Home > Economia e Finanza > Piatti sicuri negli appartamenti in affitto breve

Piatti sicuri negli appartamenti in affitto breve

scritto da: Essecicomunicazione | segnala un abuso

Piatti sicuri negli appartamenti in affitto breve


L’emergenza Coronavirus ha modificato completamente l’approccio delle persone al mondo del food, dell’ospitalità e del turismo in generale perché oggi per i clienti la sicurezza occupa il primo posto in assoluto su qualunque altro elemento.

La location, la professionalità, il buon cibo continuano a rappresentare elementi importanti nella scelta di un locale o di un ristorante ma solo se accoppiati alla sicurezza e all’igiene nel delicato periodo di ripresa post-CoVid. Il timore legato a una possibile contaminazione è infatti sempre presente quando ci si sposta in un contesto diverso da quello familiare, l’attenzione alle norme igieniche e di distanziamento deve essere ancora alta ma la voglia di uscire e viaggiare è incontenibile e dunque si cercano contesti sicuri.

«Gli appartamenti rappresentano la soluzione più ricercata dagli Italiani in questo momento storico dove il distanziamento sociale è d’obbligo, perché considerati più protetti. Chi vuole portare la propria famiglia in vacanza preferisce avere un appartamento a propria disposizione, perché garantisce maggiore isolamento e offre spazi più ampi» ha dichiarato Francesco Zorgno, Presidente di CleanBnB. «Noi ci siamo impegnati da subito a mettere in atto tutte le procedure necessarie a offrire un soggiorno sicuro ma mancava ancora un tassello: come garantire anche un pranzo, una cena o una colazione “protetta” ai nostri ospiti? TrustFood è la risposta. Viaggiare in appartamento deve essere anzitutto un’esperienza sicura ed è questa la chiave della ripartenza».

Il progetto TrustFood
TrustFood certifica i locali dopo aver eseguito severi controlli relativi a igiene ambientale, igiene degli operatori e igiene degli alimenti. Solo i locali che risultano conformi possono usare il marchio TrustFood e sono consigliati agli ospiti degli appartamenti in affitto breve. Al momento il servizio è partito su tre città campione: Milano, Bologna e Roma su 300 appartamenti gestiti da CleanBnB. Sono una trentina i ristoranti selezionati per partire e validare il modello di business di TrustFood che si basa su un marketplace dei locali certificati dal quale sarà possibile ordinare un pasto da consumare subito, ingredienti freschi da trovare in frigo, piatti pronti da preparare in pochi minuti all’arrivo in appartamento o magari prenotare una cena a domicilio con tanto di chef stellato e brigata.

«L’emergenza Covid ha alzato drasticamente la sensibilità dei clienti nei confronti della sicurezza e riuscire a comunicare in maniera chiara e immediata il rispetto delle norme igieniche rappresenta un’esigenza che nessuna attività legata al turismo può permettersi di ignorare». Spiega Roberto Carcangiu chef e consulente internazionale nonché co-founder del progetto.

Un progetto win-win-win
«Questo progetto nasce da tre esigenze ben precise alle quali abbiamo dato una risposta concreta» – aggiunge Laura Loprieno Ceo di Dynamo, l’agenzia specializzata in servizi di marketing e comunicazione per PMI e startup che insieme a Carcangiu e Claudio Campion, fondatore di RistoCloud, società leader nel settore dell’informatizzazione rivolta alla ristorazione ha dato vita a TrustFood. «Da una parte ci sono gli ospiti - continua Loprieno, - che quando ordinano un piatto per il delivery, l’asporto o la consumazione nel ristorante devono essere certi di gustare cibo preparato nel pieno rispetto di tutta le norme di sicurezza igienico sanitaria. Poi ci sono i gestori di appartamenti in affitto breve, che ora possono completare l’offerta con l’aiuto dei locali sicuri in un’area geolocalizzata e, infine, ci cono i ristoranti certificati TrustFood che hanno accesso a un circuito di vendita completamente nuovo».

