Home > Economia e Finanza > Come scegliere un conto corrente aziendale online

Come scegliere un conto corrente aziendale online

scritto da: Gianniprezioso | segnala un abuso

Come scegliere un conto corrente aziendale online

Vista l’attuale situazione bancaria italiana costellata di burocrazia, lunghi processi di apertura e file agli sportelli, la ricerca di soluzioni online da parte degli imprenditori è sempre crescente. Allo stesso modo, negli ultimi tre o quattro anni, gli istituti finanziari online sono deduplicati. Le stesse banche tradizionali, quali Unicredit o Ubi Banca, hanno dato avvio a progetti totalmente online: Buddy Bank e IW Banca. Come scegliere?


Quali sono i vantaggi di un conto corrente aziendale online

Apertura rapida e senza problemi. In media, in filiale, l’avvio della pratica per l’apertura di un conto aziendale richiede circa 40 minuti, senza contare le eventuali attese e le ore lavorative perse per raggiungere la banca ed espletare la procedura. Occorre stampare tutti i documenti relativi all’azienda e, nel caso più che probabile , in cui se ne dimenticasse uno, sarà necessario tornare in filiale e quindi riorganizzare la propria giornata. La procedura di registrazione per un conto aziendale online richiede all’incirca 15 minuti e 5 minuti per espletare il processo di conferma dell’identità. 

Comfort e servizi smart. La richiesta di apertura del conto si svolge nel comfort del proprio ufficio o della propria casa, nel momento in cui si ha il tempo per farlo, anche durante il tempo libero. 

Usabilità Homebanking Un altro aspetto positivo del conto corrente online è che l’ home banking si rivela, in media, più performante e userfriendly di quella di un istituto bancario del circuito primario. Una banca online che offre servizi business deve fare dell’usabilità e dell’operabilità il proprio compito primario. Tutti i servizi bancari online per aziende dispongono di un’ app dalla quale si può gestire il conto corrente; si possono inviare bonifici e fare pagamenti ovunque, basta avere uno smartphone con sé. Considerando la difficoltà degli imprenditori di passare tutta la giornata in ufficio a causa di riunioni, appuntamenti con clienti e fornitori, nuove proposte di partenariato, il vantaggio di un Home Banking efficiente è evidente.  

Qual è il miglior conto corrente aziendale online?

Come già accennato, l’offerta è davvero vasta. Purtroppo nell’ambito italiano non sono molti gli Istituti che permettono l’apertura di un conto Business online. Per quanto riguarda i conti intestati a persone fisiche possiamo sicuramente citare IW Bank e Intesa San Paolo. A distinguersi per l’offerta del servizio Business online è Fineco Bank che da anche a possibilità di fare trading. Il punto di forza della banca milanese è senz’altro la struttura multicanale.I pregi del servizio bancario online si affiancano alla sicurezza di una presenza sul territorio. i Fineco Center sono attivi in tutta Italia. In realtà se si vuole accedere al miglior conto corrente aziendale online sarà necessario estendere la ricerca al mercato estero.

Qual è il miglior conto aziendale estero?

Tra i conti esteri aziendali online più celebri ci sono Qonto e N26. La prima è una Fintech francese che da qualche mese ha aperto le porte alle aziende italiane. Qonto supporta praticamente tutte le costituzioni societarie previste dall’ordinamento nostrano. La presenza di vari piani tariffari permette di scegliere una soluzione che sia adatta alle esigenze del business. Per le ditte individuali, ad esempio, un piano da 9 euro al mese può già essere conveniente, calcolando il numero di operazioni comprese nel canone. Un difetto di questo conto francese è senz’altro la ridotta capacità di prelievo mensile della carta di debito: mille euro su trenta giorni. 

N26 è senz’altro uno dei conti business più economici sulla piazza: bonifici SEPA gratuiti, prelievi gratuiti e nessun canone. Purtroppo, però, è abbastanza limitato riguardo alla movimentazione ed è aperto solo a liberi professionisti. Un conto che è consigliabile per privati, per ricevere lo stipendio e per le spese quotidiane ma non certo per la gestione economica di una impresa di medie dimensioni. 

Il panorama di conti esteri online è davvero vasto e non sempre è possibile orientarsi e capire quali sono davvero costi e vantaggi. A questo proposito ci sono piattaforme web che offrono consulenza e assistenza a tutti gli imprenditori che desiderano aprire un conto estero per l’azienda. Companysolutions.it, ad esempio, è una piattaforma web che opera ormai da anni proprio con questo scopo: trovare la soluzione adatta alle esigenze di ogni singolo cliente; in fondo non esiste il miglior conto corrente aziendale per tutti, ogni impresa lavora in modo diverso, in uno specifico settore ed invia e riceve denaro in località precise. A questo proposito è opportuno rivolgersi a chi detiene una esperienza tale da saper trovare la giusta corrispondenza tra il singolo caso e l’offerta di conti esteri online. 

Aprire un conto estero aziendale è legale?

Certo che lo è, in special modo se parliamo della zona SEPA e di paesi white list. L’internazionalizzazione dell’impresa è la conseguenza naturale delle politiche europee degli ultimi anni e del paradigma liberale. Partendo da questo presupposto appare del tutto infondato il timore di tanti di incorrere in sanzioni o problemi per l’apertura di un conto nel continente. Gli unici inconvenienti possono derivare dall’apertura di conti nei paesi non presenti nella white list. 

Per consultare la lista completa fornita dalla Camera dei Deputati, basterà seguire questo link:

https://www.camera.it/cartellecomuni/leg15/RapportoAttivitaCommissioni/testi/06/06_cap10_sch04.htm

Posso pagare gli F24 con un conto estero?

Trattandosi di conti esteri ovviamente non sono pensati per le operazioni di pagamento che ineriscono il sistema Fiscale e Tributario italiano. Visto il numero sempre crescente di clienti italiani probabilmente le Società di Moneta Elettronica stanno già valutando la possibilità di richiedere autorizzazione per implementare questo tipo di funzioni. Ad ogni modo, l'F24 può sempre essere pagato con carta presso gli sportelli Postali. 


Fonte notizia: https://www.companysolutions.it/


pignorabile | pignoramento | conto online estero | conti esteri senza residenza | protestati | conto aziendale estero | protesto | banche estere |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Conti correnti: oltre un titolare su quattro ha subito rincari


Come “leggere” il conto scalare


Genius Ricaricabile, azzera il tuo canone ricaricandolo!


Conti correnti: quasi 6 milioni di italiani ne ignorano i costi


Carte di credito gratuite senza Conto Corrente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore