Home > Cultura > Droga e sesso in carcere

Droga e sesso in carcere

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Droga e sesso in carcere

Come nella serie TV “Vis a Vis”, un omicidio di una guardia carceraria sarebbe legato a uno sporco giro di droga e sesso tra agenti e detenute.


Teresa Trovato Mazza, detta Sissy, giovane guardia carceraria, fu trovata nel 2016 in un lago di sangue in un ascensore dell’ospedale di Venezia, con un colpo alla testa. Morirà dopo un lungo coma due anni dopo.

La morte fu archiviata come suicidio, ma recentemente una detenuta del carcere dove la vorava Sissy ha rivelato come storie di droga e sesso fossero all’ordine del giorno tra gli agenti e le detenute. In particolare la detenuta ha detto che Sissy si era ribellata a questo gioco criminale denunciando i traffici ai suoi superiori. Da qui si sospetterebbe che la morte in ascensore potrebbe essere stato in realtà un omicidio premeditato, oppure un atto di intimidazione andato male a cui Sissy cercò di ribellarsi, soccombendo.

Queste accuse sono chiaramente da verificare, ma certo non stupisce che nelle nostre carceri circoli la droga, e neppure che venga ceduta in cambio di prestazioni sessuali. Chi ha visto la serie TV “Vis a vis” è fatto un’idea di ciò che può accadere in un carcere tra detenuti e agenti penitenziari corrotti. È noto che molti detenuti scontano pene per spaccio, e la maggior parte degli spacciatori sono a loro volta tossicodipendenti.

Si tratta di situazioni di estremo degrado che non ci si può aspettare di risolvere definitivamente con indagini e repressione: guardando a una prospettiva futura, è necessaria una solida politica di informazione e prevenzione all’abuso di droga che crei un futuro e un mondo libero dalle droghe.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | carcere | sesso |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La buona vita mi è stata offerta dalla mia bambola del sesso


Quindi, dovresti permettere al tuo uomo di possedere una bambola del sesso?


L. Ron Hubbard Umanitario - premi e riconoscimenti


IL PARADISO NEGATO DAL NOSTRO SISTEMA GIUDIZIARIO


Regime 41/Bis VIA LIBERA ALLA PREPARAZIONE DI CIBI COTTI ANCHE PER I CONDANNATI AL CARCERE DURO


LiberAzioni – festival delle arti dentro e fuori (18-20 ottobre 2019) L’arte dei giovani tra carcere e quartiere


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”
Quando era bambina Maria Lara aveva deciso di portare un cambiamento nel suo amato paese, la Colombia: oggi con “La Via della Felicità” lo sta facendo. Maria Lara è un'attrice che ama profondamente il suo paese e ha lo scopo scopo umanitario di cambiarlo in meglio. Nata a Cartagena e cresciuta orgogliosa essere colombiana, ha vissuto gli anni della guerra civile, delle bande criminali, della droga e della violenza nel suo paese. "Ricordo di aver pianto per questo, e in quel momento ho detto: 'La Colombia darà una lezione al mondo'".Lara ha s (continua)

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa
70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” sono state distribuite all’inaugurazione del mandato del presidente Cyril Ramaphosa. All’inaugurazione del suo mandato, il 25 maggio 2019, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha promesso di affrontare la corruzione e rilanciare l'economia in difficoltà del paese. Per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e garantire una celebrazione pacifica, i volontari e gli agenti di polizia hanno distribuito circa 70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” alla folla che er (continua)

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali
Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata. L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali. L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso d (continua)

LSD e violenza

LSD e violenza
La droga allucinogena LSD non è solo pericolosa per gli irreversibili danni che causa alla mente, ma anche per gli atti di violenza che a volte compiono chi ne fa uso. L’allucinogeno per eccellenza, l’LSD, reso popolare negli anni ’60 e ’70 dalla cultura hippie, causa potenti allucinazioni e altera lo stato mentale spesso in modo permanente. Sono molti quelli che, molti anni dopo averne fatto uso, sperimentano di nuovo allucinazioni e disagio mentale. Si tratta di nuovi “trip” causati da molecole di LSD rimaste intrappolate nel tessuto grasso che improvvisa (continua)