Home > Economia e Finanza > Debito sovrano e investimenti, quello della Nigeria ha fruttato il 60% in due mesi

Debito sovrano e investimenti, quello della Nigeria ha fruttato il 60% in due mesi

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Boom dei titoli di Stato della Nigeria, che in poco tempo hanno guidato le performance dei mercati emergenti


Nel mondo della finanza - specie quella retail - l'attenzione si concentra quasi sempre sugli eventi e sui mercati più importanti, trascurando invece opportunità nascoste. Fa parte di questa seconda schiera di asset il debito sovrano della Nigeria. Difficile da andarlo a scovare, ma molto redditizio per chi ci ha puntato.

Analisi del debito sovrano della Nigeria

Quella nigeriana è stata una delle economie più colpite dall’emergenza Covid. In special modo ciò è dovuto al declino dei prezzi del petrolio, che rappresentano due terzi del gettito fiscale del paese. Un contraccolpo durissimo per le finanze del Paese, che ha per questo chiesto e ottenuto un prestito dal Fondo Monetario Internazionale per 3,4 miliardi. Altri 3,5 miliardi invece dovrebbero giungere tramite altri organismi internazionali. La crisi ha provocato un incremento quindi sia del deficit che del debito sovrano pubblico.

I bond, prezzi e rendimenti

debito sovrano nigeriaEd è qui che sono entrati in ballo gli investitori a caccia di rendimenti. I bond sovrani nigeriani, che rimangono rischiosissimi (restano ampiamente “junk” per le agenzie di rating), hanno avuto una esplosione della curva a marzo. I rendimenti dei titoli a 2 anni sono infatti schizzati al 9,25%, mentre quello a 10 anni è giunto al 13,25%. Pochi giorni fa erano invece scesi rispettivamente al 5,96% e al 10,82%, dopo il taglio del costo del denaro operato dalla banca centrale. Il rendimento del bond maggiormente liquido, ovvero quello a 5 anni, è precipitato in una sola seduta quasi della metà.

L'ottimismo dei mercati

Come si spiega questo ottimismo da parte degli investitori. In primo luogo proprio con il finanziamento del FMI, che in cambio del denaro ha preteso voce in capitolo e alcuni accorgimenti (come per arginare la differenza tra il cambio col dollaro sul mercato nero e quello sul mercato ufficiale). Questo ha provocato una impennata dei bond denominati in dollari. Quelli con scadenza febbraio 2032 e cedola 7,875% sono cresciuti del 60% da marzo. Ancora meglio ha fatto il bond con scadenza luglio 2049 e cedola 9,2480%, salito del 64% in poco più di due mesi.

Considerazione tecnica. Ci sono molti modi per osservare l'andamento di un cambio valutario. Ad esempio si può sfruttare la heikin ashi strategia forex, che risulta molto efficace se adottata correttamente.

Il fattore rischio da tenere a mente

E' chiaro che la "generosità" dei titoli sovrani nigeriani, viene compensata da un rischio molto elevato. Non è infrequente assistere a movimenti bruschi, scanditi da pattern come il triplo minimo e massimo trading. Per questo occorre muoversi con molta cautela, e non rimanere in posizione più dello stretto necessario.

debito | bond | heikin ashi | triplo minimo massimo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Covid-19 e aziende familiari, Maurizio Tamagnini: necessari soci di capitale e debito “buono”


Consulenza immobiliare a Dubai: Sergio Alberti parla del nuovo progetto


Debito pubblico: Italia prima in classifica UE, ma con spiragli


Gioventu' per i Diritti Umani .


U.S. Support of Gay Rights in Africa May Have Done More Harm Than Good


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Federal Reserve sotto pressione malgrado continui a dire che l'inflazione è solo temporanea

L'inflazione negli Stati Uniti è salita ancora, arrivando al 5% a maggio. Sopra le attese, e sui livelli massimi dal 2008. Eppure la Federal Reserve continua a ribadire che si tratta di una fiammata temporanea, e che per questo motivo non intende modificare la propria politica monetaria. Wall Street sembra dar credito a queste rassicurazioni, e corre ancora. Anche il rendimento del decennale Usa, (continua)

Prezzi delle materie prime, l'effetto domino dei rincari manda le imprese in difficoltà

L'aumento dei prezzi delle materie prime che si è verificato negli ultimi mesi, si è esteso con un effetto domino da un settore produttivo all'altro. E questo meccanismo sta creando problemi di gestione a molte aziende, alle prese con costi elevatissimi che finiscono per acuire il rischio di impresa.Problemi per l'aumento dei prezzi delle materie primeSoprattutto le aziende che si trovano più a mo (continua)

Investire sull'oro, dopo un periodo nero chi l'ha fatto adesso spera

Cosa ha pesato sul metallo giallo nel Q1? Questa prima parte del 2021 non ha regalato grandi soddisfazioni a chi ha deciso di investire sull'oro. Dopo aver perso già nel 2020 la soglia dei 2mila dollari, il prezzo è calato da 1944 a 1677 in soli due mesi. Eppure, delle schiarite forti sono giunte nell'ultimo periodo.Cosa sta vivendo chi ha deciso di investire sull'oroMa andiamo con ordine. La (continua)

Mercato dell'auto: Stellantis consegna 1,5 milioni di veicoli nel primo trimestre

E' un periodo molto delicato per il mercato dell'auto, che oltre alla crisi innescata dalla pandemia, deve anche fare fronte a una carenza strutturale di semiconduttori, che paralizza in parte l'attività. In questo scenario si colloca la trimestrale di Stellantis, il colosso nato dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e Peugeot (gruppo Psa).Stellantis e il mercato dell'autoPer l'azienda il pr (continua)

Mercato dei cambi, il dollaro continua ad essere più debole come accaduto di recente

Il mercato dei cambi tiene gli occhi soprattutto sul dollaro, dopo una settimana molto debole. L'indice del dollaro ha esteso le perdite per scambiare al di sotto di 91,2 lunedì, il minimo in chiusura dal 3 marzo. Il biglietto verde ha perso circa un punto percentuale settimana scorsa, e si è trattato della seconda perdita settimanale consecutiva.Cosa succede sul mercato dei cambiChi invece cominc (continua)