Home > News > Il mondo dopo il Coronavirus: a Sky Tg24 le riflessioni dell’AD di Eni Claudio Descalzi

Il mondo dopo il Coronavirus: a Sky Tg24 le riflessioni dell’AD di Eni Claudio Descalzi

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso

“La globalizzazione, in termini di condivisione di idee e fatti, è sicuramente una soluzione e non un demone”: l’AD di Eni Claudio Descalzi ospite di Sky Tg24 nel programma “Idee per il dopo”


Tra gli ospiti della decima puntata di "Idee per il dopo", programma di approfondimento di Sky Tg24, anche l'AD di Eni Claudio Descalzi: accelerare la transizione energetica ora è urgente.

Claudio descalzi, ad eni

Claudio Descalzi a Sky Tg24: l'impegno di Eni nell'accelerare la transizione energetica

Per Eni accelerare la transizione energetica è "un'opportunità e un'urgenza". Lo ha sottolineato l'Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi intervenendo lo scorso 30 giugno a "Idee per il dopo" su Sky Tg24. L'AD ha spiegato come l'intenzione sia quella di ridurre le emissioni in linea con l'obiettivo di temperatura (climatica) della Cop21: "Per noi ci sarà un'accelerazione del Piano di transizione energetica, un piano di trasformazione che coinvolge tutti i nostri asset, dalle raffinerie, delle quali due le abbiamo già trasformate in bioraffinerie, alla chimica". L'accelerazione è necessaria "anche perché dobbiamo allontanarci dalle fluttuazioni di un mercato altamente volatile, e non a causa del Covid, che ha solo enfatizzato una volatilità che durava da anni": dal 2014 il gruppo ha investito oltre 4 miliardi di euro in tecnologie proprietarie, alcune già realizzate, e "abbiamo tutte le possibilità e gli strumenti per compiere questa accelerazione". In questa prospettiva per Claudio Descalzi il tema delle disuguaglianze diventa fondamentale: "Una società che tende ad aumentare il livello di disuguaglianza non può innovare e applicare le nuove tecnologie. Quando ci sono problemi esistenziali le persone sono concentrate sul quotidiano, mentre noi abbiamo bisogno di essere concentrati sul futuro". Contro le disuguaglianze serve pragmatismo: "Pensare è importante, ma non va bene entrare in un labirinto di pensieri. Occorre mettere a terra quello che si pensa, per il bene delle persone, creando uguaglianza e non disuguaglianza. Non si può entrare in un contesto di dibattito e conflittualità continua, perché mentre ci sono i conflitti le disuguaglianze crescono, non diminuiscono. Bisogna occuparsi delle persone, della società e delle aziende con generosità, interesse e pragmatismo".

Claudio Descalzi: la pandemia ha accentuato la trasformazione di alcuni sistemi e non solo nei Paesi in via di sviluppo

"Il Coronavirus ha enfatizzato la necessità di andare verso la transizione energetica in modo molto più accelerato rispetto ai piani originali di Eni e dell'industria dell'oil&gas in generale": nello speciale di Sky Tg24 Claudio Descalzi parla anche dell'emergenza e di come il gruppo stia affrontando questo periodo "difficile e complesso". "Siamo ben allenati" osserva l'AD: "Tutta la parte operativa ha continuato a lavorare, per mantenere in sicurezza gli impianti e garantire la continuità delle attività. Veniamo da decenni di pandemie in diversi Paesi asiatici e africani e abbiamo sviluppato un sistema di procedure definito, un sistema di formazione del personale operativo e un'organizzazione di rotazione del personale, e negli ultimi sei anni abbiamo creato anche un controllo centralizzato delle attività attraverso la digitalizzazione di tutte le componenti meccaniche e tecniche dei nostri impianti". Non avendo colpito tutti i Paesi nello stesso momento, Eni si è trovato ad operare "in una situazione molto variegata che ci tiene sotto pressione per mantenere le persone e gli impianti in massima sicurezza": uno scenario che "richiede attenzione costante e le nostre persone sono addestrate per questo". Claudio Descalzi ha fatto notare inoltre come il Coronavirus abbia accentuato la trasformazione futura di alcuni sistemi: "Molti Paesi produttori di oil&gas vivono di risorse energetiche e già da sei anni erano sotto pressione, prima di cadere nella situazione attuale. La struttura industriale in questi Paesi dovrà assolutamente cambiare, vi dovrà essere una diversificazione. Una diversificazione che per molti di questi Paesi significa autosufficienza in settori come l'alimentare, l'agricolo, il farmaceutico o la stessa energia. Le politiche industriali di diversificazione, dal punto di vista delle tecnologie, della comunicazione, dei rapporti tra centri di ricerca e università, portano una necessaria globalizzazione".


