Home > Cultura > Serata Amarcord a Lugo sui 50 anni de "Lo chiamavano Trinità

Serata Amarcord a Lugo sui 50 anni de "Lo chiamavano Trinità

scritto da: PressWeb | segnala un abuso

Serata Amarcord a Lugo sui 50 anni de

Festeggiata con successo la celebre pellicola al chiostro del Carmine di Lugo (piazza Trisi).


Iniziata da qualche giorno la rassegna estiva lughese che  metterà in campo numerose proposte; si potranno trovare i film protagonisti dell’ultima stagione, grandi classici, pellicole pluripremiate ed anteprime.

Tra gli appuntamenti più attesi della stagione, sabato 4 luglio è toccato a "Lo chiamavano Trinità"cult movie prodotto da Italo Zingarelli (eccellenza di Lugo) che, nelle vesti di produttore lungimirante,  permise di realizzare questo film intramontabile che ha ottenuto  uno dei maggiori incassi della storia del cinema italiano, inaugurando il filone dei fagioli western,  e che ha segnato il successo della coppia attoriale Bud Spencer/Terence. 

Con "50 anni di Trinità" all'Arena del Carmine, Cinemaincentro e Lugo Music Festival hanno annunciato la loro prima collaborazione.

"Lo chiamavano Trinità" (E. B. Clucher, 1970) compie appunto 50 anni: lo si è celebrato con una proiezione all'Arena del Carmine, alla presenza eccezionale di Marco Tullio Barboni, regista, scrittore, sceneggiatore, figlio del regista del film (al secolo E. B. Clucher era  Enzo Barboni), e della giornalista Lisa Bernardini che lo ha intervistato. 

È stata anche l'occasione per ricordare e raccontare la figura di Italo Zingarelli.

Emozionato l'ospite della serata, Marco Tullio Barboni, che dopo il film  ha raccontato aneddoti del film e curiosità sul rapporto del suo celebre padre con Zingarelli e gli altri protagonisti di una pellicola divenuta leggendaria.

"L’uscita ufficiale di questo film, avvenuta nel 1970 in Emilia Romagna immediatamente prima di Natale, innescò un successo senza precedenti e al di là, come si suol dire, di ogni più rosea aspettativa" - ha sottolineato alla stampa Marco Tullio Barboni sia prima dell'evento che nel corso della serata.

"Ciononostante, mai avrei pensato che dopo cinquant’anni (mezzosecolo!) sarei tornato in Emilia Romagna per celebrare non soltanto un successo rimasto vivo nel tempo, ma, prima ancora, l’intuito, la genialità e il talento di Enzo,di Italo, di Mario, di Carlo ed anche quello di Franco (Micalizzi) che, giovane compositore alla sua prima colonna sonora, ha meravigliosamente contribuito a rendere “Lo chiamavano Trinità” un film indimenticabile per generazioni di spettatori".

Risate a non finire per tutta la proiezione; un pubblico attento e partecipe ha apprezzato ogni ingrediente predisposto dagli organizzatori, comprese le slides di foto durante l'intervista, ricca di aneddoti e ricordi, in una location attrezzata rispettando rigorosamente le norme anti Covid. 

Trinity è oramai leggenda. 

Associazione culturale Occhio dell'Arte APS 

www.occhiodellarte.org

cultura | post evento |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marco Tullio Barboni ospite d'onore a Castelfranco Emilia


Via di San Giovanni in Laterano 138 Roma: i migliori punti panoramici


Dopo la conquista del palco del Primo Maggio e l’attenzione di Ligabue con gli Amarcord, il cantautore fiorentino Francesco Mucè vince il Premio Autore SIAE 2017


FRANCO MICALIZZI presenta UFFICIALMENTE LA SUA AUTOBIOGRAFIA il 14 ottobre a Roma


FRANCO MICALIZZI & THE BIG BUBBLING BAND in concerto il 9 luglio al Parco Schuster di Roma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pivio & Aldo De Scalzi alla 35a Settimana Internazionale della Critica di Venezia

