Home > Cultura > Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti

A Terni uno spacciatore tossicodipendente a venduto del metadone a due ragazzi di 15 e 16 anni, entrambi morti nel sonno.


Il metadone è una droga sintetica che viene somministrata nei SerT (Servizi per le Tossicodipendenze) a chi è dipendente dall’eroina. Alcuni tossicodipendenti in “cura” al SerT, invece di assumere il metadone, lo rivendono sul mercato nero. Così si trasformano in spacciatori e si guadagnano un po’ di soldi per procurarsi l’eroina. Ecco che il cerchio si è chiuso: il SerT ha fallito, il drogato rimane un drogato e in più diventa un criminale, nuova droga arriva sul mercato illegale, altri giovani rischiano la vita. E in questo caso l’hanno persa.

I due adolescenti di Terni avevano assunto per l’appunto metadone e probabilmente anche Codeina (un antidolorifico simile alla Morfina) e alcool. Dopo lo sballo sono tornati a casa e la morte li ha colti entrambi nel sonno, ognuno nel suo letto.

Di chi sono vittime questi due ragazzi? Sicuramente vittime dell’irresponsabilità dei SerT che permettono che droghe sintetiche micidiali come il Metadone arrivino sul mercato dello spaccio, e sicuramente vittime dell’attività criminale dello spacciatore. Ma non possiamo ignorare che sono anche vittime di una mancata politica di prevenzione e informazione. Cosa sarebbe successo se i due ragazzini fossero stati adeguatamente informati degli effetti e dei rischi connessi all’assunzione di droga?

Salutiamo sempre con gioia i sequestri di droga e gli arresti degli spacciatori, ma siamo anche consci che le azioni repressive non sono sufficienti a risolvere il problema. Il vero problema non è il traffico: se non ci fosse una domanda, un desiderio di droga, la criminalità non avrebbe motivo di produrre, trafficare e spacciare stupefacenti.

La campagna “La Verità sulla Droga” per le scuole è nata per informare i giovani prima vengano “informati” dagli spacciatori, dagli “amici” più grandi o da innumerevoli siti internet che magnificano le proprietà curative della marijuana e danno “consigli” su come sballarsi al meglio.

La campagna è portata avanti dall’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”. Si tratta di un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | metadone | codeina | sert |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Abuso di farmaci prescritti per sballarsi o auto-curarsi


A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus


A Milano il primo morto italiano per overdose di eroina sintetica


Uno dei più pericolosi farmaci prescritti: il Fentanyl


Purple Drank: la coloratissima droga “fai da te” che uccise il rapper che la cantava


In Colorado, dove la cannabis è legale, si muore di più per overdose di stupefacenti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)