Home > Economia e Finanza > Acronis acquisisce DeviceLock per una cyber protection sempre più integrata

Acronis acquisisce DeviceLock per una cyber protection sempre più integrata

scritto da: Essecicomunicazione | segnala un abuso

Acronis acquisisce DeviceLock per una cyber protection sempre più integrata


– Acronis, leader globale nella cyber protection, ha annunciato oggi l'acquisizione di DeviceLock, Inc., tra i principali fornitori di software di controllo delle porte/dei dispositivi endpoint per la prevenzione delle perdite di dati utilizzati da aziende e istituzioni governative di tutto il mondo. L'accordo prevede che DeviceLock diventi una società interamente controllata da Acronis.

 

Tra i leader indiscussi nel campo della prevenzione delle perdite di dati (DLP), con prodotti installati su 4 milioni di computer in oltre 5.000 aziende e istituzioni in tutto il mondo, DeviceLock può contare su una clientela globale nei settori più disparati, come quello bancario e finanziario, medico-farmaceutico, governativo e della difesa, industriale e del retail.

 

La tecnologia DLP di DeviceLock è studiata per bloccare le perdite di dati alla fonte, visto che quasi i due terzi degli incidenti gravi di questo tipo sono provocati da dipendenti, collaboratori esterni o visitatori – sia a causa di errori involontari che con intento doloso. Le soluzioni DeviceLock offrono un'eccellente protezione da questa grave minaccia interna per i dati di maggior valore. Con l'acquisizione di queste nuove funzionalità, Acronis farà un ulteriore passo avanti verso l'obiettivo di fornire a ogni azienda una cyber protection di qualità superiore.

 

Acronis integrerà la tecnologia DeviceLock in Acronis Cyber Platform, rendendo disponibili nuovi servizi tramite il portale delle soluzioni Acronis Cyber Cloud. Allo stesso tempo, Acronis continuerà a lavorare su nuove versioni di DeviceLock DLP mantenendo il supporto tecnico completo.

 

Oltre alla suite completa di funzioni DLP di DeviceLock, Acronis proporrà a clienti e partner una soluzione semplice e conveniente per prevenire le perdite di dati da portatili e desktop Windows e Mac e da sessioni e applicazioni Windows virtualizzate, garantendo salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza (SAPAS, i cinque vettori della Cyber Protection) a tutti i dati, le applicazioni e i sistemi.

 

"Integrando le soluzioni di DeviceLock nel nostro catalogo di prodotti e servizi di cyber protection offriamo ai partner e ai clienti un metodo semplice per garantire un grado di funzionalità senza precedenti tra le soluzioni DLP per gli endpoint in una fascia di prezzo conveniente", ha dichiarato Sergei "SB" Beloussov, fondatore e CEO di Acronis. "Intendiamo da un lato sviluppare nuove soluzioni internamente, e dall'altro acquisire altri fornitori di punta per ampliare con ancora più funzioni il nostro attuale catalogo. Il mondo della sicurezza informatica è in continuo mutamento, e abbiamo tutte le intenzioni di continuare a far evolvere le nostre soluzioni per soddisfare le esigenze sempre nuove del mercato."

 

Acronis è consapevole del valore rappresentato dall'offerta dei servizi DeviceLock alla sua comunità di 50.000 partner del canale IT, che consentirà a MSP e a service provider di gestire meglio le esigenze di protezione dati dei clienti. La capacità di Acronis di soddisfare i requisiti di deployment delle infrastrutture in termini di sede, budget e scenario d'uso garantisce il massimo del controllo e della flessibilità per fornire servizi di cyber protection con Acronis Cyber Protect. Acronis intende continuare a migliorare le sue offerte di cyber protection e ad aggiungere le funzionalità richieste da partner e clienti.

 

"La fusione con Acronis ci permette di velocizzare l'innovazione nei prodotti, di ampliare il nostro canale distributivo e di sfruttare la nostra attuale tecnologia per soddisfare le esigenze dei clienti", ha dichiarato Ashot Oganesyan, CTO e fondatore di DeviceLock. "Con l'esperienza accumulata in quasi un quarto di secolo nella fornitura di soluzioni di prevenzione delle perdite di dati dagli endpoint e di controllo dei dispositivi, siamo certi che questa acquisizione proteggerà milioni di utenti in più e garantirà il deployment sicuro e affidabile di soluzioni di protezione dati in tutto il mondo."

