Home > Eventi e Fiere > REUMARETE: “Necessaria la nascita di una Rete regionale campana per i pazienti affetti da malattie reumatiche”

REUMARETE: “Necessaria la nascita di una Rete regionale campana per i pazienti affetti da malattie reumatiche”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Le malattie reumatiche sono oltre 150, in aumento ovunque, sia come spesa sociale, pari allo 0,2% del Pil, che quella sanitaria, per cui i costi diretti ammontano allo 0,6% della spesa sanitaria totale


https://www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2020/07/ms-logo.jpg

Napoli, 10 luglio 2020Per far fronte a queste patologie molte Regioni italiane da diversi anni hanno creato delle reti regionali per indirizzare al meglio i malati e per garantire un grado di assistenza uguale su tutto il territorio. La Regione Campania ancora non dispone di una rete reumatologica, una mancanza che rende più difficoltoso per i cittadini l’accesso ai recenti farmaci innovativi e i biosimilari che permettono un risparmio economico per l’SSN e la possibilità di impiegare le risorse risparmiate in terapie innovative attuali e future. Per fare un punto della situazione sull’importanza di una Rete e su come implementare l’uso dei farmaci innovativi in Campania, Motore Sanità ha organizzato il Webinar ‘REUMARETE. LA RETE REUMATOLOGICA IN CAMPANIA’, con il contributo incondizionato di Bristol-Myers Squibb.

“La reumatologia è una patologia tremendamente invalidante per i tanti risvolti che tocca, come diagnosi, terapie e appropriatezza. Prima che un paziente con sintomi non chiari venga visitato da uno specialista passano tanti giorni, anche mesi: tempo nel quale la persona comincia a girovagare in cerca di visite e terapie, aumentando le spese per il servizio sanitario regionale e nazionale. È quindi indispensabile che per le malattie reumatologiche venga fatto il possibile, cercando di creare una rete multidisciplinare che coinvolga tutti gli specialisti implicati nella malattia e a noi della sanità il compito di tenere sotto controllo i continui progressi diagnostici e terapeutici che arriveranno”, ha dichiarato Ugo Trama, Dipartimento del Farmaco Regione Campania

“Le malattie reumatiche rappresentano la condizione cronica più diffusa nella popolazione italiana e sono causa di morbilità e mortalità in una alta percentuale di pazienti. I dati sulla reale incidenza delle malattie reumatiche in Italia sono pochi ma si ritiene che circa lo 0.6-1% della popolazione generale ne sia affetta. Non vi sono dati certi sulla prevalenza delle malattie reumatiche in Campania ma l’analisi del numero delle esenzioni attive per esse, evidenzia che circa lo 0.5% della popolazione ne risulta affetto con un incremento significativo in funzione dell’età. La severità dell’impatto delle malattie reumatiche sulla popolazione affetta è fortemente supportata dall’evidenza che circa il 22% dei pazienti affetti, sono costretti ad abbandonare la propria attività lavorativa. Sebbene già tali dati restituiscano una dimensione rilevante della problematica nella popolazione generale, è estremamente probabile che la reale dimensione del problema, verosimilmente sottostimata, sia ancora più drammatica. Sulla base di tale premesse, appare necessaria la costituzione di una rete reumatologica, fondata sul principio della continuità assistenziale intesa come omogeneità dell’offerta assistenziale basata su specifici e appropriati percorsi che valorizzino le interdipendenze tra tutte le strutture e servizi dell’area reumatologica campana”, ha detto Francesco Ciccia, Professore Medicina di Precisione, Università Campania Luigi Vanvitelli

 

Il webinar è andato in onda sul sito internet www.motoresanita.it

 

 

 

Ufficio stampa Motore Sanità

comunicazione@motoresanita.it

Stefano Sermonti - Cell. 338 1579457 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693   

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/


webinar | motoresanità | reumarete | campania |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Daiichi Sankyo Astrazeneca: pazienti affetti da tumore HER2 positivo o mutato. I risultati presentati ad ASCO 2020


Lixiana lancio Italia edoxaban il nuovo anticoagulante di Daiichi Sankyo


Studio Nemawashi: Congresso SIFO primi dati sui nuovi anticoagulanti orali (NAO)


Fibrillazione atriale, i pazienti diabetici e insulina aumenta rischio di ictus


Daiichi Sankyo nuovi dati sul farmaco anticorpo-coniugato [fam-] trastuzumab deruxtecan


Tromboembolismo Venoso: bassa incidenza di emorragie e recidive con edoxaban


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Progetto Open Way in Regione Toscana: “Grazie al web è possibile realizzare PDTA condivisi con tutto il comparto sanitario regionale”

