Home > Turismo e Vacanze > A Salerno si gioca con l'evento che unisce sport, cultura e spettacolo per la 42° edizione di GiocaItalia/GiocaSalerno

A Salerno si gioca con l'evento che unisce sport, cultura e spettacolo per la 42° edizione di GiocaItalia/GiocaSalerno

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

A Salerno si gioca con l'evento che unisce sport, cultura e spettacolo per la 42° edizione di GiocaItalia/GiocaSalerno


A Salerno prende il via la kermesse che unisce sport, cultura e spettacolo

42esima edizione di GiocaItalia/GiocaSalerno

Tra i tanti protagonisti: Giulio Rapetti Mogol, Umberto Scipione e il trio "Appassionante"

La kermesse "GiocaItalia/GiocaSalerno" compie 42 anni. L'iniziativa, organizzata dalla S&M Production torna a Salerno dopo aver girato il mondo per un ventennio, e lo fa in grande stile in quanto il 30, 31 luglio, l'1 e il 2 agosto sui palcoscenici allestiti nelle diverse location in cui si terrà la kermesse si alterneranno personaggi appartenenti al mondo dello sport, della cultura, dello spettacolo del calibro nazionale come Mogol,  il trio "Appassionante", Sammy Barbot, e tanti altri.

Un’iniziativa con un nutrito calendario di attività (laboratori, mostre, master class, spettacoli, proiezioni) pensata per un pubblico eterogeneo: bambini, genitori, giovani, meno giovani

Sono stati costituiti un Comitato scientifico/culturale e uno costituito da bambini ai quali è stato affidato il compito dell'assegnazione dei Premi GiocaItalia 2020 che verranno consegnati in occasione della serata di gala del 30 luglio che si terrà nella magica scenografia dell’Arena del Mare. Sul palcoscenico - introdotti da Sammy Barbot, Nunzia Schiavone e Sandro Ravagnani - si alterneranno: il trio pop lirico "Appassionante" (special guest della trasmissione "La Repubblica delle Donne" condotta da Piero Chiambretti), il compositore Umberto Scipione, la cantante Federica Nutini, Pjero (finalista di X-Factor), la cantante Annalisa Martinisi, la giovane promessa della musica leggera Gianmarco Gridelli, il gruppo Percussionamo, Antonio Ferrara (protagonista del video su Salerno “Il Mare”), il gruppo rivelazione dell'anno "Groove Explosion", il campione del mondo di organetto diatonico Ivano De Simone, l'artista Alyson, la band "Am bros one", il ballerino di danze latino americane Cosimo, e il gruppo "Tarantella Five". Tra i personaggi insigniti del premio che interverranno Mogol e Claudio Gubitosi (fondatore del "Giffoni Film Festival").

Le attività della seconda giornata della kermesse si svolgeranno presso il teatro Augusteo di Salerno: alle ore 10 inizieranno i talk show animati da psicologi, docenti, scrittori, personaggi impegnati nel sociale; sarà allestita la mostra fotografica di Gerry Frezza sul "Torneo Santa Teresa" e una mostra sulle Olimpiadi del 1960 a Roma; la serata sarà animata da Gennaro De Crescenzo, Carmine De Feo, Antonio Costantino, il coro gospel "Lina Marino", Gina Rodia, Susanna Reppucci, Antonio Ferrara, Anna Maggi, Luca Argenti, Giovanni Adinolfi e i “Bagarja Band”. In tale occasione saranno consegnate le chiavi della Città all'allenatore di calcio ed ex calciatore Franco liguori.

La manifestazione continuerà nei giorni 1 e 2 agosto a Vietri sul Mare con convegni, proiezioni e concerti che si svolgeranno presso l'Anfiteatro e Marina di Vietri.

La S&M Production di Sebastiano Sandro Ravagnani e Marco Saccone è particolarmente attenta al mondo dei più giovani e interessata a promuovere iniziative che - grazie a interazioni con enti, istituzioni e professionisti - possano restituire momenti di cultura a servizio della società attraverso la valorizzazione delle diverse forme d’arte, dei territori e la sensibilizzazione verso tematiche sociali.

GiocaItalia è una manifestazione di prestigio nazionale nata nel lontano 1977 da un’idea di Cino Tortorella e Sebastiano Sandro Ravagnani (oggi direttore artistico della kermesse) con l'intento di diffondere sani valori attraverso attività ludiche e di intrattenimento.

