato in una sola seduta quasi della metà.

L'ottimismo dei mercati

Come si spiega questo ottimismo da parte degli investitori. In primo luogo proprio con il finanziamento del FMI, che in cambio del denaro ha preteso voce in capitolo e alcuni accorgimenti (come per arginare la differenza tra il cambio col dollaro sul mercato nero e quello sul mercato ufficiale). Questo ha provocato una impennata dei bond denominati in dollari. Quelli con scadenza febbraio 2032 e cedola 7,875% sono cresciuti del 60% da marzo. Ancora meglio ha fatto il bond con scadenza luglio 2049 e cedola 9,2480%, salito del 64% in poco più di due mesi.

Considerazione tecnica. Ci sono molti modi per osservare l'andamento di un cambio valutario. Ad esempio si può sfruttare la heikin ashi strategia forex, che risulta molto efficace se adottata correttamente.

Il fattore rischio da tenere a mente

E' chiaro che la "generosità" dei titoli sovrani nigeriani, viene compensata da un rischio molto elevato. Non è infrequente assistere a movimenti bruschi, scanditi da pattern come il triplo minimo e massimo trading. Per questo occorre muoversi con molta cautela, e non rimanere in posizione più dello stretto necessario.

debito | bond | heikin ashi | triplo minimo massimo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Consulenza immobiliare a Dubai: Sergio Alberti parla del nuovo progetto


Gioventu' per i Diritti Umani .


U.S. Support of Gay Rights in Africa May Have Done More Harm Than Good


Debito pubblico: Italia prima in classifica UE, ma con spiragli


CONCORSO UNICO L’ORO DEL GARDA 2018: PREMIATI I MIGLIORI OLI GARDA DOP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Banche USA, nuovi limiti da parte della FED per fronteggiare il Covid

Primo esame dell’era coronavirus, sono stati imposti ai 34 grandi istituti dei tetti ai dividendi e divieti ai buyback nel terzo trimestre I numeri confermano i timori: la pandemia ha ripreso ad assaltare gli USA, dove il numero di contagi è in aumento. E questo si traduce anche in una nuova minaccia nei confronti dell'economia. Un capitolo speciale meritano le banche USA, protagoniste in negativo dell'ultima grande crisi del 2008. Oggi sono senza dubbio più solide di allora, con le carte di regola per reggere a questo urto, ma non s (continua)

Valute emergenti, potrebbe verificarsi un rally ma servono due condizioni

Sul mercato valutario sta nascendo una interessante opportunità legata agli asset minori Il contesto attuale sembra abbastanza propizio per il settore delle valute emergenti. Sia pure con tutte le cautele del caso, è possibile che possa verificarsi un rally nel prossimo periodo (che sia una settimana o un mese, nessuno però lo può dire).Condizioni per lo slancio delle valute emergentiEsiste però una doppia condizione necessaria affinché la corsa delle valute emergenti possa cominciare (continua)

Quotazione dell'oro in ascesa. Ha raggiunto i massimi dall'ottobre del 2012

La corsa dell'oro è tornata ad essere sostenuta, tanto che la quotazione del gold metal ha toccato i massimi da ottobre 2012 a quota 1759 dollari. Alla base della domanda del safe haven per eccellenza ci sono le preoccupazioni per l'inasprirsi delle relazioni tra Stati Uniti e Cina, nonché i deludenti dati economici statunitensi. Stanno inoltre emergendo alcune preoccupazioni dei mercati pre-Corvi (continua)

Borsa del Giappone di slancio oltre i 20mila. La grande paura è passata?

Si respira un clima positivo sulle borse, come dimostra la chiusura di Tokyo vicina ai massimi di otto settimane. La spinta alla Borsa del Giappone arriva dai promettenti risultati preliminari di un farmaco sperimentale contro il Covid-19, ma anche dalla FED. Ieri la banca centrale americana ha lasciato i tassi Usa nel range tra lo zero e lo 0,25%. Ad accendere le speranze, anche il virologo della (continua)

Mercati finanziari di nuovo ottimisti malgrado il crollo del Pil cinese

Una buona notizia ridà ottimismo e slancio ai mercati finanziari e alle Borse globali. L'azienda farmaceutica Gilead Sciences ha infatti annunciato di aver sviluppato un nuovo farmaco, che potrebbe essere efficace nel combattere il Covid-19. Più ottimismo sui mercati finanziari Quanto sia importante l'annuncio della Gilead Sciences lo dimostra anche il suo balzo in borsa: +16,41% n (continua)