Home > Ambiente e salute > Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’: “Le best practices della rete oncologica del Piemonte”

Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’: “Le best practices della rete oncologica del Piemonte”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Supportare un modello di governance innovativo ed efficiente che porti indubbi vantaggi ai pazienti. Questo l’obiettivo del Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’, serie di Convegni regionali, organizzati da Motore Sanità, con il contributo incondizionato di Bristol-Myers Squibb e che oggi fa tappa in Piemonte.


https://www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2020/07/ms.jpg

Le best practices a livello regionale sono fondamentali per migliorare le reti oncologiche e centri oncologici che progressivamente si stanno formando. Allo stesso modo è importante comunicare ai cittadini i risultati raggiunti dalle reti oncologiche al fine di aggiornarli sui progressi medici raggiunti.

La Rete Oncologica Piemonte, che è stata in questi anni un punto di forza della nostra Sanità Regionale, ha oggi necessità ora di fare un salto in avanti, verso l’innovazione in medicina e modelli organizzativi che permettano di dialogare con l’estrema competitività e attrattività di altri sistemi regionali, una situazione sfidante che deve indurre a passare da una gestione clinica a un modello che guardi sempre di più all’innovazione e alla ricerca. La sfida è quella di una Politica regionale che stimoli ad esempio l’innovazione tecnologica e un maggior sviluppo dell’HTA, l’utilizzo di reti telematiche per superare le distanze tra gli operatori nella condivisione e discussione dei casi, la spinta per sviluppare al meglio sia  l’oncologia di precisione, i PDTA e  il sistema di funzionamento Hub Spoke tra i vari centri”, ha detto Alessandro Stecco, Presidente IV Commissione Sanità, Assistenza, Servizi Sociali, Politiche degli Anziani, Regione Piemonte

“La rete oncologica del Piemonte e Valle d'Aosta si caratterizza per una presa in carico tempestiva dei pazienti presso i Centri Accoglienza e Servizi dove un medico, un infermiere e un amministrativo esperti nei percorsi oncologici provvedono alla esecuzione di tutti gli esami di diagnosi e stadiazione previsti, con la possibilità in presenza di particolari fragilità anche di un intervento dello psico-oncologo e dell'assistente sociale, per la qualità dell'assistenza garantita dai gruppi interprofessionali di cura, l'insieme degli specialisti che devono definire la strategia terapeutica migliore prevista dai percorsi diagnostico terapeutico assistenziali redatti per ciascun tipo di tumore e costantemente monitorati con appositi indicatori, per l'individuazione di centri di riferimento per le diverse patologie neoplastiche in base all'esperienza degli operatori, alle tecnologie presenti, al volume di attività, al modello organizzativo. La rete si distingue anche per la capacità di portare avanti studi di popolazione con il coinvolgimento di tutte le urologie nel protocollo Start di sorveglianza attiva per il carcinoma della prostata e di tutte le chirurgie per l'adozione del protocollo Eras per gli interventi del carcinoma del colon retto e per  progetti innovativi nel campo della prevenzione con la diffusione del codice europeo contro il cancro, nel sostegno alle famiglie fragili, nella promozione delle cure palliative, nell'affermazione della bussola dei valori, un riferimento per tutti gli operatori. Tutti i documenti prodotti dai numerosi gruppi di lavoro che si riuniscono regolarmente presso la sede centrale della rete sono reperibili sul sito www.reteoncologica.it, dove sono illustrati anche i servizi a disposizione dei malati e dei loro familiari e le attività di tutte le associazioni di volontariato in ambito oncologico”, ha spiegato Oscar Bertetto, Direttore Rete Oncologica Piemonte e Valle d’Aosta

 

Ufficio stampa Motore Sanità

comunicazione@motoresanita.it

Stefano Sermonti - Cell. 338 1579457 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693   

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/


webinar | oncorete | motoresanità | oncologia | piemonte |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La nuova stagione di Villa Pagoda, tra risate, cucina innovativa e musica dal vivo


Prossimi appuntamenti con i Trilli: dal ricordo di Pippo dei Trilli al gemellaggio con Calasetta


Villa Pagoda, i Soggetti Smarriti protagonisti del terzo appuntamento con "Kitchen&Comedy Lab"


Villa Pagoda, Balbontin protagonista del secondo appuntamento con Kitchen&Comedy Lab


this speech collected Zi Zi students usually written down


Porti liguri, l'innovazione dei trasporti nella conferenza "L'evoluzione energetica nei trasporti"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Progetto Open Way in Regione Toscana: “Grazie al web è possibile realizzare PDTA condivisi con tutto il comparto sanitario regionale”

