Home > Altro > La verità sull’LSD, uno dei più distruttivi allucinogeni

La verità sull’LSD, uno dei più distruttivi allucinogeni

scritto da: Tiziana Bonazza | segnala un abuso

L’LSD è tra le più potenti sostanze chimiche che alterano l’umore. Deriva dall’acido lisergico, un fungo che cresce sulla segale ed altri tipi di cereali.


L’LSD è tra le più potenti sostanze chimiche che alterano l’umore. Deriva dall’acido lisergico, un fungo che cresce sulla segale ed altri tipi di cereali. Viene prodotto in forma di cristalli all’interno di laboratori illegali, principalmente negli Stati Uniti. Questi cristalli vengono poi convertiti in forma liquida per la distribuzione. È inodore, incolore e ha un sapore leggermente amaro. Conosciuto come “acido” e con molti altri nomi, l’LSD viene venduta illegalmente sotto forma di piccole pillole (“micropunte”), capsule o quadrati di consistenza gelatinosa (“window panes”). A volte della carta assorbente viene impregnata con questa sostanza e poi suddivisa in piccoli quadrati decorati con personaggi dei cartoni animati (“loony toons”). Occasionalmente viene venduta in forma liquida. Ma, indipendentemente dalla sua forma, l’LSD porta chi ne fa uso sempre allo stesso punto: una grave dissociazione dalla realtà. Chi fa uso di LSD chiama un’esperienza con l’LSD un “trip” (viaggio). Solitamente dura circa dodici ore. Le reazioni avverse, che sono frequenti, vengono chiamate “brutti trip”, un’espressione con la quale si sottintende che si è provato l’inferno. CHE COS’È UN ALLUCINOGENO? Gli allucinogeni sono droghe che causano allucinazioni. Coloro che ne fanno uso vedono immagini, sentono suoni e provano sensazioni che sembrano molto reali ma non esistono. Alcuni allucinogeni producono anche cambiamenti improvvisi e imprevedibili nell’umore di coloro che ne fanno uso. “All’età di 16 anni mi fecero conoscere una droga di cui ho abusato per oltre tre anni: l’LSD. Ciò di cui ero inconsapevole era il fatto che l’LSD è il più potente allucinogeno conosciuto dall’uomo. Si presentava sotto forma di un piccolo pezzo di carta, non più grande dell’unghia del mio indice, chiamata francobollo. Quindici minuti dopo aver messo la carta sulla lingua tutto il mio corpo diventava caldo ed io cominciavo a sudare. Altre reazioni che ho sperimentato mentre ero sotto l’effetto della droga sono state pupille dilatate, nausea e pelle d’oca. Mentre ero sotto l’effetto dell’LSD mi sentivo come se ci fosse un’enorme distorsione nella mia mente e nel mio corpo. I cambiamenti visivi, come anche gli estremi cambiamenti di umore, erano come un viaggio strano e spaventoso, un viaggio in cui sentivo di non avere alcun controllo sulla mia mente e sul mio corpo.” – Edith QUALI SONO I RISCHI DELL’LSD? Gli effetti dell’LSD sono imprevedibili. Dipendono dalla quantità assunta, dall’umore e dalla personalità della persona oltre che dall’ambiente nel quale la droga viene usata. È come giocare ai dadi: una dirompente, innaturale euforia o una grave depressione paranoica ( paranoico: sospettoso, diffidente o spaventato nei confronti delle altre persone). Si possono inoltre sperimentare alterazioni eccessive nell’umore, di qualsiasi tipo, dalla “gioia” improvvisa al terrore intenso. La parte peggiore è che il consumatore di LSD non è più in grado di distinguere quali sensazioni vengano create dalla droga e quali siano parte della realtà. Alcune persone che fanno uso di LSD sperimentano una gioia immensa che erroneamente scambiano per “illuminazione”. Non solo si dissociano dalle loro normali attività, ma sentono anche l’impulso di assumerne ancora per sperimentare di nuovo la stessa sensazione. Altri, mentre usano l’LSD, sperimentano violenti, terrificanti pensieri e sensazioni, paura di perdere il controllo, paura di impazzire e di morire e disperazione. Una volta che un brutto “trip” è cominciato, spesso non c’è modo di fermarlo e può durare fino a ore. In effetti alcune persone non si sono mai ristabilite da una psicosi indotta dall’acido. Assunto in quantità sufficientemente elevate, l’LSD produce illusioni e allucinazioni visive. Il senso del tempo e la consapevolezza di sé cambiano. Grandezze e forme degli oggetti diventano distorte, così come i movimenti, colori e suoni. Persino il tatto e le normali sensazioni corporee diventano qualcosa di strano e bizzarro. Le sensazioni appaiono “accavallate”, dando al consumatore l’idea di sentire colori e di vedere suoni. Tali alterazioni possono essere spaventose e causare panico. La capacità di giudizio e il senso del pericolo si deteriorano. Un consumatore di LSD può arrivare a saltare da una finestra per “dare uno sguardo più da vicino” al suolo. Può rimanere lì seduto a godersi il tramonto, inconsapevole di trovarsi nel bel mezzo di un incrocio trafficato. Molte persone che fanno uso di LSD sperimentano dei flashback o il riaccendersi di trip da LSD, spesso senza alcun preavviso, anche molto tempo dopo averlo assunto. I brutti trip e i flashback sono solo una parte dei rischi che si corrono nell’assumere LSD. I consumatori di LSD possono manifestare psicosi di durata piuttosto lunga o grave depressione. Poiché l’LSD