Home > Arte e restauro > Marco Casentini. Drive In

Marco Casentini. Drive In

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Marco Casentini. Drive In

Mostra personale dell'artista Marco Casentini dal 3 luglio al 1° settembre 2020 alla Rocca di Umbertide, in provincia di Perugia


La Rocca di Umbertide ospita, dal 3 luglio al 1° settembre 2020, “Drive In”, mostra personale di Marco Casentini, tra gli artisti astratti italiani più rappresentativi della sua generazione.

Promossa dal Comune di Umbertide in collaborazione con FerrarinArte e Kromya Art Gallery, l’esposizione sarà inaugurata venerdì 3 luglio alle ore 18.00, alla presenza dell’artista.

La mostra arriva alla Rocca di Umbertide come tappa di un tour che dal 2017 ha coinvolto musei ed istituzioni italiane ed estere, come la Bocconi Art Gallery di Milano, il MOAH - Museum of Art and History di Lancaster, la Reggia di Caserta e il Cultural Centre Science and Technology Museum di Kuwait City. 

«Melodie senza fine e senza centro, i dipinti di Marco Casentini – scrive il critico d’arte Federico Sardella –, essi stessi luogo ove accade la pittura; nella ricchezza dei piani sovrapposti e nella lucentezza delle tinte, offrono una sinestetica poetica del paesaggio urbano e specialmente dei suoi luoghi d’affezione».

«In “Drive In” – spiega lo stesso artista – c’è il ricordo del viaggio, è un entrare dentro la mia arte e seguirne i contorni e le sensazioni. Lo spazio espositivo diventa il luogo dove lo spettatore può percepire le emozioni che ho condiviso. Allo stesso tempo, poiché tutte le mie opere fanno riferimento a luoghi o a esperienze di viaggio, “Drive In” è anche una riflessione metaforica sul tema dell’essere in un altro luogo».

Nel caos calmo delle opere di Marco Casentini l’obiettivo è perseguire la luce del colore. Esplorando la geometria degli spazi attraverso i pigmenti e le forme, l’artista crea ambienti ideali in cui potersi riconoscere. Lavori che, ad Umbertide, si pongono in dialogo con gli spazi della fortezza medievale, dando vita ad un’opera d’arte totale.

In occasione della mostra, sarà presentato il catalogo “Drive In” (2020) con testi di Andi Campagnone, Federico Sardella, Luca Palermo e Fatemeh Asiri, prefazione di Giorgio Ferrarin e ricco apparato iconografico.

La Rocca di Umbertide è aperta al pubblico da martedì a domenica e nei giorni festivi con orario 10.30-12.30 e 16.30-18.30, chiuso il lunedì. È richiesto l’uso di dispositivi di protezione individuale. Ingresso intero Euro 5, ridotto Euro 3, gratuito per ragazzi fino ad 11 anni. Il biglietto comprende anche l'ingresso al Museo Comunale di Santa Croce. Per informazioni: T. +39 075 9413691, rocca-v@libero.it, www.comune.umbertide.it.

Marco Casentini, nato nel 1961 alla Spezia, vive fino all’età di 26 anni tra La Spezia e Lucerna, in Svizzera, dove nel 1983 tiene la sua prima mostra personale presso la galleria Nanu. Nel 1998 si trasferisce a Milano. I quadri del primo periodo milanese sono connotati da un uso del colore tipicamente lombardo: ocra, terre, verdi, gli stessi colori che si possono osservare nel paesaggio urbano della città. A partire dal 1996 inizia a viaggiare negli Stati Uniti, inizialmente attraverso l’Ovest e in seguito negli stati centrali e dell’Est. I colori, e soprattutto la luce della California, entrano in maniera determinante nella sua creatività: abbandona l’uso delle terre e la sua tavolozza si arricchisce di nuovi colori e soprattutto di nuove atmosfere. Vive per sei anni a Los Angeles ed instaura rapporti con gallerie americane che lo rappresentano tutt’oggi. Nel 2005 riceve il prestigioso premio della fondazione Pollock-Krasner di New York e nel 2010 il Premio Poeti e Artisti Liguri nel Mondo Lerici PEA. Ha tenuto esposizioni museali personali presso il Museum für Konkrete Kunst di Ingolstadt in Germania, la Mestna Galerija di Nova Gorica, il Torrance Art Museum di Torrance in California, il Bakersfield Museum of Art di Bakersfield in California, il Riverside Art Museum di Riverside in California, il CAMeC della Spezia, la Reggia Reale di Caserta, il MOAH - Museum of Art and History di Lancaster in California, il  Science and Technology Museum di Kuwait City e in gallerie private a Milano, Lucerna, Monaco di Baviera, Francoforte,  Parigi, Chicago, Phoenix, Los Angeles, San Diego, San Francisco, Palm Desert, Ketchum, New York, Miami e Taipei. Attualmente vive a Milano ed insegna all’Accademia di Belle Arti di Brera, trascorrendo ogni anno lunghi periodi a Los Angeles.