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Acronis offre l'accesso in anteprima alla nuova Acronis Cyber Platform


Acronis annuncia un piano di investimenti per 147 milioni di dollari orchestrato da Goldman Sachs


Acronis True Image 2019 un livello di protezione informatica che ha impedito ai ransomware di fare danni per oltre 100 milioni di dollari


Acronis festeggia il 15° anno di attività e premia i propri partner durante un evento di gala organizzato a Singapore, dove l'azienda è nata


Acronis distribuisce la nuova versione di Acronis Data Cloud, per una protezione dei dati informatici più semplice


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Acronis apre un nuovo centro operativo di Cyber Protection per l'area EMEA

Acronis apre un nuovo centro operativo di Cyber Protection per l'area EMEA
Acronis ha annunciato l'apertura del nuovo centro operativo CPOC (Cyber Protection Operation Center), che sarà strategico per la protezione informatica dell'area EMEA perché consentirà a partner, clienti e utenti finali di essere sempre #CyberFit grazie a un'offerta di servizi di protezione, monitoraggio e analisi continua delle minacce informatiche. È di pochi giorni fa la notizia della violazione degli account Twitter di alcuni dei più prestigiosi leader mondiali, attuata in tutta probabilità per diffondere una truffa tramite bitcoin. Incidenti come questo sottolineano quanto gli attacchi informatici siano incombenti e capaci di danneggiare persone e aziende in tutto il mondo. Malgrado il costante progresso dei sistemi di protezione, il nume (continua)

Acronis nominata da Gartner tra i Visionari nel Magic Quadrant 2020 per le soluzioni di backup e ripristino per datacenter

Acronis nominata da Gartner tra i Visionari nel Magic Quadrant 2020  per le soluzioni di backup e ripristino per datacenter
Al leader della cyber protection il riconoscimento per il focus sui settori verticali e per l'offerta di cyber protection nettamente differenziata – Acronis, leader globale della cyber protection, è stata inserita da Gartner tra i Visionari nel 2020 Magic Quadrant for Data Center Backup and Recovery Solutions, dopo essere stata nominata Vendor di nicchia nel 2019. Il passaggio alla categoria Visionary arriva dopo che l'azienda ha presentato un'offerta di Disaster-Recovery-as-a-Service che diventerà parte del portfolio Acronis Cyber (continua)

Liverpool FC: una vittoria #cyberfit

Liverpool FC: una vittoria #cyberfit
Il Liverpool FC ha compreso rapidamente l'importante ruolo che la tecnologia e la protezione cyber svolgono nel settore sportivo, sempre più ogni giorno. Nel dicembre 2019, il Liverpool FC ha stretto una partnership con Acronis, leader globale nella protezione informatica, per il backup e l'archiviazione dei dati. Acronis, ha una storia di collaborazioni sportive con più partner tra (continua)

Piatti sicuri negli appartamenti in affitto breve

Piatti sicuri negli appartamenti in affitto breve
L’emergenza Coronavirus ha modificato completamente l’approccio delle persone al mondo del food, dell’ospitalità e del turismo in generale perché oggi per i clienti la sicurezza occupa il primo posto in assoluto su qualunque altro elemento.La location, la professionalità, il buon cibo continuano a rappresentare elementi importanti nella scelta di un locale o di un ristorante ma solo se accoppiati (continua)

Lockdown e crisi delle imprese: il vademecum per reagire e salvare il business

Lockdown e crisi delle imprese: il vademecum per reagire e salvare il business
L’arrivo della cosiddetta “fase 2” successiva al lockdown per il Covid-19 ha fatto emergere le enormi problematiche che oggi molte aziende (in particolare le piccole e le medie) devono affrontare in termini di liquidità. E le previsioni sono decisamente pessimistiche, come dimostrato da autorevoli ricerche. Tra queste, anche quelle di Confindustria che recentemente ha divulgato alcuni dati sugli e (continua)