Home > Primo Piano > Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato


Siamo nella fase 3 della più grande pandemia di questo secolo. Con se il Covid-19 ha fatto molte vittime e portato con se molti strascichi sulle persone che hanno lasciato le sale intensive degli ospedali. Traumi psicologici si riscontrano sulle persone che non hanno retto al lockdown e alla quarantena forzata. Molte di queste persone hanno paura ad uscire di nuovo, stanno subendo la sindrome della capanna e purtroppo molte di loro non hanno potuto salutare per l’ultima volta un parente o una persona cara, aggiungendo alla paura anche la depressione.

Superare un lutto è sempre difficoltoso, ma superarlo senza aver dato il giusto tributo e l’ultimo saluto alla persona scomparsa è un trauma insormontabile, una cicatrice che difficilmente si rimarginerà in breve tempo. Il rito del funebre è una fase fondamentale per la chiusura di una capitolo della nostra vita, è una dura esperienza che prima o poi dovremmo affrontare e la ritualità ci aiuta a superarla meglio , ad uscire dal lutto più velocemente. L’assenza di questo rito può rendere il lutto patologico e il tempo non sarà clemente nel placare il dolore.

Non è facile prepararsi alla morte, ma crescendo ci si prepara alla perdita delle persone più grandi e la perdita di un nonno, anche se dolorosa e straziante, viene piano piano accettata attraverso le fasi del lutto. Meno accettabile è la perdita improvvisa, inattesa e come in questo caso, con modi crudeli. In questo caso è il dolore è devastante.

Durante la chiusura totale e il confinamento in casa, causata dal Covid-19, tutte queste attività per iniziare a elaborare il lutto, sono mancate riportando dei strascichi psicologici devastanti e per le persone che hanno subito un lutto, sarà difficilissimo superare questa fase anche con il supporto psicologico per l’elaborazione .

La negazione del lutto porta a dei disturbi psicologici anche gravi e i terapeuti consigliano di effettuare anche dei riti post morte che possano aiutare la mente a liberarsi da questo peso. Una messa celebrativa per chi crede o una commemorazione in presenza delle persone più care possono aiutare a chiudere questa esperienza dolorosa. 

La condivisione del dolore sicuramente allevierà la fatica di portare un peso così grande e pesante.

lutto | superare lutto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Quel figlio negato di Francesca Ognibene


FIDCA Udine :Ricordo del MILITE IGNOTO


Psicologo e Covid. Come la psicologia può aiutare ad affrontare questo tremendo periodo storico


-Brusciano Ferma la Festa dei Gigli Rispetto Giornata di Lutto Nazionale. Piena sintonia del Sindaco Giuseppe Montanile, Parroco Don Salvatore Purcaro e Comunità. (Scritto da Antonio Castaldo)


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Monza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scegliere le mascherine in base alla situazione

Scegliere le mascherine in base alla situazione
Le raccomandazioni per superare la pandemia e abbassare la curva dei contagi da Covid-19 sono sempre le stesse. Mantenimento della distanza interpersonale, lavarsi spesso le mani con sapone o con gel igienizzante e indossare la mascherina anche all’aperto. Dall’inizio della pandemia abbiamo iniziato a prendere conoscenza con varie terminologie legate alle protezioni facciali e abbiamo iniziato a riconoscere la differenza tra mascherine auto-prodotte, mascherine chirurgiche e mascherine FFP2 e FFP3.Quelle autoprodotte, chiamate anche di comunità, non possono essere considerate dispositivi medici né tanto meno dispositivi di protezione individuali, ma (continua)

Integratori, quali i danni di un consumo eccessivo?

Integratori, quali i danni di un consumo eccessivo?
La maggior parte dei consumatori ritiene che l’assunzione di sostanze “naturali” posso sola essere un beneficio, e non perdono troppo tempo a verificarne l’origine o le quantità. In aggiunta, la grande disponibilità di prodotti erboristici e integratori alimentari in tutti i canali di vendita – supermercati, siti internet, farmacie – rende estremamente semplice approvvigionarsi di tutte le varietà che il mercato può offrire. È infatti noto a tutti che gli integratori alimentari non sono medicinali, non necessitano di una ricetta del medico, e sono generalmente ben tollerati. Tuttavia, non è altrettanto noto che essi possono comunque avere effetti indesiderati, che possono essere dovuti a ipersensibilità individuali, a patologie concomitanti, ad abuso o a scarsa qualità del prodotto. Se prima di procedere (continua)

COVID-19, la prevenzione inizia in casa

COVID-19, la prevenzione inizia in casa
Cosa fare per difenderci dal coronavirus quando ci troviamo in ambienti molto frequentati (posto di lavoro, mezzi pubblici, negozi, bar e ristoranti ecc.) ormai lo sappiamo tutti: mantenere il distanziamento sociale, indossare sempre la mascherina, lavare o disinfettare spesso le mani. Cosa dobbiamo fare, invece, per difenderci tra le mura domestiche? La maggior parte di noi, infatti, ha imparato a sentirsi sicuro “almeno” in casa: è qui che ci sentiamo di toglierci la mascherina e toccare oggetti e superfici in tutta tranquillità. Tuttavia, anche in casa è bene prendere le dovute precauzioni , soprattutto se la nostra vita quotidiana  (continua)

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare
L’introduzione, su tutto il territorio nazionale, della raccolta differenziata ha portato nelle nostre vite un dubbio amletico quotidiano: dove buttare cosa. I sistemi variano da comune a comune, ma le multe sono ovunque salate, ed individuare il contenitore giusto non è sempre facile per tutti gli articoli. Dove lo butto il flacone del deodorante, mezzo di vetro e mezzo di plastica? E i gusci delle cozze vanno comunque nell’umido? E i cartoni unti della pizza?Se poi, alla difficoltà, si aggiungono lo scarso impegno e la disinformazione dei cittadini – (continua)

Integratori alimentari per il corpo e la mente

Integratori alimentari per il corpo e la mente
Allenare il corpo e mantenere attiva la mente, questo è il trucco non trucco per mantenersi giovane e prevenire alcune malattie. Esercizio fisico e mentale, un’alimentazione sana e a supportarci possono esserci d’aiuto gli integratori alimentari. Se per mantenere efficiente il corpo, facciamo esercizi fisici, camminate all’aperto, iniziamo ad andare costantemente in bicicletta, per la mente è importante leggere molto ed esercitarsi, per esempio, con l’enigmistica. Oltre che a tenere allenata la mente bisogna anche dargli il giusto cibo per mantenersi giovane. Una dieta che contiene verdura, frutta, cereali integrali, latti (continua)