Home > Economia e Finanza > Banche USA, nuovi limiti da parte della FED per fronteggiare il Covid

Banche USA, nuovi limiti da parte della FED per fronteggiare il Covid

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Primo esame dell’era coronavirus, sono stati imposti ai 34 grandi istituti dei tetti ai dividendi e divieti ai buyback nel terzo trimestre


I numeri confermano i timori: la pandemia ha ripreso ad assaltare gli USA, dove il numero di contagi è in aumento. E questo si traduce anche in una nuova minaccia nei confronti dell'economia. Un capitolo speciale meritano le banche USA, protagoniste in negativo dell'ultima grande crisi del 2008. Oggi sono senza dubbio più solide di allora, con le carte di regola per reggere a questo urto, ma non senza conseguenze.

Gli stress test della FED sulle banche

fed bancheLa crisi infatti potrebbe comportare delle perdite per centinaia di miliardi di dollari, secondo gli ultimi stress test condotti dalla Federal Reserve. I test della banca centrale americana sono stati condotti - come ogni anno - sui principali 34 gruppi bancari statunitensi. Si va da JP Morgan a Bank of America, da Citigroup a Goldman Sachs. La fotografia delle banche USA però stavolta è leggermente differente, perché contiene anche appositi criteri di “sensibilità” al contagio da coronavirus.

Le misure restrittive

Tenuto conto dello scenario recessivo molto pesante, e della necessità di preservare capitali indispensabili, la Fedreal Reserve ha imposto restrizioni e misure precauzionali molto rigide. Ha infatti fissato un tetto ai dividendi che le banche USA potranno distribuire. Questi ultimi non potranno superare la media dei profitti degli ultimi quattro trimestri. Inoltre la FED ha deciso di vietare le operazioni di buyback azionari nel periodo che va da luglio e settembre, tenuto conto che essere ormai rappresentano il 70% dei premi agli azionisti (in base proprio ai calcoli della Fed). I vertici Fed non hanno escluso di dover ricorrere a ulteriori misure di precauzione.

Consiglio: ci sono molti broker per scalping forex, per cui occorre scegliere con cura quello che è maggiormente adatto alle proprie esigenze.

Banche e mercati

Ma perché queste misure? Perché secondo la FED c'è il rischio che i danni in bilancio a causa di prestiti in sofferenza potrebbe raggiungere addirittura i 700 miliardi di dollari. Si tratterebbe di un impatto analogo a quello che si ebbe in occasione della grande crisi finanziaria del 2008. Certo, si tratta dello scenario più pessimistico. Quelli più soft prevedono un impatto minore. Nel frattempo i mercati non sembrano aver assorbito male queste misure, anzi se esaminiamo i dati sui broker opzioni vanilla possiamo vedere che non c'è stato impatto negativo.

banche | fed | broker opzioni vanilla | broker per scalping |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Banca del territorio, quali opportunità dalla crisi? Dal convegno di Cabel Holding un nuovo modo di fare banca


Riforma Euribor? Sì, ma solo dal 2022


Banche centrali, settimana fitta di meeting di politica monetaria. Fari su FED e BoE


D-Rating pubblica il suo report di rating 2020 delle banche europee salvo BPM, le banche italiane ottengono la sufficienza


La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa


Federal Reserve pronta alla marcia indietro? Probabilmente, ma non da subito


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)