Home > News > “CIRCOLI DELLA LEGA DEI MERIDIONALI”, AIELLO E ZIZZO CONTRO CANDIANI: " A FEBBRAIO ERAVAMO GIÀ STATI REINTEGRATI NEL PARTITO SU DECISIONE DI MATTEO SALVINI”

“CIRCOLI DELLA LEGA DEI MERIDIONALI”, AIELLO E ZIZZO CONTRO CANDIANI: " A FEBBRAIO ERAVAMO GIÀ STATI REINTEGRATI NEL PARTITO SU DECISIONE DI MATTEO SALVINI”

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

“CIRCOLI DELLA LEGA DEI MERIDIONALI”, AIELLO E ZIZZO CONTRO CANDIANI:

Andrea Aiello e Anna Zizzo ricostruiscono la vicenda della loro espulsione dalla Lega e replicano alle dichiarazioni del commissario Stefano Candiani


“Il senatore Stefano Candiani mente sapendo di mentire e distorce la verità, e su questo non è possibile tacere: già nel febbraio scorso, in seguito ad un incontro con il leader della Lega, Matteo Salvini, eravamo stati reintegrati nel partito, ma le pressioni della dirigenza locale hanno fatto sì che tale decisione fosse elusa, probabilmente perché il nostro lavoro sul territorio dava fastidio a chi, invece, aveva interessi di casta e di gestione ad personam del partito": è quanto affermano Andrea Aiello, vicepresidente e consigliere della V circoscrizione di Palermo e Anna Zizzo, consigliera comunale di Bagheria, in riferimento alle dichiarazioni del commissario regionale in Sicilia della Lega sull’adesione dei due consiglieri, alla quale stanno facendo seguito decine di amministratori, ai ‘Circoli della Lega dei Meridionali’, il movimento civico guidato da Salvatore Albelice.

"Sono queste le ragioni per le quali è stato più semplice toglierci di mezzo, ‘politicamente parlando’ - spiegano - ma se questo è il modo di gestire localmente un partito, che invece dovrebbe muoversi su linee democratiche e a tutela del territorio, il finale del film è già scritto”.

“Il nostro percorso politico nella Lega - spiegano Aiello e  Zizzo -  ha avuto inizio prima che il partito ottenesse quei risultati elettorali, successivamente raggiunti con le elezioni europee, grazie anche al lavoro che abbiamo svolto nel territorio di Palermo e della provincia:  l’operato dei delegati del commissarioCandianiha dato a tutti noi la certezza che il partito in Sicilia ha subito una vera e propria metamorfosi”.

Una consapevolezza dalla quale, precisano i due consiglieri, sarebbe scaturito il tentativo di aprire un dibattito interno per rimettere al centro dell'azione politica la difesa dei cittadini e dei territori. 

"Abbiamo atteso per mesi una presa di coscienza del problema, che non è mai arrivata - spiegano - al contrario dell’espulsione dal partito solo per aver posto un tema legittimo all’interno di una gestione che ci vedeva sempre ai margini e priva di dialettica”.

“Dunque, avendo compreso l’indisponibilità a dare seguito alle precise indicazioni di Matteo Salvini e senza una reale guida e visione per la nostra terra  - proseguono -  abbiamo capito che non potevamo più attendere tempi e logiche inspiegabili e, senza alcuna polemica, abbiamo preso atto della situazione di stallo intraprendendo un nuovo percorso all'insegna del massimo rispetto per tutti”.

Un rispetto che, secondo Aiello e Zizzo, non sarebbe però stato ricambiato dal commissario della Lega siciliana Candiani " che ha cercato e cerca ancora lo scontro e il dileggio, con dichiarazioni probabilmente portate alla sua attenzione da parte di qualche attento suggeritore". 

“La sua operazione denigratorianon farà altro che spronarci ancora di più per continuare su questo percorso - affermano -  liberi sempre da qualsiasi condizionamento, perché nella nostra visione della politica la tutela del ‘bene comune’occupa il primo posto e poi, eventualmente, c'è il nostro personale percorso politico: il commissario regionale della Lega siciliana se ne faccia una ragione, sforzandosi di lavorare di più per la Sicilia ma dicendo meno bugie”.