si accumula nel corpo, i consumatori sviluppano una tolleranza per la droga. In altre parole, i consumatori abituali devono prenderne una quantità sempre maggiore per raggiungere lo “sballo”. Il che crea effetti fisici ed aumenta il rischio di un brutto trip che potrebbe indurre alla psicosi. Di solito, i primi effetti dell’LSD vengono sperimenti minuti dopo l’assunzione della droga. Spesso le pupille si dilatano. La temperatura del corpo può salire o scendere, mentre la pressione sanguigna e il battito cardiaco possono aumentare o diminuire. Sudorazione o brividi sono comuni. I consumatori di LSD spesso sperimentano perdita di appetito, insonnia, labbra secche e tremori. Alterazioni visive sono tra gli effetti più comuni, la persona può fissarsi sull’intensità di determinati colori. Si possono inoltre sperimentare alterazioni eccessive nell’umore, di qualsiasi tipo, dalla “gioia” improvvisa al terrore intenso. La parte peggiore è che il consumatore di LSD non è più in grado di distinguere quali sensazioni vengano create dalla droga e quali siano parte della realtà. Alcune persone che fanno uso di LSD sperimentano una gioia immensa che erroneamente scambiano per “illuminazione”. Non solo si dissociano dalle loro normali attività, ma sentono anche l’impulso di assumerne ancora per sperimentare di nuovo la stessa sensazione. Altri, mentre usano l’LSD, sperimentano violenti, terrificanti pensieri e sensazioni, paura di perdere il controllo, paura di impazzire e di morire e disperazione. Una volta che un brutto “trip” è cominciato, spesso non c’è modo di fermarlo e può durare fino a ore. In effetti alcune persone non si sono mai ristabilite da una psicosi indotta dall’acido. Assunto in quantità sufficientemente elevate, l’LSD produce illusioni e allucinazioni visive. Il senso del tempo e la consapevolezza di sé cambiano. Grandezze e forme degli oggetti diventano distorte, così come i movimenti, colori e suoni. Persino il tatto e le normali sensazioni corporee diventano qualcosa di strano e bizzarro. Le sensazioni appaiono “accavallate”, dando al consumatore l’idea di sentire colori e di vedere suoni. Tali alterazioni possono essere spaventose e causare panico. La capacità di giudizio e il senso del pericolo si deteriorano. Un consumatore di LSD può arrivare a saltare da una finestra per “dare uno sguardo più da vicino” al suolo. Può rimanere lì seduto a godersi il tramonto, inconsapevole di trovarsi nel bel mezzo di un incrocio trafficato. Molte persone che fanno uso di LSD sperimentano dei flashback o il riaccendersi di trip da LSD, spesso senza alcun preavviso, anche molto tempo dopo averlo assunto. I brutti trip e i flashback sono solo una parte dei rischi che si corrono nell’assumere LSD. I consumatori di LSD possono manifestare psicosi di durata piuttosto lunga o grave depressione. Poiché l’LSD si accumula nel corpo, i consumatori sviluppano una tolleranza per la droga. In altre parole, i consumatori abituali devono prenderne una quantità sempre maggiore per raggiungere lo “sballo”. Il che crea effetti fisici ed aumenta il rischio di un brutto trip che potrebbe indurre alla psicosi. “All’età di 13 anni ho bevuto il mio primo drink e presto conobbi la marijuana. Poi mi trovai tra le mani l’LSD e ne divenni dipendente, mangiandone come fossero caramelle. “Una notte durante una festa ho perso conoscenza e mi sono risvegliata con la faccia sporca di sangue e vomito che mi usciva dalla bocca. Fu un miracolo se riuscii a svegliarmi e a ripulirmi. Salii in macchina, tremante, guidai fino a casa dei miei genitori. Mi arrampicai sul letto di mia madre e piansi. All’età di ventun’anni feci la mia prima riabilitazione”. – Donna – Noi volontari Mondo Libero Dalla Droga ci battiamo per far sì che queste droghe sino eliminate dalla faccia della terra ed attraverso una corretta informazione e l’aiuto di persone di ogni ceto sociale e di buona volontà possiamo far diminuire questa piaga mondiale come dice il Filantropo L.Ron Hubbard:” Il pianeta si è scontrato con una barriera che impedisce un progresso sociale su vasta scala: droga, farmaci e le altre sostanze chimiche”. Queste parole ci motivano a continuare la nostra crociata che in tutto il mondo sta avvenendo, ognuno può far qualcosa, non ci stiamo prendendo responsabilità nella zona Romagnola e chiunque voglia aiutarci può scrivere una mail: mondoliberodroga@gmail.com o tramite il sito https://www.noalladroga.it/ dove sono disponibili molti libricini informativi, scaricabili gratuitamente, che riguardano molte tipi di droghe e sono scritti in modo che chiunque possa capirli, ci sono anche e corsi e documentati gratuiti, questo perché La Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga è un’associazione di pubblica utilità, non a scopo di lucro, che dà ai giovani e agli adulti informazioni basate sui fatti in merito alla droga, affinché possano prendere decisioni consapevoli e vivere liberi dalla droga. In quest’epoca di pandemia al sito della fondazione ci sono alcuni consigli da condividere per COME MANTENERE SE STESSI & GLI ALTRI IN BUONA SALUTE Siamo tutti nella stessa barca. Scarica qui il tuo opuscolo.

