Home > Arte e restauro > DAC e Telo, condiVISIONI

DAC e Telo, condiVISIONI

scritto da: CSArt | segnala un abuso

DAC e Telo, condiVISIONI

La storica sede di Casa Bonadè Bottinoospita, dal 27 giugno al 5 luglio 2020, la bi-personale degli artisti DAC e Telo, a cura di Louis Charrié.


La storica sede di Casa Bonadè Bottino a Pinerolo (TO) ospita, dal 27 giugno al 5 luglio 2020, “condiVISIONI”, mostra bi-personale degli artisti DAC e Telo, a cura di Louis Charrié.

In accordo con gli organizzatori, i due autori hanno scelto di allestire la mostra nel nucleo più antico della struttura, ovvero gli spazi trecenteschi a piano terra, a simboleggiare il desiderio di ancorare la propria ricerca artistica alle radici storiche dell’intera comunità.

Il percorso espositivo comprende una quindicina di opere, tra dipinti ed installazioni, appartenenti a cicli recenti di entrambi gli artisti: “Legàmi” per DAC e “Pagine” per Telo.

L’incontro di DAC e Telo, distanti anagraficamente, ma vicini artisticamente, si fonda – come spiega il curatore – su un nuovo pensiero artistico, definito DemocraticArt in quanto teso a mettere in evidenza i conflitti che dominano la società contemporanea.

«La ricerca di DAC – scrive Louis Charrié – è basata sui “Legàmi”. Far riemergere quei legàmi e quei valori della sua infanzia, che la società odierna ha smarrito, quel bisogno di stare insieme, di condividere e di fare gruppo, che non è fare gruppo come purtroppo molti lo intendono, prevaricando e disprezzando, puntando il dito o denigrando chi è diverso, chi non la pensa allo stesso modo, cercando di emergere a discapito degli altri. Al contrario, cercare di ricostruire quei legàmi che hanno portato la società a credere in valori purtroppo oggi desueti, ma che bisogna far riemergere e che riportino al rispetto, delle proprie e delle altrui diversità».

«Dopo aver ricercato ed essersi confrontato con varie discipline artistiche, tra cui l’espressionismo e l’informale lirico, segnico e materico, Telo approda a un concettuale geometrico, che lo porta a una liricità artistica. Allo stesso modo – prosegue il curatore – abbraccia e fa suo il pensiero DemocraticArt, ponendo in primo piano l’attuale decadenza del libro e della lettura, anticipando le istanze di molti, che solo oggi sentono la necessità di porre in primo piano ciò che egli denuncia da tempo: le problematiche di una società che non legge più, che non ama e non sente più la necessità di prendere tra le mani e sfogliare un libro. Telo pone in evidenza con le sue opere che rappresentano ipotetiche “Pagine” – così chiama le sue opere - l’importanza che esse hanno avuto nella storia della nostra società e nella storia del mondo, riportando l’attenzione sulla necessità di insegnare ai nostri giovani il significato della lettura e il ruolo che ha avuto nella storia dell’uomo!».

La mostra, che sarà inaugurata sabato 27 giugno alle ore 18.00, sarà visitabile fino al 5 luglio 2020, di venerdì, sabato e domenica con orario 16.00-19.30. Ingresso libero. Per garantire la visita in sicurezza, gli accessi saranno contingentati e sarà richiesto al pubblico l’uso della mascherina. Per informazioni: casabonadebottino@gmail.com, https://casabonadebottino.it/.

DAC nasce nel 1991 ad Anzio, in provincia di Roma. Nel 2014 si trasferisce a Torino per specializzarsi in Fisica dei Sistemi Complessi. Attualmente vive e lavora a Torino svolgendo, parallelamente alla ricerca artistica, l’attività di ricercatore in ambito Data Science. Al centro delle sue opere, di matrice concettuale, vi è il tema dell’identità. Per maggiori informazioni: gabdac.art@gmail.com - IG @officiallydac.

Telo nasce a Milano nel 1945. Durante la sua carriera artistica sperimenta molte tecniche, partendo da un espressionismo figurativo e arrivando al concettuale. Ha partecipato a numerose mostre di interesse nazionale. Vive e lavora ad Orbassano, nei pressi di Torino. Per maggiori informazioni: telopiutelo@gmail.com - FB Telo Telo.

Situata nel quadrilatero più antico del centro storico di Pinerolo, Casa Bonadè Bottino è luogo di incontro culturale. Le sue architetture spaziano dalle volte del 1300 agli affreschi del 1600 piemontese, offrendo ai visitatori uno spazio variegato ed allo stesso tempo originale.


