Home > Ambiente e salute > TELEMEDICINA e CRONICITÀ: “Connubio imprescindibile di garanzia di centralità del paziente nella medicina territoriale”

TELEMEDICINA e CRONICITÀ: “Connubio imprescindibile di garanzia di centralità del paziente nella medicina territoriale”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

6 luglio 2020 - Il Covid-19 ha fatto emergere il grave ritardo nella riforma dei servizi territoriali mostrando la necessità di spostare l’assistenza dei malati cronici dall’ospedale al territorio.


https://www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2020/07/MS-1.jpg



L’uso della telemedicina è fondamentale per la prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione e monitoraggio. Questo lo scopo del WEBINAR “CRONICITÀ E TELEMEDICINA. LA LEZIONE DI COVID-19”, realizzato da MOTORE SANITÀ, grazie al contributo incondizionato di Daiichi-Sankyo.

“Sulla telemedicina siamo in ritardo rispetto agli altri Paesi europei e a quelli nordamericani e le norme approvate in passato non hanno trovato fino ad oggi una realizzazione concreta. La digitalizzazione in sanità va considerata un obbligo, sia per il risparmio che può portare per le casse dello Stato sia per i grandi vantaggi per il paziente e per la professione medica: con la telemedicina sono realizzabili la gestione domiciliare di pazienti e l’ospedalizzazione domiciliare. La frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, la saturimetria e il peso potranno essere monitorati agevolmente, e sappiamo bene quanto nelle malattie croniche il controllo di pochi parametri elementari possa consentire di ridurre moltissimo il ricorso alle cure dell’ospedale. Dunque, un importante vantaggio anche per il funzionamento del Sistema sanitario. Tuttavia, negli ultimi anni su questo fronte non sono stati fatti passi avanti: l’atto di indirizzo di 7-8 anni fa non è stato seguito da norme cogenti. Il fatto che la sanità non stia utilizzando la telemedicina come dovrebbe è purtroppo una perdita economica importante ma soprattutto è una perdita per quella che oggi si chiama la medicina personalizzata. È la telemedicina il tema del 12° rapporto pubblicato a fine aprile dall’Istituto superiore di sanità e disponibile sul sito istituzionale dell’ISS. Il rapporto intitolato “Indicazioni ad interim per servizi assistenziali di telemedicina durante l’emergenza sanitaria COVID-19” affronta il tema dei servizi assistenziali di telemedicina durante l’emergenza sanitaria offrendo indicazioni, individuando problematiche operative e proponendo soluzioni valide dal punto di vista scientifico, ma anche pratiche e attuabili in modo semplice. In realtà la medicina digitale tutta e le sue applicazioni in telemedicina in particolare hanno avuto un grande impulso dalle restrizioni operative connesse al COVID-19. Mai come adesso quindi possiamo pensare al futuro molto positivamente e, parafrasando quanto pubblicato da molte riviste scientifiche delle ultime settimane, affermare che: il futuro è adesso, ha detto Gianfranco Gensini, Direttore Scientifico dell’IRCCS MultiMedica Milano ePresidente Società Italiana di Telemedicina

“L’emergenza COVID, tutt’altro che conclusa, ha posto il nostro Sistema Sanitario ad uno “stress test” che ne ha messo a nudo le principali fragilità. Con questo non mi riferisco tanto alla rete ospedaliera che, sebbene caratterizzata da limiti strutturali e tecnologici, ha saputo reagire bene e, pur a fronte di enormi sacrifici da parte del personale sanitario, ha saputo riorganizzarsi realizzando, in tempi brevissimi, un cambiamento straordinario e capace di fronteggiare la crisi. La vera fragilità è emersa sul territorio. Ossia laddove era opportuno e necessario concentrarsi per contrastare con efficacia il diffondersi del virus e per assicurare terapie e monitoraggio alle persone positive che non necessitavano di ricovero ospedaliero. È chiaro che la debolezza dei settori della prevenzione e dell’assistenza primaria ha determinato, per la rete ospedaliera, compiti ancor più gravosi per il successivo trattamento di persone non intercettate tempestivamente come positive o che, in ogni caso, hanno visto peggiorare le loro condizioni di salute, in solitudine, presso il loro domicilio. Non apprendere questa magistrale lezione, significa non dar valore ai tanti decessi che abbiamo registrato nel Paese e, in particolare, a quelli che si sono registrati tra il personale sanitario. Il potenziamento del territorio, tuttavia, va immaginato nella consapevolezza che il COVID ha cambiato per sempre i paradigmi fondamentali sui quali si è basata e organizzata, tanto sul territorio quanto in ospedale, il nostro sistema sanitario. La sfida consiste nell’identificazione di strategie capaci di assicurare, al contempo, continuità di cura e assistenza ai pazienti (COVID e no-COVID) riducendo all’essenziale il passaggio fisico nelle strutture sanitarie includendo, in questo concetto, anche gli studi dei MMG. La telemedicina sembra lo strumento più idoneo per perseguire questo obiettivo anche se, va sempre ricordato, la tecnologia resta solo uno strumento a disposizione e non il fine di un processo di cambiamento che, prima di tutto, deve essere culturale e, poi, organizzativo. Anche il ruolo del cittadino/paziente cambia radicalmente per trasformarsi da soggetto passivo che, solo in caso di peggioramento del suo stato di salute, si rivolge al sistema sanitario a ruolo attivo e consapevole nella gestione del proprio stato di salute. L’augurio è che di questi temi non ci si limiti solo a parlarne per cominciare davvero presto a vedere i segni tangibili di quel cambiamento che il nostro Sistema Sanitario ha da tempo bisogno e che l’emergenza COVID oggi ci impone”, ha detto Giorgio Casati, Direttore Generale ASL Latina

 

 

 

Ufficio stampa Motore Sanità

comunicazione@motoresanita.it

Stefano Sermonti - Cell. 338 1579457 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693   

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/


webinar | motoresanità | cronicità | telemedicina | covid19 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Oggi l’Italia riparte: “Come gestiremo le cronicità? Centralità delle tecnologie digitali e infrastrutture informatiche, le Regioni verso un nuovo futuro!”


