Home > Ambiente e salute > Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici

La normativa vigente in materia di pubblicità dei medicinali omeopatici deriva dal D.lgs. 219/2006 e dalle modifiche introdotte con il D.lgs. n. 274 del 29 dicembre 2007. Si definisce medicinale omeopatico ogni medicamento ottenuto utilizzando sostanze di origine minerale, chimica, vegetale, animale e biologica secondo processi di produzione specifici indicati nelle farmacopee ufficiali.


I medicinali omeopatici attualmente in commercio in Italia hanno goduto delle disposizioni transitorie definite dall’art. 20 del D.lgs. 219/2006 che ha permesso ai prodotti già presenti sul mercato alla data del 6 giugno 1995 di rimanere in commercio, in virtù di una disposizione ope legis. La Procedura di rinnovo dell’autorizzazione ope legis (Legge n. 190/2014) ha consentito al titolare AIC di depositare il dossier di registrazione in AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) entro il 30 giugno 2017 e di ottenere dopo valutazione favorevole dell’Agenzia l’autorizzazione all’immissione in commercio. Attualmente la maggior parte di questo tipo di registrazioni sono ancora in corso di valutazione da parte di AIFA.

Rispetto al farmaco allopatico, l’omeopatico può usufruire anche di una procedura di registrazione semplificata se è destinato alla somministrazione orale o esterna, se ha un grado di diluizione tale da garantirne la sicurezza – ovvero non più di  una parte per 10.000 di tintura madre e non più di una parte per 100 della più piccola dose della sostanza attiva usata nel medicinale allopatico, la cui presenza comporta l’obbligo di presentare una ricetta medica, e se non riporta indicazioni terapeutiche in etichetta. Per poter autorizzare un medicinale omeopatico con indicazioni terapeutiche, o un qualsiasi omeopatico che non presenti i requisiti di cui sopra, bisogna invece depositare domanda di autorizzazione ordinaria – come da art. 18 c. 1, primo periodo del D.lgs. 219/2006 – corredata da studi clinici a supporto delle indicazioni proposte e una documentazione relativa a qualità, sicurezza ed efficacia.

La pubblicità dei medicinali omeopatici è soggetta alle medesime restrizioni degli altri medicinali, secondo il titolo VIII del D.lgs. 219/2006 e deve limitarsi a utilizzare le informazioni in etichetta o nel foglio illustrativo (art. 128). Il foglio illustrativo non è tuttavia obbligatorio. Persiste l’eccezione, che qui non dettaglieremo, dei farmaci omeopatici già presenti alla vendita il 6 giugno 1995. È prevista una sanzione amministrativa in caso di inosservanza delle predette norme.

Pertanto la pubblicità dei medicinali omeopatici segue la prassi dell’informazione medico-scientifica rivolta agli operatori sanitari, ma sulla documentazione fornita deve essere chiaramente indicato che “non vi è, allo stato, evidenza scientificamente provata dell’efficacia del medicinale omeopatico o antroposofico” (D.lgs. 274 del 29 dicembre 2007).

Per quanto riguarda etichetta e foglio illustrativo deve esserci stampato, tra le varie specifiche richieste, con grande evidenza “medicinale omeopatico” e “senza indicazioni terapeutiche approvate”. Altre indicazioni necessarie sono quelle inerenti il produttore, la modalità d’uso, la scadenza, le avvertenze e i vari dati amministrativi richiesti. I medicinali omeopatici sono tutti in fascia C, quindi non a carico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

Grande confusione si genera, spesso, presso il fruitore finale, tra fitoterapia e omeopatia. Mentre la pubblicità dei medicinali omeopatici è rigorosamente controllata dall’AIFA, i rimedi fitoterapici oltre che in farmacia possono essere acquistati in erboristeria, non tutti richiedono una prescrizione medica e rientrano per lo più nella categoria degli integratori alimentari, soggetta a regole differenti in materia di pubblicità.

Talvolta alla violazione delle norme sulla pubblicità dei medicinali omeopatici si associa anche la mendace attribuzione di indicazioni terapeutiche, che allo stato delle attuali ricerche scientifiche non sono in alcun modo documentabili.

Sebbene siano in molti, tra medici e scienziati, a dichiarare inefficaci i rimedi omeopatici, resta da parte delle istituzioni preposte il doveroso compito di vigilare sulla comunicazione medica, poiché una qualsiasi sostanza introdotta nell’organismo può comunque determinare effetti avversi e nocivi. Anche se si tratta di una sostanza di origine vegetale.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Prodotti omeopatici: vendita online su Mediafarma.it


OMEOPATIA: che cos’è?