LSD | allucinogeno | danni | droga | Ron Hubbard | Romagna |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La storia del LSD


Denver, in Colorado, legalizza i funghi allucinogeni


Mondo Libero dalla Droga a Cascina


Prevenzione dalle droghe nel popoloso quartiere di San Polo a Brescia


LSD, COS'E' VERAMENTE E CHE EFFETTI CAUSA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La via della felicità a sostegno della Giornata mondiale dell'Educazione ambientale

La via della felicità a sostegno della Giornata mondiale dell'Educazione ambientale
Proteggi e migliora il tuo ambiente: è uno dei precetti della guida al buonsenso La via della felicità che i volontari hanno distribuito ampiamente a Jesi. L’iniziativa a sostegno della Giornata Mondiale per l’educazione ambientale. La giornata è stata fissata il 14 ottobre per ricordare la Conferenza ONU sull'Educazione ambientale del 1977, che ha visto la stipulazione di una dichiarazione i cui principi sono validi ancora oggi. Per invertire questa rotta bisogna che ogni singola persona comprenda ampiamente quanto, anche le più piccole azioni, possano contribuire al cambiamento. L’ambiente è la nostra casa. Lo stiamo (continua)

Continua la distribuzione del libricino 'La Via della Felicità, questa volta raggiungendo il centro storico di Montecosaro.

Continua la distribuzione del libricino 'La Via della Felicità, questa volta raggiungendo il centro storico di Montecosaro.
La Via della Felicità, scritta da L. Ron Hubbard agli inizi degli anni '80, ben espone i 21 precetti indispensabili per vivere bene. Dall'aver cura di sé stessi all'importanza di saper rispettare gli altri, la Via della Felicità offre una visione della vita che ben considera un buon livello etico e morale. La distribuzione ha raggiunto i vari cittadini che sabato mattina si trovavano per le strade, ottenendo un gran curiosità dal pubblico. In un momento di grande tensione sociale, è sempre più difficile mantenere un atteggiamento armonioso e nel rispetto di tutti. "Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il più possibile piacevole e priva di dolore. ..La vera gioia e la vera felic (continua)

Tolentino raggiunta con i precetti de La via della felicità

Tolentino raggiunta con i precetti de La via della felicità
I precetti contenuti in questo opuscolo sono essenziali per la felicità e una vita migliore, aiutano a cambiare atteggiamenti e punti di vista. Nella giornata di lunedì 21 settembre, i volontari de La via della felicità hanno raggiunto la città di Tolentino diffondendo copie dell’omonima guida al buon senso in copertina personalizzata per la bellissima regione Marche.Ecco come raggiungere centinaia e centinaia di cittadini, in ogni angolo della regione, con i 21 precetti per vivere una vita migliore.Ma siamo in un era in cui le imma (continua)

Continua la distribuzione del libricino 'La Via della Felicità, questa volta raggiungendo il centro storico di Montecosaro.

La Via della Felicità, scritta da L. Ron Hubbard agli inizi degli anni '80, ben espone i 21 precetti indispensabili per vivere bene. Dall'aver cura di sé stessi all'importanza di saper rispettare gli altri, la Via della Felicità offre una visione della vita che ben considera un buon livello etico e morale. La distribuzione ha raggiunto i vari cittadini che sabato mattina si trovavano per le strade, ottenendo un gran curiosità dal pubblico.In un momento di grande tensione sociale, è sempre più difficile mantenere un atteggiamento armonioso e nel rispetto di tutti. "Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il più possibile piacevole e priva di dolore. ..La vera gioia e la vera felicità (continua)

Una panoramica sulla religione di Scientology in Italia

Una panoramica sulla religione di Scientology in Italia
Tour virtuale all’interno del mondo di Scientology Scientology arriva in Italia nel 1974. Ad oggi, dopo 47 anni, con la Chiesa di Scientology e i singoli fedeli attivi in molti aspetti della società e della comunità religiosa, ci viene spesso chiesto: “Che cos’è  Scientology?”Benché il primo libro di L. Ron Hubbard, fosse disponibile in italiano sin dagli inizi degli anni ’50, e sebbene sin da allora ci fossero già diversi scientologist nel n (continua)