Home > Cultura > Lo spaccio di droga si evolve: una telefonata e il raider te la porta a domicilio

Lo spaccio di droga si evolve: una telefonata e il raider te la porta a domicilio

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Lo spaccio di droga si evolve: una telefonata e il raider te la porta a domicilio

Basta una telefonata e un ragazzo in motorino o in bicicletta te la consegna a domicilio: ecco il nuovo modello di spaccio per la cocaina e le altre droghe.


A Roma, a Milano e in tutte le città d’Italia sono migliaia i giovani “raider” che sfrecciano sulle loro bicilette per consegnare pizza e piatti etnici. Ma qualcuno sul portapacchi del motorino potrebbe trasportare una merce molto meno ingombrante ma assai più redditizia! Questo modello di commercio viene ora sfruttato anche dai nuovi network di distribuzione della droga: si telefona a un cellulare e in breve tempo si riceve la consegna di cocaina o di qualsiasi altro stupefacente presente sul menu. Ordine minimo 30 euro, traffico gestito dalle famiglie mafiose siciliane e calabresi.

Lo spaccio si sposta quindi dalle piazze e dai parchi, per sposare i moderni modelli di distribuzione. Il coronavirus non fatto altro che accelerare la transizione a questa nuova modalità, più discreta per i tossicodipendenti e meno rischiosa per i trafficanti. I criminali usano dei vecchi Nokia, cambiano spesso numero di telefono e mandano messaggini a tutta la rubrica per far conoscere il nuovo numero. I ragazzini che fanno le consegne sono incensurati e subiscono poche conseguenze se vengono beccati.

I clienti sono studenti, professionisti, dei ragazzi ad una festa, gruppi di amici che passano una serata insieme, coppie che cercano l’emozione del sesso estremo.

Si tratta di situazioni che non ci si può aspettare di risolvere definitivamente con indagini e repressione: guardando a una prospettiva futura, è necessaria una solida politica di informazione e prevenzione all’abuso di droga che crei un futuro e un mondo libero dalle droghe.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | droga a domicilio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Jabra lancia Evolve 65t, i primi auricolari True Wireless per uso professionale


Analisi a domicilio Roma sud – Prelievi domiciliari potenziati


Prelievi a domicilio Roma sud - Direttamente a casa tua senza nessun costo aggiuntivo


Le slot online ispirate al cinema


Prelievi del sangue a domicilio anche gratuiti - Gruppo Sanem


Prelievi Domiciliari Roma ? Gruppo Sanem strutture sanitarie al servizio della salute


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)