L’evento GiocaSalerno è nato sempre nel 1977 grazie all'incontro tra l’ing. Armando Pagliara, allora funzionario del Comune di Salerno, e Sebastiano Sandro Ravagnani già impegnato in attività finalizzate allo sviluppo di progetti socio/culturali in qualità di giornalista e autore di numerosi format televisivi.

“Il nostro è un evento consolidato nel tempo – dicono i promotori -, una formula di successo giunta al traguardo del quarantaduesimo anniversario”. "La manifestazione, uno degli eventi centrali dell’estate di Salerno, si svolgerà nel rispetto dell’applicazione delle norme anticontagio. Chiediamo ai cittadini di prestare la massima attenzione nel rispetto delle linee guida in materia di sicurezza imposta dal Governo – proseguono gli organizzatori -. Ricordiamo l’obbligo di indossare la mascherina, l’adozione del distanziamento sociale e la massima cura nell’evitare la formazione di assembramenti”.

"GiocaItalia/GiocaSalerno" è una kermesse patrocinata dalla Regione Campania, dal Comune di Salerno, e da quello di Vietri sul Mare, e gode della collaborazione dell'associazione "La Giostra" e della media partnership della testata giornalistica WBE Channel.

I biglietti per accedere alle prime due giornate sono disponibili su www.vivaticket.com.  

H  di  P

GiocaSalerno |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»
«Ora è il momento delle eccellenze campane, tocca a noi aiutare il sistema a non cadere perché una volta caduti, rialzarsi diventerà molto difficile» Spalla a spalla, nessuno cade. Ecco che in tempi duri come questi, le spalle forti diventano fondamentali per non far cadere un sistema che oggi stenta a sopravvivere. Campania poco felix ultimamente, tra mancanza di lavoro e una povertà che cresce causa la crisi sanitaria ed economica che sta attraversando l’Italia intera. Si fatica, molto e in attesa di un nuovo inizio. Nel frattempo ec (continua)

Mediagraf e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici

Mediagraf  e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici
La speciale carta prodotta in esclusiva da Favini per il calendario con fibrille visibili solamente con la luce UV rendono il prodotto anti-contraffazione La carta ecologica Crush della Favini con il 15% di residui di produzione agro-industriali in parziale sostituzione di cellulosa da albero utilizzata dalla chef Carlo Cracco    Sei alla ricerca di nuove ispirazioni per il 2021?  Chiedi alla  #Favinicollection con i campionari delle specialità grafiche: carte colorate, ecologiche, goffrate, metallizzate ideali per i (continua)

Luigi Auletta nominato coordinatore campano Wedding Confesercenti

Luigi Auletta nominato coordinatore  campano Wedding Confesercenti
Nel Mezzogiorno il wedding è fondamentale Confesercenti far sì che il Governo riconosca questa categoria che sviluppa economia Il lusso nella moda per cerimonia è prerogativa di pochi? Non necessariamente, con i marchi: Impero Couture, Impero Diamonds, Luigi Auletta, Impero Sposa, Impero Uomo, Rosi Girl e Impero Junior della “Luigi Auletta Alta Moda”. Ad Aversa, in provincia di Caserta, l’azienda fondata da Luigi Auletta nel 2000 è diventata in breve tempo il punto di riferimento nel mercato nazionale della mod (continua)

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania
La decisione maturata dopo il brutto episodio accorso al rider campano Enrico Schettino è titolare di 18 ristoranti con il Gruppo Giappo buona parte  in Campania  Rinnovarsi per ripartire. Un tempo, per cercare di concludere migliori affari, gli imprenditori puntavano all’estero. Oggi, per un ristoratore può bastare andare fuori dalla Campania: una delle regioni in cui il settore della ristorazione ha subito limitazioni spesso più restrittive di que (continua)

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa
La Maison Cilento 1780 continua nella coesione internazionale tramite le sue cravatte I rapporti artistici e culturali tra Napoli e la Russia risalgono  al diciottesimo secolo. Fra i primi ad apprezzare la nostra terra furono gli studenti  dell'Accademia di Belle arti di San Pietroburgo che ritrassero il Vesuvio, le marine e scorci del golfo sulle loro tele, facendo scoprire le bellezze di Napoli. Giunsero poi i primi turisti fra cui  Maksim Gor'kij, che visse (continua)