Fonte notizia: https://casabonadebottino.it/


DAC | Telo | Casa Bonadè Bottino | Louis Charrié | arte |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Guida alla stesura nella carta da parati


DAC EDIZIONI : SELF PUBLISHING E PER NUOVI AUTORI


DAC EDIZIONI : SELF PUBLISHING E PER POETI, ROMANZIERI, SAGGISTI


Unghie, tra bellezza e benessere


12 domande sulle piscine fuori terra


Stefano Toma Blog affronta i temi Editoria e Giornalismo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LA PROSPETTIVA DELL’EFFIMERO. Antonio Joli e la “scena per angolo”

LA PROSPETTIVA DELL’EFFIMERO. Antonio Joli e la “scena per angolo”
"La prospettiva dell'effimero. Antonio Joli e la scena per angolo" è il titolo della mostra che "La Galleria. Collezione e Archivio Storico" di BPER Banca presenta dal 18 settembre all'8 novembre 2020 presso gli spazi espositivi di Modena. L'esposizione viene inaugurata in occasione del festivalfilosofia 2020 e interpreta il tema selezionato per la ventesima edizione del festival - Macchine - a partire da una "scena per angolo" di Antonio Joli, parte della Collezione di BPER Banca. “La prospettiva dell’effimero. Antonio Joli e la scena per angolo” è il titolo della mostra che “La Galleria. Collezione e Archivio Storico” di BPER Banca presenta dal 18 settembre all’8 novembre 2020 presso gli spazi espositivi di via Scudari 9 a Modena. L’esposizione viene inaugurata in occasione del festivalfilosofia 2020 e interpreta il tema selezionato per la ventesima edizione del fe (continua)

Stoner. Landing pages

Stoner. Landing pages
Nell'ambito di “Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)”, una mostra d'arte contemporanea liberamente ispirata al romanzo “Stoner” di John Williams. Promossa dall’Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdesa e prodotta dal Sistema museale “Museo diffuso Empolese Valdelsa”(MuDEV) e da YAB Young Artists Bay, si terrà a Certaldo e Gambassi Terme (FI) la seconda edizione di “Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)”, posticipata di alcuni mesi a causa dell’emergenza sanitaria. Fissate anche le nuove dat (continua)

PAM! Privatissima. Arte Modena 2020

PAM! Privatissima. Arte Modena 2020
Mostra in tre sedi: Palazzo Piella, Castelfranco Emilia; Palazzo Ducale, Pavullo nel Frignano; Torrione medievale, Castelnuovo Rangone. A cura di Sergio Bianchi, Alessandro Mescoli e Federica Sala. Con il contributo di Fondazione di Modena. I Comuni di Pavullo nel Frignano, Castelfranco Emilia e Castelnuovo Rangone presentano, dal 5 settembre al 7 novembre 2020, “PAM! Privatissima. Arte Modena 2020”, mostra in tre sedi che fotografa lo stato attuale dell’arte a Modena.L’esposizione, a cura di Sergio Bianchi, Alessandro Mescoli e Federica Sala, è realizzata grazie al contributo della Fondazione di Modena, con la collaborazione d (continua)

Collectors Night 2020

Collectors Night 2020
A Pietrasanta, il 25 luglio, torna la notte più amata dai collezionisti d'arte. Otto gallerie per un unico progetto, all'insegna dell'arte e della cultura. Pietrasanta si conferma capitale dell’arte contemporanea. Sabato 25 luglio torna la “Collectors Night”, la notte più amata dai collezionisti, che raccoglie le proposte espositive di otto gallerie d’eccellenza nel panorama italiano, tutte iscritte all’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea. Realizzata con il patrocinio del Comune di Pietrasanta e con al fianco Perrie (continua)

Carlo Moretti e Cristina Iotti. Silenti fioriture

Carlo Moretti e Cristina Iotti. Silenti fioriture
Silenti fioriture: mostra d'arte di Cristina Iotti e Carlo Moretti a Villa Verde. Nella casa di cura di Reggio Emilia, dall'11 luglio al 26 settembre 2020, un doppio percorso espositivo, negli spazi d'accoglienza e nel parco, con opere a tema floreale La Casa di Cura privata polispecialistica Villa Verde di Reggio Emilia (viale Lelio Basso, 1) conferma, anche per l’estate 2020, il consueto appuntamento con la pittura e l’arte ambientale, attraverso un doppio percorso espositivo che, dall’11 luglio al 26 settembre 2020, collegherà l’esterno e l’interno della struttura, portando una selezione di opere a tema floreale degli artisti Cristina I (continua)