Home > News > Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni

Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso

Confermato alla guida di Eni: terzo mandato per l’Amministratore Delegato Claudio Descalzi


Il Consiglio di Amministrazione di Eni ha nominato Claudio Descalzi Amministratore Delegato e Direttore Generale per il suo terzo mandato, conferendogli "poteri di amministrazione con esclusione di specifiche attribuzioni che il CdA si è riservato, oltre a quelle non delegabili a norma di legge".

Claudio descalzi

Claudio Descalzi alla guida di Eni

Il Consiglio di Amministrazione di Eni ha nominato Claudio Descalzi Amministratore Delegato e Direttore Generale del gruppo. Si tratta del terzo mandato per il manager, che ha ricevuto i poteri di amministrazione della società con esclusione di specifiche attribuzioni che il Consiglio si è riservato, oltre a quelle non delegabili per norma di legge. Lo ha confermato Eni in una nota ufficiale emessa dopo la riunione dell'organo di gestione, controllato dal Tesoro tramite la Cassa Depositi con oltre il 30% delle quote complessive, e che era stato nominato in assemblea del 13 maggio a Roma. Claudio Descalzi, manager di origini milanesi, è in azienda dal 1981. Negli ultimi anni ha contribuito in prima persona al rilancio del settore degli idrocarburi all'interno del gruppo, guadagnandosi la fiducia di Eni e del Consiglio di Amministrazione. Classe 1955, è laureato in Fisica presso l'Università degli Studi di Milano. Dopo aver ricoperto il suo primo ruolo come Ingegnere di giacimento, ha dato il via a una carriera di successo nel settore energetico.

Claudio Descalzi: le tappe fondamentali della carriera

Claudio Descalzi è Project Manager di Eni dal 1981 al 1990: si occupa dello sviluppo delle attività nel Mare del Nord, in Libia, Nigeria e Congo. Nel 1990 viene nominato Responsabile delle attività operative e di giacimento in Italia. Il manager pone le basi per lo sviluppo di un modello innovativo che porta ad un notevole incremento della produzione. Tra il 2000 e il 2001 è Direttore dell'area geografica Africa, Medio Oriente e Cina, biennio nel quale Eni lancia il progetto Western Libyan Gas. In seguito, passa alla Direzione dell'area Italia, Africa e Medio Oriente, mentre è al contempo Consigliere di Amministrazione di diverse consociate Eni. Nel 2005 è Vice Direttore Generale di Eni nella divisione Exploration & Production. Claudio Descalzi viene nominato Amministratore Delegato nel 2014. È il primo europeo ad aver ricevuto il prestigioso premio internazionale SPE/AIME "Charles F. Rand Memorial Gold Medal 2012" dalla Society of Petroleum Engineers e dall'American Institute of Mining Engineers (AIME) per quanto concerne il settore dell'Oil & Gas.


Fonte notizia: https://www.adnkronos.com/soldi/economia/2020/05/14/eni-cda-nomina-descalzi-amministratore-delegato_r0XXMPbtntvF0D0A4R41IK.html


Claudio Descalzi | Eni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Eni: assemblea degli azionisti, l’AD Claudio Descalzi: “2018, record della produzione”


Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi


Il 2018 si conferma un’ottima annata per Eni: Claudio Descalzi commenta i risultati conseguiti


Il mondo dopo il Coronavirus: a Sky Tg24 le riflessioni dell’AD di Eni Claudio Descalzi


Claudio Descalzi, al via il “Progetto Africa”: energia e agricoltura insieme per la sostenibilità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Eni, l’AD Claudio Descalzi: l’impegno del Gruppo per la completa neutralità carbonica al 2050

Eni per un futuro energetico completamente decarbonizzato: l'AD Claudio Descalzi ha parlato del forte impegno del Gruppo per la neutralità carbonica.Eni al 2050 illustrata dall'AD Claudio DescalziIn linea con i criteri delineati nell'Accordo di Parigi, Eni è fortemente impegnata per favorire il raggiungimento della completa neutralità carbonica entro il 2050. In un messaggio pubblicato sul sito de (continua)

Eni, Claudio Descalzi fa visita al Presidente dell’Angola: sul tavolo nuove iniziative

Claudio Descalzi ha dichiarato che Eni intende investire 7 miliardi di dollari sullo sviluppo energetico dell'Angola.Claudio Descalzi: il punto sui progetti angolaniLa strategia esplorativa di Eni in Angola continua a dare i suoi frutti. Il giacimento offshore di Agogo, scoperto due anni fa nel Blocco 15/06, in acque angolane, ha consentito al Gruppo di ottenere finora due miliardi di barili di oi (continua)

L’AD di Eni Claudio Descalzi: ricerca e innovazione essenziali per un futuro positivo

Eni, siglato un nuovo accordo quadro con il Politecnico di Milano: intervenuto all'evento, l'AD Claudio Descalzi ha ricordato come per un futuro positivo sia "essenziale puntare sulla ricerca scientifica e sull'innovazione". Eni, evento per il rinnovo della collaborazione con il Politecnico di Milano: l'intervento dell'AD Claudio DescalziÈ "un accordo di importanza strategica che ci dà grande forz (continua)

Claudio Descalzi: ridurre drasticamente l’impronta carbonica, la strategia di Eni

"I principi dell'economia circolare saranno tra i pilastri strategici": così l'AD Claudio Descalzi in un intervento ad "Adnkronos" che illustra gli obiettivi di Eni al 2050."Eni sta cambiando volto, in modo radicale e irreversibile": le parole di Claudio Descalzi ad "Adnkronos"Economia circolare e riduzione drastica dell'impronta carbonica sono le fondamenta della trasformazione di Eni, (continua)

Claudio Descalzi: Eni accelera nel suo percorso di trasformazione con il Piano 2021-2024

Eni accelera la trasformazione iniziata nel 2014 con una nuova Strategy quadriennale che la proietta verso l'obiettivo delle zero emissioni nel 2050: il commento dell'AD Claudio Descalzi. Eni lancia il Piano 2021-2024: il focus dell'AD Claudio DescalziL'anno "più difficile della storia dell'industria energetica" è alle spalle. Eni ora guarda avanti, come sottolineato lo scorso 19 febbraio dall'AD (continua)