27 luglio 2020 – Le autorità sanitarie della Regione Toscana, abituate a deliberare con continuità PDTA nelle principali patologie, hanno constatato come molti risultino poco o parzialmente applicati nonostante l’impegno di risorse impiegate. Gli organismi tecnici della Direzione diritti di cittadinanza e coesione sociale ipotizzano che questo sia dovuto ad una non adeguata condivisione dei c (continua)

Maculopatie senili e diabetiche in Regione Toscana: “Esperti auspicano un nuovo servizio assistenziale”

Firenze, 24 luglio 2020 – La maculopatia è una progressiva perdita della visione centrale, spesso bilaterale, che limita fortemente la funzione visiva: quella senile, legata all’età, è la forma più frequente e colpisce 25/30 milioni di persone nel mondo occidentale. Ma anche la maculopatia diabetica, la cui incidenza aumenta con la malattia diabete e con l’invecchiamento della popolazione, potrebbe prospettare scenari preoccupanti. Per fare il punto della situazione nella Regione Toscana, MOTORE SANITA’ ha organizzato il Convegno ‘GESTIONE DELLE MACULOPATIE SENILI E DIABETICHE IN REGIONE TOSCANA’, grazie al contributo incondizionato di ALLERGAN. “La necessità di sviluppo di PDTA è oramai una prassi consolidata ed accettata da tutte le comunità professionali, rispecchiando la necessità opportunità di una sincronizzazione di tutti gli interventi necessari per ogni singolo paziente. Non sono quindi linee guida ma una sorta di clinical path che raccolgono insieme raccomandazioni scientifiche e altre evidenze e i professionisti che le devono a (continua)

Focus Gestione delle maculopatie senili e diabetiche in Regione Toscana

Focus Gestione delle maculopatie senili e diabetiche in Regione Toscana
Il prossimo venerdì, 24 luglio, dalle ore 9:30 alle 13:30, Motore Sanità ha organizzato, con il patrocinio di Regione Toscana ed ARS Toscana, l'Incontro 'FOCUS GESTIONE DELLE MACULOPATIE SENILI E DIABETICHE IN REGIONE TOSCANA', con l'obiettivo di far confrontare gli esperti, sulla possibilità di programmare un servizio assistenziale per una patologia come la maculopatia, in particolare quella diab (continua)

CAR-T e COVID-19: “Esperti a confronto per superare e velocizzare criticità gestionali, amministrative e cliniche”

Giovedì 23 luglio - L’innovazione portata dalle terapie CAR-T rappresenta uno dei traguardi medici più importanti del nuovo secolo nella battaglia contro i tumori. Con l’attuale situazione Covid-19 servono nuovi modelli organizzativi e scelte immediate in aree soprattutto come queste che non possono attendere. Con l’obiettivo di fare il punto con i massimi esperti, dopo un percorso di 4 appuntamenti a livello regionale, su quanto sia stato già realizzato in molte Regioni e quanto di questo possa servire a superare criticità gestionali, amministrative e cliniche, Motore Sanità ha organizzato il Webinar dal titolo ‘BREAKTHROUGH INNOVATION CAR-T PROSPETTIVE ATTUALI IN EPOCA COVID-19’, FOCUS NAZIONALE, realizzato grazie al contributo incondizionato di GILEAD. “Il momento eccezionale dovuto al propagarsi della pandemia da SARS-CoV-2 ha inevitabilmente avuto un impatto significativo sulle attività clinico-scientifico incluse le procedure di somministrazione di CAR T nei pazienti affetti da patologie linfoproliferative. I centri già qualificati per tale presidio terapeutico hanno visto un rallentamento dell’attività, mentre nei centri non ancora qualifica (continua)

COVID-19 e test sierologici: “Risposta anticorpale certa, sicura ed efficace? Rispondono gli esperti”

22 luglio 2020 – Nuovo appuntamento del talk-webinar “BUONA SALUTE” ‘DIAGNOSI E MONITORAGGIO CON TEST SIEROLOGICI NELL’INFEZIONE DA SARS-CoV-2’, organizzato da Mondosanità e realizzato con il contributo incondizionato di ABBOTT. I massimi esperti della sanità italiana hanno fatto il punto sui test diagnostici, dall’uso più appropriato al miglior rapporto costo beneficio per il Servizio Sanitario Nazionale nella gestione della fase due in Italia. “I test ELISA per anticorpi IgM e IgG anti SARS-CoV-2 possono avere una specificità superiore al 95% per la diagnosi di COVID-19. La sensibilità dipende dalla fase dell’infezione potendo raggiungere virtualmente il 99%. In genere, la maggior parte degli anticorpi viene prodotta contro la proteina più abbondante del virus, che è quella del nucleocapside (NC). Pertanto, i test che rilevano gli (continua)