La forza dell’omeopatia contro le allergie di stagione


“Pubblicità: Moda e Guerra, Le parole in comune’: il primo libro della fashion designer Fabiana Gabellini edito da Linea Edizioni


Pubblicità Pay-Per-Click: Cos'è PPC e come funziona?


Micoterapia, come impiegare i funghi medicinali


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scegliere le mascherine in base alla situazione

Scegliere le mascherine in base alla situazione
Le raccomandazioni per superare la pandemia e abbassare la curva dei contagi da Covid-19 sono sempre le stesse. Mantenimento della distanza interpersonale, lavarsi spesso le mani con sapone o con gel igienizzante e indossare la mascherina anche all’aperto. Dall’inizio della pandemia abbiamo iniziato a prendere conoscenza con varie terminologie legate alle protezioni facciali e abbiamo iniziato a riconoscere la differenza tra mascherine auto-prodotte, mascherine chirurgiche e mascherine FFP2 e FFP3.Quelle autoprodotte, chiamate anche di comunità, non possono essere considerate dispositivi medici né tanto meno dispositivi di protezione individuali, ma (continua)

Integratori, quali i danni di un consumo eccessivo?

Integratori, quali i danni di un consumo eccessivo?
La maggior parte dei consumatori ritiene che l’assunzione di sostanze “naturali” posso sola essere un beneficio, e non perdono troppo tempo a verificarne l’origine o le quantità. In aggiunta, la grande disponibilità di prodotti erboristici e integratori alimentari in tutti i canali di vendita – supermercati, siti internet, farmacie – rende estremamente semplice approvvigionarsi di tutte le varietà che il mercato può offrire. È infatti noto a tutti che gli integratori alimentari non sono medicinali, non necessitano di una ricetta del medico, e sono generalmente ben tollerati. Tuttavia, non è altrettanto noto che essi possono comunque avere effetti indesiderati, che possono essere dovuti a ipersensibilità individuali, a patologie concomitanti, ad abuso o a scarsa qualità del prodotto. Se prima di procedere (continua)

COVID-19, la prevenzione inizia in casa

COVID-19, la prevenzione inizia in casa
Cosa fare per difenderci dal coronavirus quando ci troviamo in ambienti molto frequentati (posto di lavoro, mezzi pubblici, negozi, bar e ristoranti ecc.) ormai lo sappiamo tutti: mantenere il distanziamento sociale, indossare sempre la mascherina, lavare o disinfettare spesso le mani. Cosa dobbiamo fare, invece, per difenderci tra le mura domestiche? La maggior parte di noi, infatti, ha imparato a sentirsi sicuro “almeno” in casa: è qui che ci sentiamo di toglierci la mascherina e toccare oggetti e superfici in tutta tranquillità. Tuttavia, anche in casa è bene prendere le dovute precauzioni , soprattutto se la nostra vita quotidiana  (continua)

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare

Dove lo butto? Un’etichetta ci aiuta a differenziare
L’introduzione, su tutto il territorio nazionale, della raccolta differenziata ha portato nelle nostre vite un dubbio amletico quotidiano: dove buttare cosa. I sistemi variano da comune a comune, ma le multe sono ovunque salate, ed individuare il contenitore giusto non è sempre facile per tutti gli articoli. Dove lo butto il flacone del deodorante, mezzo di vetro e mezzo di plastica? E i gusci delle cozze vanno comunque nell’umido? E i cartoni unti della pizza?Se poi, alla difficoltà, si aggiungono lo scarso impegno e la disinformazione dei cittadini – (continua)

Integratori alimentari per il corpo e la mente

Integratori alimentari per il corpo e la mente
Allenare il corpo e mantenere attiva la mente, questo è il trucco non trucco per mantenersi giovane e prevenire alcune malattie. Esercizio fisico e mentale, un’alimentazione sana e a supportarci possono esserci d’aiuto gli integratori alimentari. Se per mantenere efficiente il corpo, facciamo esercizi fisici, camminate all’aperto, iniziamo ad andare costantemente in bicicletta, per la mente è importante leggere molto ed esercitarsi, per esempio, con l’enigmistica. Oltre che a tenere allenata la mente bisogna anche dargli il giusto cibo per mantenersi giovane. Una dieta che contiene verdura, frutta, cereali integrali, latti (continua)