Home > Cultura > In auto con 32kg di droga e due minorenni

In auto con 32kg di droga e due minorenni

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

In auto con 32kg di droga e due minorenni

Sembra incredibile ma un trafficante di droga trasportava 32 kg di sostanze stupefacenti (marijuana) insieme alla figlia e al suo fidanzato, entrambi minori.


È del tutto evidente che chi sei dedica al traffico di droga ha completamente abbandonato la strada della responsabilità nei confronti degli altri, dato che sa benissimo di commerciare in veleno che danneggerà moltissime altre persone. Non deve quindi stupire più di tanto se l’irresponsabilità criminale si spinge al punto da coinvolgere nel traffico dei soggetti minori, in questo caso la figlia 14enne e il suo fidanzato.

Il 45enne fermato a Modena sull’autostrada traportava un carico di infiorescenze di marijuana purissima, per un valore di circa 70.000 euro. I sacchi non stavano solo nel bagagliaio, ma anche sui sedili posteriori dove presumibilmente stavano i minori! Anche loro sono stati denunciati ovviamente.

Se pensiamo che per uno spinello servono mediamente da 0,25 a 0,50 grammi di marijuana… si fa presto a calcolare che 32 kg equivalgono a 64.000 o 128.000 spinelli! Avrebbero rifornito migliaia di spacciatori nelle città del nord.

Il THC, l’allucinogeno contenuta nella marijuana, è una sostanza decisamente tossica. Anche se molto difficilmente può causare overdose, non è infrequente il ricovero ospedaliero per avvelenamento da marijuana, soprattutto per chi la ingerisce per via orale sotto forma di torte, cioccolato e altro cibo mischiato alla droga.

La verità è che l’uso di marijuana triplica il rischio di psicosi, di incidenti stradali, riduce il rendimento scolastico, danneggia le cellule cerebrali, dà dipendenza, e come se non bastasse si moltiplicano le probabilità di ricorrere in futuro a droghe persino peggiori. Il 95% di chi assume droghe cosiddette “pesanti” ha cominciato con la marijuana.

Salutiamo sempre con gioia i sequestri di droga e gli arresti dei trafficanti, ma siamo anche consci che le azioni repressive non sono sufficienti a risolvere il problema. Il vero problema non è il traffico: se non ci fosse una domanda, un desiderio di droga, la criminalità non avrebbe motivo di produrre, trafficare e spacciare stupefacenti.

La campagna “La Verità sulla Droga” per le scuole è nata per informare i giovani prima vengano “informati” dagli spacciatori, dagli “amici” più grandi o da innumerevoli siti internet che magnificano le proprietà curative della marijuana e danno “consigli” su come sballarsi al meglio.

La campagna è portata avanti dall’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”. Si tratta di un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | marijuana | THC |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

GIULIA PRATELLI: ESCE “TUTTO BENE” IL NUOVO DISCO DELLA CANTAUTRICE TOSCANA CON LA PRODUZIONE ARTISTICA DI ZIBBA


GIULIA PRATELLI ESCE IL 13 GENNAIO “DALL’ALTRA PARTE DELLE COSE”, IL SINGOLO CHE PRESENTA LA GIOVANE CANTANTE E NE DESCRIVE L’UNIVERSO MUSICALE


VALLANZASKA “QUANDO È GATTA”


FILAGOSTO FESTIVAL DAL 1 AL 6 AGOSTO 2017 L’EDIZIONE NUMERO 15 DI UNO DEI FESTIVAL GRATUITI PIÚ ATTESI DELLA LOMBARDIA


Consulente tributario, contabile, fiscale, societario e aziendale presso Studio commercialista Quarbo di Livorno e Brescia


TANARO LBERA TUTTI 2018: PARCO TANARO di ALBA (CN) 13/14 luglio 2018


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia
La propaganda sulla marijuana è infarcita di notizie del tutto false, soprattutto riguardo al fatto che tale droga abbia un uso medico. La marijuana non è una medicina. È un termine gergale per una pianta della famiglia della cannabis che contiene più di 60 diverse sostanze cannabinoidi e oltre 80 composti biologicamente attivi. Usare il termine “marijuana” al posto del THC (la sostanza tossica che dà lo “sballo) sarebbe come usare l’albero del salice al posto dell'acido “acetilsalicilico” (il principio attivo dell'aspirina). (continua)

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito
La quantità delle morti per overdose in Scozia è incredibilmente superiore a qualsiasi altra parte d’Europa. Le morti per overdose di droga avvengono in tutto il mondo, ma ci sono alcune zone dove si concentrano particolarmente. La Scozia è una di quelle: oltre 1200 vittime l’anno scorso, che equivalgono a 315 morti per milione di abitanti. Questi numeri sono incredibilmente alti, soprattutto se rapportati a quello globale del Regno Unito, 76 per milione, o a quello dell’Italia, 9 per milione. Una v (continua)

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light
In seguito all’ingestione di una torta confezionata con la “marijuana light” come ingrediente, una famiglia della provincia di Ferrara è finita al pronto soccorso. Mentre i negozi di cannabis light sono ormai ampiamente diffusi in tutta Italia, c’è chi ancora crede alla favola che tale sostanza non sia una droga. E purtroppo ci sono anche degli irresponsabili che somministrano la cannabis light ad altri a loro insaputa, per fare uno scherzo di cattivo gusto. È quello che è successo in provincia di Ferrara: una 25enne invitata a pranzo dalla famiglia (continua)