Fonte notizia: https://www.askanews.it/economia/2020/06/30/eni-descalzi-ora-urgente-accelerare-la-transizione-energetica-pn_20200630_00316/


Claudio Descalzi | Eni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni


Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Eni: assemblea degli azionisti, l’AD Claudio Descalzi: “2018, record della produzione”


Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi


Claudio Descalzi al “Corriere della Sera”: il risveglio dell’economia, i primi segnali ci sono


Il 2018 si conferma un’ottima annata per Eni: Claudio Descalzi commenta i risultati conseguiti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reuters Events, Claudio Descalzi (Eni): “Operazione spin-off bioraffinerie interessante”

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Eni, ha partecipato all'evento online di Reuters sulla minaccia globale del cambiamento climatico.Claudio Descalzi: Eni, bioraffinerie e rinnovabili prossimi spin-offNel futuro di Eni anche l'attività delle bioraffinerie potrebbe diventare spin-off, andando ad affiancarsi così a quelle retail: un passaggio già confermato per quanto (continua)

Eni, l’AD Claudio Descalzi: l’impegno del Gruppo per la completa neutralità carbonica al 2050

Eni per un futuro energetico completamente decarbonizzato: l'AD Claudio Descalzi ha parlato del forte impegno del Gruppo per la neutralità carbonica.Eni al 2050 illustrata dall'AD Claudio DescalziIn linea con i criteri delineati nell'Accordo di Parigi, Eni è fortemente impegnata per favorire il raggiungimento della completa neutralità carbonica entro il 2050. In un messaggio pubblicato sul sito de (continua)

Eni, Claudio Descalzi fa visita al Presidente dell’Angola: sul tavolo nuove iniziative

Claudio Descalzi ha dichiarato che Eni intende investire 7 miliardi di dollari sullo sviluppo energetico dell'Angola.Claudio Descalzi: il punto sui progetti angolaniLa strategia esplorativa di Eni in Angola continua a dare i suoi frutti. Il giacimento offshore di Agogo, scoperto due anni fa nel Blocco 15/06, in acque angolane, ha consentito al Gruppo di ottenere finora due miliardi di barili di oi (continua)

L’AD di Eni Claudio Descalzi: ricerca e innovazione essenziali per un futuro positivo

Eni, siglato un nuovo accordo quadro con il Politecnico di Milano: intervenuto all'evento, l'AD Claudio Descalzi ha ricordato come per un futuro positivo sia "essenziale puntare sulla ricerca scientifica e sull'innovazione". Eni, evento per il rinnovo della collaborazione con il Politecnico di Milano: l'intervento dell'AD Claudio DescalziÈ "un accordo di importanza strategica che ci dà grande forz (continua)

Claudio Descalzi: ridurre drasticamente l’impronta carbonica, la strategia di Eni

"I principi dell'economia circolare saranno tra i pilastri strategici": così l'AD Claudio Descalzi in un intervento ad "Adnkronos" che illustra gli obiettivi di Eni al 2050."Eni sta cambiando volto, in modo radicale e irreversibile": le parole di Claudio Descalzi ad "Adnkronos"Economia circolare e riduzione drastica dell'impronta carbonica sono le fondamenta della trasformazione di Eni, (continua)