27 luglio 2020 – Le autorità sanitarie della Regione Toscana, abituate a deliberare con continuità PDTA nelle principali patologie, hanno constatato come molti risultino poco o parzialmente applicati nonostante l’impegno di risorse impiegate. Gli organismi tecnici della Direzione diritti di cittadinanza e coesione sociale ipotizzano che questo sia dovuto ad una non adeguata condivisione dei c (continua)

Maculopatie senili e diabetiche in Regione Toscana: “Esperti auspicano un nuovo servizio assistenziale”

Firenze, 24 luglio 2020 – La maculopatia è una progressiva perdita della visione centrale, spesso bilaterale, che limita fortemente la funzione visiva: quella senile, legata all’età, è la forma più frequente e colpisce 25/30 milioni di persone nel mondo occidentale. Ma anche la maculopatia diabetica, la cui incidenza aumenta con la malattia diabete e con l’invecchiamento della popolazione, potrebbe prospettare scenari preoccupanti. Per fare il punto della situazione nella Regione Toscana, MOTORE SANITA’ ha organizzato il Convegno ‘GESTIONE DELLE MACULOPATIE SENILI E DIABETICHE IN REGIONE TOSCANA’, grazie al contributo incondizionato di ALLERGAN. “La necessità di sviluppo di PDTA è oramai una prassi consolidata ed accettata da tutte le comunità professionali, rispecchiando la necessità opportunità di una sincronizzazione di tutti gli interventi necessari per ogni singolo paziente. Non sono quindi linee guida ma una sorta di clinical path che raccolgono insieme raccomandazioni scientifiche e altre evidenze e i professionisti che le devono a (continua)

Focus Gestione delle maculopatie senili e diabetiche in Regione Toscana

Focus Gestione delle maculopatie senili e diabetiche in Regione Toscana
Il prossimo venerdì, 24 luglio, dalle ore 9:30 alle 13:30, Motore Sanità ha organizzato, con il patrocinio di Regione Toscana ed ARS Toscana, l'Incontro 'FOCUS GESTIONE DELLE MACULOPATIE SENILI E DIABETICHE IN REGIONE TOSCANA', con l'obiettivo di far confrontare gli esperti, sulla possibilità di programmare un servizio assistenziale per una patologia come la maculopatia, in particolare quella diab (continua)

CAR-T e COVID-19: “Esperti a confronto per superare e velocizzare criticità gestionali, amministrative e cliniche”

Giovedì 23 luglio - L’innovazione portata dalle terapie CAR-T rappresenta uno dei traguardi medici più importanti del nuovo secolo nella battaglia contro i tumori. Con l’attuale situazione Covid-19 servono nuovi modelli organizzativi e scelte immediate in aree soprattutto come queste che non possono attendere. Con l’obiettivo di fare il punto con i massimi esperti, dopo un percorso di 4 appuntamenti a livello regionale, su quanto sia stato già realizzato in molte Regioni e quanto di questo possa servire a superare criticità gestionali, amministrative e cliniche, Motore Sanità ha organizzato il Webinar dal titolo ‘BREAKTHROUGH INNOVATION CAR-T PROSPETTIVE ATTUALI IN EPOCA COVID-19’, FOCUS NAZIONALE, realizzato grazie al contributo incondizionato di GILEAD. “Il momento eccezionale dovuto al propagarsi della pandemia da SARS-CoV-2 ha inevitabilmente avuto un impatto significativo sulle attività clinico-scientifico incluse le procedure di somministrazione di CAR T nei pazienti affetti da patologie linfoproliferative. I centri già qualificati per tale presidio terapeutico hanno visto un rallentamento dell’attività, mentre nei centri non ancora qualifica (continua)

COVID-19 e test sierologici: “Risposta anticorpale certa, sicura ed efficace? Rispondono gli esperti”

22 luglio 2020 – Nuovo appuntamento del talk-webinar “BUONA SALUTE” ‘DIAGNOSI E MONITORAGGIO CON TEST SIEROLOGICI NELL’INFEZIONE DA SARS-CoV-2’, organizzato da Mondosanità e realizzato con il contributo incondizionato di ABBOTT. I massimi esperti della sanità italiana hanno fatto il punto sui test diagnostici, dall’uso più appropriato al miglior rapporto costo beneficio per il Servizio Sanitario Nazionale nella gestione della fase due in Italia. “I test ELISA per anticorpi IgM e IgG anti SARS-CoV-2 possono avere una specificità superiore al 95% per la diagnosi di COVID-19. La sensibilità dipende dalla fase dell’infezione potendo raggiungere virtualmente il 99%. In genere, la maggior parte degli anticorpi viene prodotta contro la proteina più abbondante del virus, che è quella del nucleocapside (NC). Pertanto, i test che rilevano gli (continua)