Home > Cultura > Due enormi bugie sulla droga: “riduzione del danno” e “droghe leggere”

Due enormi bugie sulla droga: “riduzione del danno” e “droghe leggere”

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Due enormi bugie sulla droga: “riduzione del danno” e “droghe leggere”

Sul soggetto della droga circolano innumerevoli informazioni false e alterate; la campagna “La Verità sulla droga” si propone di diffondere informazioni correte fra i giovani.


Quando negli anni ’70 e ’80 è esploso il fenomeno sociale del consumo di droga, lo stato ha immediatamente reagito cercando di contrastare produzione, spaccio e consumo. La sola repressione si è rivelata una politica infruttuosa, dato che il consumo di droga ha continuato ad aumentare nei decenni successivi. L’errore fondamentale è stato tralasciare il soggetto della prevenzione: finché ci sarà richiesta, ci sarà anche che la produce e la smercia. È la dura legge del mercato, legge evidentemente più forte di qualsiasi proibizione.

Negli anni ’90 il soggetto della droga è ha cominciato a far gola alla politica: visto che tanti giovani si drogano, perché non cercare voti in quell’ampio bacino? Ecco che da più parti politiche si è cominciato a parlare di “riduzione del danno” e “droghe leggere”.

La “riduzione del danno” è quanto di più malvagio e infido si possa concepire, dato che consiste sostanzialmente nel fornire “droga di stato” al posto della “droga illegale”. A chi abusa di eroina, ad esempio, si fornisce il “metadone”. Il metadone non è una medicina che disintossica, è semplicemente un’altra droga! A un ubriacone alcolizzato che di solito beve whisky gli consigliereste di bere gin per risolvere il problema? Eppure alcune forze politiche hanno creduto e continuano a credere a questa narrazione.

Per “droghe leggere” si intende normalmente la cannabis e la maggior parte i suoi derivati. A volte viene incluso anche l’hashish, recentemente vengono considerate leggere anche i funghi allucinogeni (legalizzati in Colorado, a Denver). La definizione di droga leggera includerebbe “che non dà dipendenza”, che creano effetti di alterazione mentale “lievi”, adatte all’uso “ricreativo”.

Il concetto di “droga leggera” è persino più subdolo e pericoloso: si tratta di un mezzo per spingere i ragazzi a provare la droga, ben sapendo che i derivati della cannabis danno dipendenza, causano effetti allucinatori e il loro abuso diventa tutt’altro che “ricreativo”. Le statistiche mostrano che chi assume cannabis ha molte più probabilità di passare a droghe ancora più potenti e dannose, mostrano che crea reale dipendenza, mostrano che l’iniziale uso ricreativo passa rapidamente all’abuso e all’intossicazione. Inoltre la marijuana è tutt’altro che leggera: la correlazione con la psicosi è forte, il rendimento scolastico crolla, i danni alla salute sono ben peggiori del tabacco, gli incidenti stradali aumentano dove la marijuana è legale.

La campagna “La Verità sulla Droga” è nata per informare i giovani prima vengano “informati” dagli spacciatori, dagli “amici” più grandi o da innumerevoli siti internet che magnificano le proprietà curative della marijuana e danno “consigli” su come sballarsi al meglio.

La campagna è portata avanti dall’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”. Si tratta di un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | riduzione del danno | marijuana | droghe leggere |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mondo Libero dalla Droga a Cascina


26 giugno 2020 - Giornata mondiale contro il consumo e il traffico illecito di droga


Le Bugie di Elisa presentano il loro primo disco


Doppia celebrazione per Roma


Il programma di prevenzione antidroga della Chiesa di Scientology


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)