Home > Economia e Finanza > Gruppo Riva: dal commercio di rottami ai mercati asiatici

Gruppo Riva: dal commercio di rottami ai mercati asiatici

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Spagna, Francia, Canada: dal 1971 Gruppo Riva ha dato inizio a una serie di acquisizioni che hanno portato l'azienda a diventare una realtà affermata nel settore siderurgico.

Gruppo riva

Gruppo Riva: l'espansione in Italia e le prime sfide internazionali

La siderurgia è un settore estremamente competitivo: le aziende sul mercato devono confrontarsi oggi con l'ingresso di colossi cinesi e indiani, che puntano su quantità e prezzi ridotti. Gruppo Riva è una di quelle realtà italiane che ha saputo resistere alle sfide della globalizzazione. Questo grazie allo spirito imprenditoriale dei due fratelli Riva, Emilio e Adriano, che hanno guidato l'azienda fin dalla sua fondazione nel1954, con l'apertura del primo impianto nel territorio di Caronno Pertusella. Lo stesso stabilimento in cui, nel 1964, la società decide di investire nella colata continua curva, progetto sperimentale creato in accordo con il Gruppo Danieli: il nuovo impianto funziona e l'azienda dei Riva accresce la sua competitività. Nel 1966 i risultati permettono le acquisizioni di realtà italiane come le Acciaierie e Ferriere del Tanaro e la S.E.I.I di Malegno, per poi valicare i confini nazionali ed espandersi nei mercati esteri: la spagnola Siderurgica Sevillana è la prima operazione internazionale del Gruppo Riva, che proseguirà nella sua ascesa fino a raggiungere i mercati asiatici.

Acquisizioni e R&S: la ricetta del Gruppo Riva

Mentre Emilio conclude un'altra acquisizione, stavolta in Francia (stabilimento Iton Seine), Gruppo Riva approda in Canada grazie al fratello Adriano che nel frattempo fonda la Associated SteelIndustries, nata con l'obiettivo di recuperare l'ingente quantitativo di materiale proveniente dai rottami delle automobili statunitensi. La crescita dell'azienda beneficia di un'ulteriore spinta nel 1978, quando il Gruppo dà il via ai rapporti commerciali con la Cina, partner strategico e fino ad allora inedito per le realtà europee. Sul territorio nazionale entrano a far parte della società anche le Officine e Fonderie Galtarossa di Verona e le Acciaierie di Cornigliano (Genova). Ma l'espansione non si ferma: tra il 1988 e il 1992, stessa sorte tocca infatti alla francese Aciéries et Laminoirs de Paris, al laminatoio belga di Charleroi e infine a due importanti stabilimenti di Berlino. Dagli anni '90 a oggi Gruppo Riva ha continuato a crescere, fino ad arrivare ad oltre 5.000 dipendenti e più di 20 siti produttivi: un successo che si deve in particolare anche alle attività di Ricerca e Sviluppo svolte nel laboratorio di Lesegno, che ha permesso all'azienda di adottare tecnologie e rispettare standard avanzati in materia di sicurezza e sostenibilità ambientale.


Fonte notizia: https://www.rivaacciaio.com/it/chi_siamo/il_gruppo_riva


Gruppo Riva |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Storia dell’imprenditoria italiana: il Gruppo Riva


Siderurgia e made in Italy: la realtà produttiva di Riva Acciaio


Settore siderurgico: focus su Riva Acciaio, azienda leader in Italia


Riva Acciaio: le peculiarità del “Gleeble 3800”, esclusiva dello stabilimento di Lesegno


Lesegno: il Sindaco soddisfatto per la riapertura in sicurezza di Riva Acciaio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”
Confindustria Servizi HCFS: instabilità politica e crisi economica, i temi al centro dell’intervista al Presidente Lorenzo Mattioli “Questa crisi di Governo non aiuta: crea ulteriore incertezza. Questo è un momento davvero complicato e difficile che non si può gestire in un clima politico precario”: così Lorenzo Mattioli, Presidente di Confindustria Servizi HCFS.Lorenzo Mattioli: cruciale dare risposte urgenti, non più derogabiliL’instabilità dell’attuale scenario politico sta mettendo a dura prova le imprese in Italia, g (continua)

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico
Casa Efficiente di Gruppo Green Power permette a famiglie e aziende di risparmiare sui costi dell’energia e diminuire le emissioni approfittando del Superbonus Fondato nel 2010, Gruppo Green Power è uno dei maggiori operatori nazionali nell'ambito dell'efficientamento energetico.Gruppo Green Power: Superbonus, un iter semplificatoRisparmiare sui costi dell'energia e allo stesso tempo contribuire al miglioramento della qualità dell'aria: con Gruppo Green Power è possibile. Grazie al servizio dedicato al Superbonus 110%, tutti coloro ch (continua)

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP
Lo scorso 1° marzo le buone pratiche adottate da Riva Acciaio a beneficio dei lavoratori di Caronno Pertusella sono state premiate dai promotori del progetto WHP Riva Acciaio aveva aderito lo scorso agosto al network grazie all’ATS Insubria.Riva Acciaio: le attività a sostegno della salute dei lavoratoriIl progetto “WHP - Workplace Health Promotion”, sostenuto dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, ATS Insubria e Cgil-Cisl-Uil, è stato lanciato per promuovere attività a beneficio del benessere dei dipendenti. L’iniziativa, rivolta a (continua)

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”
Alitalia, Ilva e banda larga alcuni dei temi cruciali per il Paese: in un intervento su “Il Foglio”, Vito Gamberale analizza l’attuale situazione dei dossier industriali in Italia “Non penso che questo governo abbia bisogno di compiere una mossa demagogica. Sembrerebbe quasi distonico. Salvo che non sia un’iniziativa autonoma di CDP, magari in coincidenza di prossime scadenze”: affidate alle pagine de “Il Foglio”, le considerazioni di Vito Gamberale su alcuni importanti fascicoli industriali in Italia.Vito Gamberale: un passo indietro sul dossier ASPI da parte del Governo“S (continua)

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia
Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, racconta le strategie adottate per affrontare i cambiamenti causati dal Covid-19 nella ristorazione collettiva Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, ha parlato in un’intervista della situazione attuale dell’azienda dopo un 2020 influenzato dallo scoppio della pandemia e delle strategie adottate per fronteggiarla.Serenissima Ristorazione: differenziazione di portafoglio e consegna soluzioni vincenti nel contrasto al Covid-19Il 2020 nella ristorazione collettiva ha comportato una flessione generale (continua)