Malattie croniche: “Riorganizzare l’assistenza regionale, contenendo e razionalizzando la spesa sanitaria”


Farmaco brevetto scaduto: la responsabilità del medico prescrittore


Telemedicina e diabete: ‘Stop alla tecnologia a macchia di leopardo, da ora garantire la migliore assistenza a tutti i pazienti a livello nazionale!’


COVID-19: “Più sanità digitale meno ricoveri e costi sanitari ma maggiori benefici al paziente”


Autostrada Diabete: “Dall’innovazione tecnologica, necessari nuovi modelli di assistenza”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Le nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia

Asiago-Gallio, 24 Settembre 2020 – Alla settima edizione della Summer School di Motore Sanità su “Innovazione e salute in un mondo globale”, si è affrontato il tema delle nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia. “L’emergenza coronavirus ha reso evidente l’esigenza di accelerare il percorso di sviluppo della medicina territoriale al fine di dare risposte sempre più prossime al paziente e allo stesso tempo preservare la rete ospedaliera per quella che è la sua mission fondamentale: cura dell’acuzie e interventistica. L’obiettivo è creare il miglior modello possibile rispetto ai luoghi di erogazione di (continua)

'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta’ - 25 Settembre 2020, ORE 11

'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta’ - 25 Settembre 2020, ORE 11
Il prossimo venerdì 25 Settembre, si terrà, dalle ore 11 alle 13, il webinar 'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta', organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Mondosanità. Durante il webinar verrà affrontato il tema dei farmaci equivalenti. Si discuterà delle differenze regionali di utilizzo e sistemi di monitoraggio, delle aree terapeutiche più critiche, delle best practices regionali, delle proposte operative per diffondere una giusta conoscenza ed appropriatezza prescrittiva e del ruolo della Farmacia dei servizi tra appropriatezza ed aderenza terapeutica. I farm (continua)

Liberalizziamo le vaccinazioni rendendole il più possibile aperte

Mercoledì 23 settembre 2020 – OFFICINA di MOTORE SANITA’ ha organizzato il Webinar ‘FOCUS PREVENZIONE E VACCINI’, realizzato grazie al contributo incondizionato di PFIZER e che ha visto la partecipazione dei maggiori esperti italiani nel settore. Tra questi il Professor Lopalco, Epidemiologo, Professore di Igiene e Medicina Preventiva, dell'Università di Pisa, che in questi giorni viene indicato come futuro Assessore alla Sanità della Regione Puglia. Al webinar si sono collegate più di 600 persone, segno che il tema dei vaccini è molto seguito in questo momento. “C’è una fortissima variabilità di efficacia della vaccinazione anno dopo anno e quest'anno, accanto alla vaccinazione, ci saranno una serie di procedure di protezione che rallenteranno il circolo dell'influenza. Non sappiamo quale è la copertura che dobbiamo mettere in campo per abbattere la circolazione del virus influenzale però quello che sappiamo è la copertura a cui possiamo aspirare se mett (continua)

La sanità italiana riunita: “Vaccinarsi è sicuro e mai come oggi, anti-influenzale e anti-pneumococco possono salvare tante vite umane!”

Mercoledì 23 settembre 2020 – In epoca COVID-19, la vaccinazione anti-influenzale e quella anti-pneumococcica è importante che raggiunga alti livelli di copertura, in quanto, la prima, supporta il medico nella diagnosi differenziale tra influenza e COVID-19 evitando, soprattutto nelle persone ultra 60enni o con patologie croniche, una possibile confusione tra le due, la seconda evita una sovrapposizione da pneumococco in caso di infezione COVID-19. Per tracciare una linea comune su tutto il territorio nazionale, attività che implica non solo una programmazione negli acquisti delle dosi ma anche un accordo forte con la medicina generale e con le farmacie, OFFICINA di MOTORE SANITA’ ha organizzato il Webinar ‘FOCUS PREVENZIONE E VACCINI’, realizzato grazie al contributo incondizionato di PFIZER e che ha visto la partecipazione dei maggiori esperti italiani nel settore. “Il primo banco di prova per la ripresa delle attività vaccinali sarà costituito dalla campagna per il vaccino antinfluenzale 2020-21. La Circolare ministeriale sulla prevenzione e il controllo dell’influenza quest’anno è stata emanata con anticipo, già nel mese di giugno. Poiché è probabile che influenza e COVID-19 circoleranno assieme questo inverno, occorrerà non soltanto difendere i soggetti p (continua)

Il ruolo delle reti di patologia nella gestione delle malattie rare: l’esempio della SMA

Il ruolo delle reti di patologia nella gestione delle malattie rare: l’esempio della SMA
Asiago-Gallio, 22 Settembre 2020 – Alla settima edizione della Summer School di Motore Sanità su “Innovazione e salute in un mondo globale”, si è discusso del ruolo delle reti di patologia nella gestione delle malattie rare: l’esempio della SMA, organizzata con il contributo incondizionato di Biogen. "La SMA è una delle malattie neuromuscolari rare e la sua rete di assistenza è all’interno di quella programmata per le malattie rare in ogni Regione. Tale rete per malati rari è costituita da due elementi: il primo sono i centri di riferimento, il secondo la rete data dall’insieme degli Ospedali di prossimità e delle cure primarie e territoriali fino all’assistenza domiciliare integrata. Con ques (continua)