Home > News > MAREDOLCE, AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

MAREDOLCE, AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

MAREDOLCE,  AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI  PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

L’avvio delle iniziative di aggregazione sociale ha visto la presenza dell’Associazione Nazionale di volontariato di Protezione Civile, “San Marco” che ha monitorato lo svolgimento delle attività


Promuovere l‘invecchiamento attivo, l’attività fisica, la socialità e lo scambio intergenerazionale. 

 È all’insegna di questi obiettivi che è stato realizzato il campo da bocce all’interno degli spazi del Castello di Maredolce a Palermo, in vicolo del Castellaccio nell’area di Brancaccio, dove gli anziani hanno iniziato – nel pieno rispetto delle indicazioni di protezione individuale e distanziamento fisico subentrate a seguito dell’emergenza sanitaria – a disputare piccole gare con la voglia di divertirsi e la volontà di ritrovarsi dopo un lungo periodo di lontananza imposta dal Coronavirus.

Attività aperte a tutti, non solo ai residenti della zona, come precisa l’Associazione Diritti degli Anziani, presieduta da Gaetano Cuttitta, che ha fortemente voluto la costruzione del campo.

L’avvio delle iniziative di aggregazione sociale ha visto la presenza dell’Associazione Nazionale di volontariato di Protezione Civile, “San Marco” che ha monitorato lo svolgimento delle attività.

L’ ADA fa parte dell’ ATS composta anche dalle società cooperative So.Svi.Le. (Solidarietà, Sviluppo e Legalità) e Libera…mente.

Insieme, gestiranno per sei anni le aree verdi del Castello di Maredolce, sei ettari di terreno in tutto, grazie a una convenzione siglata con la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Palermo.

Il campo di bocce si inserisce in un più vasto programma di rivitalizzazione degli spazi, che comprende la riapertura dei sentieri, la valorizzazione del mandarineto storico, la piantumazione di terreni e varie attività di carattere ludico, sportivo e sociale.         

Attività e interventi che, come precisa la stessa ATS, “ risultano perfettamente in linea con l’idea che il compianto professore Sebastiano Tusa, assessore ai Beni Culturali per la Regione Siciliana, aveva manifestato in merito all’utilizzo dell’area”. 

Maredolce | Brancaccio | ADA | ATS | Palermo | Libera mente | So Svi Le | Gaetano Cuttitta | Sebastiano Tusa | Soprintendenza | campo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Registro ETNA AF LIXIANA® efficace e sicuro nei pazienti anziani con FANV


Mafia City H5: borders set by the mafia bosses that controlled the territory


Fabrizio Palermo: Fortune nomina l’AD e DG DI CDP “Businessperson of the Year”


MARIGLIANELLA TORNEO DI CARTE E BOCCE PREMIAZIONI DEL CENTRO SOCIALE ANZIANI


Arriva il videogioco italiano delle bocce


Progetto Italia, Fabrizio Palermo: “Operatore in grado di competere a livello globale”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

 MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE
Lo rende noto il presidente regionale Salvatore Bivona “A Palermo come nel resto della Sicilia, anche la CIDEC è in prima linea nel contrasto a qualsiasi forma di illegalità e ripudia il pizzo e l’usura, nella piena convinzione che le attività mafiose rendano asfittica l’economia, privando della dignità commercianti e imprenditori”: con queste parole, il presidente della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia Salvatore Bivona prec (continua)

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati : "Le esigenze legate alla sicurezza continuino a rappresentare la priorità"

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati :
Le due sigle sindacali, rappresentate a Palermo da Anna Maria Tirreno e Alfonso Farruggia, chiedono tuttavia soluzioni che tengano anche in considerazione le esigenze dei professionisti “L’attuale condizione di disagio economico e professionale dell’avvocatura palermitana e , più in generale, siciliana, non ci lascia di certo indifferenti, tuttavia riteniamo che pure in questa fase di progressivo allentamento del lockdown la sicurezza debba continuare a rappresentare la priorità assoluta, anche negli ambienti giudiziari”: con queste parole, Anna Maria Tirreno, componente della se (continua)

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”
La protagonista, Leda, conduce il lettore attraverso luoghi quali Tusa, Castel di Lucio, San Mauro Castelverde, Petralia Soprana, Alimena, Vizzini, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro, Vicari, Santa Margherita Belice, Marsala e Ustica Tredici tappe che raccontano un viaggio articolato in altrettanti luoghi del cuore in una Sicilia per molti versi sconosciuta : l'autrice palermitana Giovanna Gebbia ha scelto di omaggiare la bellezza dell'isola per il suo debutto letterario con il libro “Sulle tracce del passato”,  pubblicato dalla casa editrice Intrecci di Roma. Al centro della narrazione, le emozioni di un passat (continua)

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO : "SMART WORKING UNA VACANZA? NON È VERO, FUNZIONA"

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO :
Il segretario generale Alfonso Farruggia: "I dipendenti hanno garantito tutti i servizi" "Una valutazione ingenerosa e superficiale, dalla quale  non possiamo che prendere le distanze, smentendola con i fatti" : con queste parole il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia Alfonso Farruggia commenta le esternazioni del giuslavorista Pietro Ichino in materia di smart working. L’ex parlamentare ha definito "una vacanza pressoché totale, retribuita al 1 (continua)

PAGAMENTO DELL' IMU,IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE "ITALIANI IN EUROPA" GIUSEPPE ARNONE CHIEDE L'ESONERO PER I CONNAZIONALI CHE VIVONO E LAVORANO ALL'ESTERO

PAGAMENTO DELL' IMU,IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE
Arnone si rivolge ai sindaci e chiede loro di intervenire facendosi portavoce delle istanze dei loro concittadini Una lettera trasmessa ai sindaci con la richiesta di un chiarimento definitivo in materia di italiani residenti all'estero e pagamento dell'IMU. Il documento porta la firma di Giuseppe Arnone, presidente della Fondazione "Italiani in Europa", che interviene sull'imposta municipale propria che si applica ai fabbricati, chiedendone l'esenzione per gli italiani che vivono e lavorano fuori dai co (continua)