Home > Economia e Finanza > MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

 MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

Lo rende noto il presidente regionale Salvatore Bivona


“A Palermo come nel resto della Sicilia, anche la CIDEC è in prima linea nel contrasto a qualsiasi forma di illegalità e ripudia il pizzo e l’usura, nella piena convinzione che le attività mafiose rendano asfittica l’economia, privando della dignità commercianti e imprenditori”: con queste parole, il presidente della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia Salvatore Bivona precisa che anche l’associazione di categoria, che annovera al proprio interno un elevato numero di ambulanti, figura nel novero delle organizzazioni firmatarie del Manifesto contro il racket, sottoscritto nei giorni scorsi daAgci Sicilia, Ance Sicilia, Casartigiani Sicilia, Confapi Sicilia, Confcommercio Sicilia, Confcooperative Sicilia, Confesercenti Sicilia, Conflavoro PMI Sicilia, CNA Sicilia, Confartigianato Sicilia, Confimprese Sicilia, Sicindustria, Legacoop Sicilia, Unci Sicilia e Unicoop Sicilia.

“Abbiamo dato piena disponibilità all’adesione dal momento in cui ci è stata proposta  -  sottolinea Bivona -  ma, a causa di un mero errore di comunicazione, la nostra presenza non è stata evidenziata: ci scusiamo con i nostri associati, ribadendo tuttavia che i valori dei quali siamo da sempre promotori sono proprio quelli rappresentati dal Manifesto, ovvero rispetto delle regole, collaborazione con le forze dell’ordine e libertà dai condizionamenti imposti dalla mafia”.

“La CIDEC – aggiunge  – sposa tutti i punti del Manifesto e si impegna anche a diffondere, sia tra i propri associati che attraverso i canali di comunicazione dei quali dispone, tutti i contenuti del documento”.

“In questo momento di fortissimo disagio economico per i commercianti e gli imprenditori a causa delle conseguenze del Coronavirus conclude il presidente vogliamo ribadire loro la nostra vicinanza, invitandoli, semmai ve ne fosse bisogno, a scegliere sempre la legalità come unica strada possibile da percorrere”.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NUOVE AREE PEDONALI A PALERMO, LA CIDEC CHIEDE CHIARIMENTI SULLE DELIMITAZIONI : “FORTE IMPATTO SUL COMMERCIO"


Mandrarossa Vineyard Tour 2017


CONFEDERCONTRIBUENTI, L' USURA NON SI COMBATTE CON PROVOCAZIONI MA CON PROPOSTE ED AZIONI A FAVORE DELLE VITTIME


ABITI DA SPOSA : MARIE LAPORTE 2014 BOHEMIAN CHIC COLLECTION


CONFEDERCONTRIBUENTI INVIA LETTERA AL PRESIDENTE MATTARELLA PER SOLLECITARE NOMINA COMMISSARIO ANTI-RACKET E ANTI-USURA


INTERESSANTI abiti da festa CHEAP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MAREDOLCE, AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

MAREDOLCE,  AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI  PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO
L’avvio delle iniziative di aggregazione sociale ha visto la presenza dell’Associazione Nazionale di volontariato di Protezione Civile, “San Marco” che ha monitorato lo svolgimento delle attività Promuovere l‘invecchiamento attivo, l’attività fisica, la socialità e lo scambio intergenerazionale.  È all’insegna di questi obiettivi che è stato realizzato il campo da bocce all’interno degli spazi del Castello di Maredolce a Palermo, in vicolo del Castellaccio nell’area di Brancaccio, dove gli anziani hanno iniziato – nel pieno rispetto delle indicazioni di protezione individual (continua)

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati : "Le esigenze legate alla sicurezza continuino a rappresentare la priorità"

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati :
Le due sigle sindacali, rappresentate a Palermo da Anna Maria Tirreno e Alfonso Farruggia, chiedono tuttavia soluzioni che tengano anche in considerazione le esigenze dei professionisti “L’attuale condizione di disagio economico e professionale dell’avvocatura palermitana e , più in generale, siciliana, non ci lascia di certo indifferenti, tuttavia riteniamo che pure in questa fase di progressivo allentamento del lockdown la sicurezza debba continuare a rappresentare la priorità assoluta, anche negli ambienti giudiziari”: con queste parole, Anna Maria Tirreno, componente della se (continua)

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”
La protagonista, Leda, conduce il lettore attraverso luoghi quali Tusa, Castel di Lucio, San Mauro Castelverde, Petralia Soprana, Alimena, Vizzini, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro, Vicari, Santa Margherita Belice, Marsala e Ustica Tredici tappe che raccontano un viaggio articolato in altrettanti luoghi del cuore in una Sicilia per molti versi sconosciuta : l'autrice palermitana Giovanna Gebbia ha scelto di omaggiare la bellezza dell'isola per il suo debutto letterario con il libro “Sulle tracce del passato”,  pubblicato dalla casa editrice Intrecci di Roma. Al centro della narrazione, le emozioni di un passat (continua)

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO : "SMART WORKING UNA VACANZA? NON È VERO, FUNZIONA"

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO :
Il segretario generale Alfonso Farruggia: "I dipendenti hanno garantito tutti i servizi" "Una valutazione ingenerosa e superficiale, dalla quale  non possiamo che prendere le distanze, smentendola con i fatti" : con queste parole il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia Alfonso Farruggia commenta le esternazioni del giuslavorista Pietro Ichino in materia di smart working. L’ex parlamentare ha definito "una vacanza pressoché totale, retribuita al 1 (continua)

PAGAMENTO DELL' IMU,IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE "ITALIANI IN EUROPA" GIUSEPPE ARNONE CHIEDE L'ESONERO PER I CONNAZIONALI CHE VIVONO E LAVORANO ALL'ESTERO

PAGAMENTO DELL' IMU,IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE
Arnone si rivolge ai sindaci e chiede loro di intervenire facendosi portavoce delle istanze dei loro concittadini Una lettera trasmessa ai sindaci con la richiesta di un chiarimento definitivo in materia di italiani residenti all'estero e pagamento dell'IMU. Il documento porta la firma di Giuseppe Arnone, presidente della Fondazione "Italiani in Europa", che interviene sull'imposta municipale propria che si applica ai fabbricati, chiedendone l'esenzione per gli italiani che vivono e lavorano fuori dai co (continua)