Home > News > 6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km.


Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km.

Di seguito, approfondiamo la conoscenza del vincitore attraverso risposte ad alcune mie domande.

Quale avversario ti ha preoccupato?Ciao Matteo, il giorno dopo un successo di questa portata per me non è ancora chiaro cosa è accaduto realmente ieri. Qualcuno dirà ‘hai solo vinto una 6ore’...vero, ho solo vinto una 6ore ma questa era la gara che mi doveva far bene capire che le fondamenta per il passatore sono pronte. In gara sinceramente non ho temuto nessuno...sulla linea di partenza ho sciolto l'ultimo dubbio e mi son detto: ‘ROMUALDO ce la giochiamo? ’ Ok, allora proviamoci...partito primo e arrivato primo.”

 

Ne sta facendo tanta di strada Romualdo, da quando si è affacciato nel mondo ultra della corsa, iniziando a sperimentarsi con le prime gare lunghe e poi lunghissime e cercando di curare anche la qualità delle sue prestazioni grazie a persone che lo affiancano, lo aiutano, lo sostengono ma soprattutto grazie a lui stesso per la sua grande fiducia crescente gara dopo gara.

Vincere una 6 ore è un grande risultato soprattutto se si superano i 70 chilometri totalizzati, soprattutto se i partecipanti sono circa 150, soprattutto se tra i partecipanti ci sono atleti del calibro di Marco Lombardi. Una vera grande prestazione da memorizzare e da ricordare per continuare a far bene, anzi a far meglio le prossime volte.

Cosa pensavi in ​​gara?Durante la gara ho solo pensato a correre seppure sentivo tanti amici in gara che tifavano per me...è sempre bello sapere che ci sono persone ed amici che credono in te, ma il mio grazie stavolta lo faccio a mio suocero Roberto fedele assistente che non ha sbagliato un colpo passandomi l'occorrente che serve per nutrirsi durante una gara di endurance. Solo a mezz'ora dalla fine mi sono davvero reso conto di cosa stava per accadere perché Roberto mi ha detto: ‘non mollare adesso’.

 

Una grande gara grazie alla consapevolezza delle proprie potenzialità e fiducia in sé e grazie a persone che tifano soprattutto nei momenti cruciali della gara dove si tratta di non mollare e di continuare a essere performanti fino alla fine.

Ora cosa vuoi ottenere?L'obiettivo del 2020 sarà sicuramente il passatore verso il quale ormai posso dire di dirigermi con la consapevolezza di poter magari ambire anche ad un buon Crono.”

Avuto dubbi, criticità?Parlando della gara devo dire che tutto è stato ben organizzato nei minimi particolari, ma soprattutto ripensando al percorso devo dire che il tracciato di gara non proprio scorrevole mi ha permesso comunque di fare un buon chilometraggio, quindi...che passatore sia...nei prossimi mesi avrò altre gare di avvicinamento, ma per questo ci aggiorneremo.”

 

Un intervista a Romualdo è riportata nel mio libro “Maratoneti e Ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, Edizioni Psiconline.

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

21163@tiscali.it +393804337230

Psicologo, Psicoterapeuta

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

PROGRAMMI LUNGIMIRANTI A MASSA MARITTIMA (GR). A GIORNI LA “XX MAREMMA CUP” E POI… IL MONDIALE!


RITORNA MAREMMA CUP E LA MTB SI FA GRANDE. HORS CLASS - INTERNAZIONALI D’ITALIA A FINE MARZO


A tutta Maremma


Il sito archeologico di Somma Vesuviana diventa pubblico Ieri la donazione alla Soprintendenza da parte della Fondazione Romualdo Del Bianco - Life Beyond Tourism


VIGILIA “AZZURRA” PER LA XX MAREMMA CUP. LA NAZIONALE SI PREPARA AL “GRAND PRIX”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)