Pivio & Aldo De Scalzi alla 35a Settimana Internazionale della Critica di Venezia
Non Odiare è la colonna sonora scritta da Pivio & Aldo De Scalzi per il film omonimo, diretto dall’esordiente Mauro Mancini, in concorso alla 35a Settimana Internazionale della Critica. E' la storia di un chirurgo di origine ebraica che soccorre un uomo vittima di un incidente ma lo lascia al suo destino quando scopre una svastica tatuata sul suo petto. In preda ai sensi di colpa, cerca di aiutare i suoi figli, fino a quando arriverà il momento di affrontare le sue responsabilità.Non odiare: come un imperativo, un consiglio, una possibilità. Come il titolo di questo film, unico i (continua)

Le Musiche da Film del compositore Stefano Caprioli approdano alla Mostra del Cinema di Venezia ed. 2020

Le Musiche da Film del compositore Stefano Caprioli approdano alla Mostra del Cinema di Venezia ed. 2020
Stefano Caprioli, compositore nostrano tra i più eclettici, attualmente tra i consiglieri dell'Associazione Compositori Musica da Film (ACMF), sarà a Venezia il prossimo 7 settembre, all'Hotel Excelsior al Lido, nell'ambito della prossima edizione della Mostra del Cinema, ospite della Fondazione Ente dello Spettacolo. Insime a lui, il regista e il cast del Film FREE- LIBERI, che celebra i sogni della terza età e che sarà evento speciale in laguna durante i giorni dedicati al grande Cinema.Questa pellicola, opera seconda di Fabrizio Maria Cortese, è uno dei film italiani che vuole simboleggiare la ripartenza dell’industria culturale dopo la dura quarantena del lockdown, facendo in modo di ria (continua)

Marco Tullio Barboni ospite d'onore a Castelfranco Emilia

Marco Tullio  Barboni ospite d'onore a Castelfranco Emilia
A Castelfranco Emilia si riparte, con “I magnifici quattro”, rassegna in programma e dedicata ad altrettanti grandi successi del cinema italiano che hanno saputo lasciare una traccia indelebile nella storia del grande schermo. Ospite d'onore della prima serata, il 6 agosto alle ore 21.30 in Piazza Garibaldi, sarà Marco Tullio Barboni. «Siamo contentissimi di dare il via a questa iniziativa che rappresenta la risposta dell' Amministrazione all'obiettivo di avere una piazza “viva” anche ad agosto» ha dichiarato l'Assessore alla Cultura Rita Barbieri, sottolineando come «queste serate rappresentino una concretizzazione della risposta al desiderio di stare insieme anche nel dopo covid19, con una grande valenza emozio (continua)

Esce “Ballo Ballo” di Barbara Francesca Ovieni

Esce “Ballo Ballo” di Barbara Francesca Ovieni
La celebre hit portata al successo nel 1982 da Raffaella Carrà, rivisitata nel sound, negli arrangiamenti, pronta a diventare anche una hit dei giorni nostri. L’estate che balla, la possiamo definire. Una bella stagione ricca di novità, nonostante il periodo di emergenza Covid, segno di un Paese che è tornato a vivere. Ecco perché Barbara Francesca Ovieni, conduttrice televisiva, volto popolare dei social, un’esplosione di sensualità e di talento, sta cominciando a spopolare su tutte le più importanti piattaforme musicali. Da Spotyfy ad Amazon, da (continua)

Prosegue il successo di "TORNEREMO AL MARE", singolo del coro romano MILLEUNAVOCE

Prosegue il successo di
Il brano si candida a diventare uno dei più cliccati e divertenti tormentoni dell'estate! Non si arresta il successo sul web di “Torneremo al mare” (A&A Recordings, Dueffel Music), il nuovo singolo dei ragazzi della scuola di musical romana, diretta da Vicky Martinez, MILLEUNAVOCE, già disponibile su tutte le piattaforme digitali al seguente link:https://lnk.to/kY0SMEaqOT. Il video del brano, una ironica parodia del Premier Giuseppe Conte, ha superato le 100.000 visualizzazi (continua)