“Il nostro progetto - hanno concluso i consiglieri - a differenza del suo, invece, è coesivo e non divisivo e si muove sempre all’interno del centrodestra, con l’obiettivo di dare un contributo, come movimento civico, ad un’alleanza politica di coalizione che veda presente tutti i partiti riconducibili a quell’area”.

Lega | Sicilia | Stefano Candiani | Matteo Salvini | Palemo | Andrea Aiello | Anna Zizzo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MATTEO SALVINI ALLA FORCA PER NON AVER RUBATO I FONDI DELLA LEGA


Il governo populista di M5S e Lega nasce per fare gli interessi dei padroni e dei ricchi, piegandosi a UE, NATO e Vaticano


Antonello De Pierro stringe alleanza con Beatrice Lorenzin e si candida alla Camera


Il Partito Democratico. Origine, organizzazione e identità di Simone Tedeschi


De Pierro su manifestazione di Salvini a Roma, abolire la Lega per legge


SINTONIA TOTALE TRA BEPI PEZZULLI DI SELECT MILANO E SALVINI CONDIVISI A MILANO OBIETTIVI CONCRETI PER LA RIPRESA ECONOMICA ITALIANA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MAREDOLCE, AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

MAREDOLCE,  AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI  PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO
L’avvio delle iniziative di aggregazione sociale ha visto la presenza dell’Associazione Nazionale di volontariato di Protezione Civile, “San Marco” che ha monitorato lo svolgimento delle attività Promuovere l‘invecchiamento attivo, l’attività fisica, la socialità e lo scambio intergenerazionale.  È all’insegna di questi obiettivi che è stato realizzato il campo da bocce all’interno degli spazi del Castello di Maredolce a Palermo, in vicolo del Castellaccio nell’area di Brancaccio, dove gli anziani hanno iniziato – nel pieno rispetto delle indicazioni di protezione individual (continua)

MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

 MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE
Lo rende noto il presidente regionale Salvatore Bivona “A Palermo come nel resto della Sicilia, anche la CIDEC è in prima linea nel contrasto a qualsiasi forma di illegalità e ripudia il pizzo e l’usura, nella piena convinzione che le attività mafiose rendano asfittica l’economia, privando della dignità commercianti e imprenditori”: con queste parole, il presidente della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia Salvatore Bivona prec (continua)

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati : "Le esigenze legate alla sicurezza continuino a rappresentare la priorità"

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati :
Le due sigle sindacali, rappresentate a Palermo da Anna Maria Tirreno e Alfonso Farruggia, chiedono tuttavia soluzioni che tengano anche in considerazione le esigenze dei professionisti “L’attuale condizione di disagio economico e professionale dell’avvocatura palermitana e , più in generale, siciliana, non ci lascia di certo indifferenti, tuttavia riteniamo che pure in questa fase di progressivo allentamento del lockdown la sicurezza debba continuare a rappresentare la priorità assoluta, anche negli ambienti giudiziari”: con queste parole, Anna Maria Tirreno, componente della se (continua)

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”
La protagonista, Leda, conduce il lettore attraverso luoghi quali Tusa, Castel di Lucio, San Mauro Castelverde, Petralia Soprana, Alimena, Vizzini, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro, Vicari, Santa Margherita Belice, Marsala e Ustica Tredici tappe che raccontano un viaggio articolato in altrettanti luoghi del cuore in una Sicilia per molti versi sconosciuta : l'autrice palermitana Giovanna Gebbia ha scelto di omaggiare la bellezza dell'isola per il suo debutto letterario con il libro “Sulle tracce del passato”,  pubblicato dalla casa editrice Intrecci di Roma. Al centro della narrazione, le emozioni di un passat (continua)

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO : "SMART WORKING UNA VACANZA? NON È VERO, FUNZIONA"

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO :
Il segretario generale Alfonso Farruggia: "I dipendenti hanno garantito tutti i servizi" "Una valutazione ingenerosa e superficiale, dalla quale  non possiamo che prendere le distanze, smentendola con i fatti" : con queste parole il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia Alfonso Farruggia commenta le esternazioni del giuslavorista Pietro Ichino in materia di smart working. L’ex parlamentare ha definito "una vacanza pressoché totale, retribuita al 1 (continua)