Gli sviluppi di TrustFood
Nel giro di qualche settimana sul sito Trustfood.it sarà online il marketplace che permetterà ai ristoranti di presentare la propria offerta e ai clienti di ordinare direttamente online. Al momento, la presentazione dei locali sicuri viene fatta agli ospiti direttamente dal personale CleanBnB ma a breve sarà possibile ordinare un menu completo già mentre si prenota una vacanza. TrustFood si impegna a valorizzare i ristoranti che offrono piatti del territorio per stimolare il consumo del made in Italy e promuovere le aziende che producono specialità locali. Ma questo è solo l’inizio.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Appartamenti in vendita a Montesilvano? Immobiliare Plus è la risposta


Parisflatlist: case vacanze a Parigi, un sito per turisti e non solo!


Affitti Case vacanze Salento


600 appartamenti in vendita a Bergamo


Top Casa immobiliare: esperienza ventennale per acquisto, affitto e vendita case a Busto Arsizio e limitrofi


Il mercato immobiliare è il traino del Paese. L’affitto breve? Una grande opportunità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Acronis apre un nuovo centro operativo di Cyber Protection per l'area EMEA

Acronis apre un nuovo centro operativo di Cyber Protection per l'area EMEA
Acronis ha annunciato l'apertura del nuovo centro operativo CPOC (Cyber Protection Operation Center), che sarà strategico per la protezione informatica dell'area EMEA perché consentirà a partner, clienti e utenti finali di essere sempre #CyberFit grazie a un'offerta di servizi di protezione, monitoraggio e analisi continua delle minacce informatiche. È di pochi giorni fa la notizia della violazione degli account Twitter di alcuni dei più prestigiosi leader mondiali, attuata in tutta probabilità per diffondere una truffa tramite bitcoin. Incidenti come questo sottolineano quanto gli attacchi informatici siano incombenti e capaci di danneggiare persone e aziende in tutto il mondo. Malgrado il costante progresso dei sistemi di protezione, il nume (continua)

Acronis nominata da Gartner tra i Visionari nel Magic Quadrant 2020 per le soluzioni di backup e ripristino per datacenter

Acronis nominata da Gartner tra i Visionari nel Magic Quadrant 2020  per le soluzioni di backup e ripristino per datacenter
Al leader della cyber protection il riconoscimento per il focus sui settori verticali e per l'offerta di cyber protection nettamente differenziata – Acronis, leader globale della cyber protection, è stata inserita da Gartner tra i Visionari nel 2020 Magic Quadrant for Data Center Backup and Recovery Solutions, dopo essere stata nominata Vendor di nicchia nel 2019. Il passaggio alla categoria Visionary arriva dopo che l'azienda ha presentato un'offerta di Disaster-Recovery-as-a-Service che diventerà parte del portfolio Acronis Cyber (continua)

Liverpool FC: una vittoria #cyberfit

Liverpool FC: una vittoria #cyberfit
Il Liverpool FC ha compreso rapidamente l'importante ruolo che la tecnologia e la protezione cyber svolgono nel settore sportivo, sempre più ogni giorno. Nel dicembre 2019, il Liverpool FC ha stretto una partnership con Acronis, leader globale nella protezione informatica, per il backup e l'archiviazione dei dati. Acronis, ha una storia di collaborazioni sportive con più partner tra (continua)

Acronis acquisisce DeviceLock per una cyber protection sempre più integrata

Acronis acquisisce DeviceLock per una cyber protection sempre più integrata
– Acronis, leader globale nella cyber protection, ha annunciato oggi l'acquisizione di DeviceLock, Inc., tra i principali fornitori di software di controllo delle porte/dei dispositivi endpoint per la prevenzione delle perdite di dati utilizzati da aziende e istituzioni governative di tutto il mondo. L'accordo prevede che DeviceLock diventi una società interamente controll (continua)

Lockdown e crisi delle imprese: il vademecum per reagire e salvare il business

Lockdown e crisi delle imprese: il vademecum per reagire e salvare il business
L’arrivo della cosiddetta “fase 2” successiva al lockdown per il Covid-19 ha fatto emergere le enormi problematiche che oggi molte aziende (in particolare le piccole e le medie) devono affrontare in termini di liquidità. E le previsioni sono decisamente pessimistiche, come dimostrato da autorevoli ricerche. Tra queste, anche quelle di Confindustria che recentemente ha divulgato alcuni dati sugli e (continua)