Fonte notizia: http://www.comune.umbertide.it


Marco Casentini | Drive In | Rocca di Umbertide | FerrarinArte | Kromya Art Gallery | arte |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LA SMART CHE DA' LA SCOSSA


A-STATE FOOTBALL TAKES OUTRIGHT SUN BELT TITLE IN DOMINATING FASHION


Recupero Foto Cancellate da Cellulari e Smartphone a Roma


Recupero Dati a Roma ? Scegli il servizio di Newtechsystem Recupero Dati


Recupero SMS Cancellati e Chat da Cellulare, Smartphone e Tablet a Roma


Carole Crist talks fashion, Goddessey, Halloween and Charlie


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LA PROSPETTIVA DELL’EFFIMERO. Antonio Joli e la “scena per angolo”

LA PROSPETTIVA DELL’EFFIMERO. Antonio Joli e la “scena per angolo”
"La prospettiva dell'effimero. Antonio Joli e la scena per angolo" è il titolo della mostra che "La Galleria. Collezione e Archivio Storico" di BPER Banca presenta dal 18 settembre all'8 novembre 2020 presso gli spazi espositivi di Modena. L'esposizione viene inaugurata in occasione del festivalfilosofia 2020 e interpreta il tema selezionato per la ventesima edizione del festival - Macchine - a partire da una "scena per angolo" di Antonio Joli, parte della Collezione di BPER Banca. “La prospettiva dell’effimero. Antonio Joli e la scena per angolo” è il titolo della mostra che “La Galleria. Collezione e Archivio Storico” di BPER Banca presenta dal 18 settembre all’8 novembre 2020 presso gli spazi espositivi di via Scudari 9 a Modena. L’esposizione viene inaugurata in occasione del festivalfilosofia 2020 e interpreta il tema selezionato per la ventesima edizione del fe (continua)

Stoner. Landing pages

Stoner. Landing pages
Nell'ambito di “Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)”, una mostra d'arte contemporanea liberamente ispirata al romanzo “Stoner” di John Williams. Promossa dall’Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdesa e prodotta dal Sistema museale “Museo diffuso Empolese Valdelsa”(MuDEV) e da YAB Young Artists Bay, si terrà a Certaldo e Gambassi Terme (FI) la seconda edizione di “Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)”, posticipata di alcuni mesi a causa dell’emergenza sanitaria. Fissate anche le nuove dat (continua)

PAM! Privatissima. Arte Modena 2020

PAM! Privatissima. Arte Modena 2020
Mostra in tre sedi: Palazzo Piella, Castelfranco Emilia; Palazzo Ducale, Pavullo nel Frignano; Torrione medievale, Castelnuovo Rangone. A cura di Sergio Bianchi, Alessandro Mescoli e Federica Sala. Con il contributo di Fondazione di Modena. I Comuni di Pavullo nel Frignano, Castelfranco Emilia e Castelnuovo Rangone presentano, dal 5 settembre al 7 novembre 2020, “PAM! Privatissima. Arte Modena 2020”, mostra in tre sedi che fotografa lo stato attuale dell’arte a Modena.L’esposizione, a cura di Sergio Bianchi, Alessandro Mescoli e Federica Sala, è realizzata grazie al contributo della Fondazione di Modena, con la collaborazione d (continua)

Collectors Night 2020

Collectors Night 2020
A Pietrasanta, il 25 luglio, torna la notte più amata dai collezionisti d'arte. Otto gallerie per un unico progetto, all'insegna dell'arte e della cultura. Pietrasanta si conferma capitale dell’arte contemporanea. Sabato 25 luglio torna la “Collectors Night”, la notte più amata dai collezionisti, che raccoglie le proposte espositive di otto gallerie d’eccellenza nel panorama italiano, tutte iscritte all’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea. Realizzata con il patrocinio del Comune di Pietrasanta e con al fianco Perrie (continua)

Carlo Moretti e Cristina Iotti. Silenti fioriture

Carlo Moretti e Cristina Iotti. Silenti fioriture
Silenti fioriture: mostra d'arte di Cristina Iotti e Carlo Moretti a Villa Verde. Nella casa di cura di Reggio Emilia, dall'11 luglio al 26 settembre 2020, un doppio percorso espositivo, negli spazi d'accoglienza e nel parco, con opere a tema floreale La Casa di Cura privata polispecialistica Villa Verde di Reggio Emilia (viale Lelio Basso, 1) conferma, anche per l’estate 2020, il consueto appuntamento con la pittura e l’arte ambientale, attraverso un doppio percorso espositivo che, dall’11 luglio al 26 settembre 2020, collegherà l’esterno e l’interno della struttura, portando una selezione di opere a tema floreale degli artisti Cristina I (continua)