Home > News > 6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km.


Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km.

Di seguito, approfondiamo la conoscenza del vincitore attraverso risposte ad alcune mie domande.

Quale avversario ti ha preoccupato?Ciao Matteo, il giorno dopo un successo di questa portata per me non è ancora chiaro cosa è accaduto realmente ieri. Qualcuno dirà ‘hai solo vinto una 6ore’...vero, ho solo vinto una 6ore ma questa era la gara che mi doveva far bene capire che le fondamenta per il passatore sono pronte. In gara sinceramente non ho temuto nessuno...sulla linea di partenza ho sciolto l'ultimo dubbio e mi son detto: ‘ROMUALDO ce la giochiamo? ’ Ok, allora proviamoci...partito primo e arrivato primo.”

 

Ne sta facendo tanta di strada Romualdo, da quando si è affacciato nel mondo ultra della corsa, iniziando a sperimentarsi con le prime gare lunghe e poi lunghissime e cercando di curare anche la qualità delle sue prestazioni grazie a persone che lo affiancano, lo aiutano, lo sostengono ma soprattutto grazie a lui stesso per la sua grande fiducia crescente gara dopo gara.

Vincere una 6 ore è un grande risultato soprattutto se si superano i 70 chilometri totalizzati, soprattutto se i partecipanti sono circa 150, soprattutto se tra i partecipanti ci sono atleti del calibro di Marco Lombardi. Una vera grande prestazione da memorizzare e da ricordare per continuare a far bene, anzi a far meglio le prossime volte.

Cosa pensavi in ​​gara?Durante la gara ho solo pensato a correre seppure sentivo tanti amici in gara che tifavano per me...è sempre bello sapere che ci sono persone ed amici che credono in te, ma il mio grazie stavolta lo faccio a mio suocero Roberto fedele assistente che non ha sbagliato un colpo passandomi l'occorrente che serve per nutrirsi durante una gara di endurance. Solo a mezz'ora dalla fine mi sono davvero reso conto di cosa stava per accadere perché Roberto mi ha detto: ‘non mollare adesso’.

 

Una grande gara grazie alla consapevolezza delle proprie potenzialità e fiducia in sé e grazie a persone che tifano soprattutto nei momenti cruciali della gara dove si tratta di non mollare e di continuare a essere performanti fino alla fine.

Ora cosa vuoi ottenere?L'obiettivo del 2020 sarà sicuramente il passatore verso il quale ormai posso dire di dirigermi con la consapevolezza di poter magari ambire anche ad un buon Crono.”

Avuto dubbi, criticità?Parlando della gara devo dire che tutto è stato ben organizzato nei minimi particolari, ma soprattutto ripensando al percorso devo dire che il tracciato di gara non proprio scorrevole mi ha permesso comunque di fare un buon chilometraggio, quindi...che passatore sia...nei prossimi mesi avrò altre gare di avvicinamento, ma per questo ci aggiorneremo.”

 

Un intervista a Romualdo è riportata nel mio libro “Maratoneti e Ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, Edizioni Psiconline.

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

21163@tiscali.it +393804337230

Psicologo, Psicoterapeuta

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La TOP cover dedica la cover ad Angela Ruggeri fotomodella, atleta professionista


PROGRAMMI LUNGIMIRANTI A MASSA MARITTIMA (GR). A GIORNI LA “XX MAREMMA CUP” E POI… IL MONDIALE!


Come costruire un funnel su Facebook efficace per il tuo eCommerce


RITORNA MAREMMA CUP E LA MTB SI FA GRANDE. HORS CLASS - INTERNAZIONALI D’ITALIA A FINE MARZO


A tutta Maremma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre
Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Sai che dopo la sofferenza c’è uno stato di grazia che niente al mondo può regalartiMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.Qua (continua)

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica
Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire.L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; p (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport?

Cosa spinge le persone a fare sport?
Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra. Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad (continua)

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner
La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatto Matteo SIMONE La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatt (continua)

Pierluigi Lops: La gara della vita probabilmente la 100 km del passatore

Pierluigi Lops: La gara della vita probabilmente la 100 km del passatore
Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport, di seguito Pierluigi racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. La mia prima maratona di Roma nel 2011 forse è lì che mi sono sentito completamente atletaMatteo SIMONEwww.psicologiadellosport.net Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che d (continua)