Home > Eventi e Fiere > COVID-19 e test sierologici: “Risposta anticorpale certa, sicura ed efficace? Rispondono gli esperti”

COVID-19 e test sierologici: “Risposta anticorpale certa, sicura ed efficace? Rispondono gli esperti”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

22 luglio 2020 – Nuovo appuntamento del talk-webinar “BUONA SALUTE” ‘DIAGNOSI E MONITORAGGIO CON TEST SIEROLOGICI NELL’INFEZIONE DA SARS-CoV-2’, organizzato da Mondosanità e realizzato con il contributo incondizionato di ABBOTT. I massimi esperti della sanità italiana hanno fatto il punto sui test diagnostici, dall’uso più appropriato al miglior rapporto costo beneficio per il Servizio Sanitario Nazionale nella gestione della fase due in Italia.


I test ELISA per anticorpi IgM e IgG anti SARS-CoV-2 possono avere una specificità superiore al 95% per la diagnosi di COVID-19. La sensibilità dipende dalla fase dell’infezione potendo raggiungere virtualmente il 99%. In genere, la maggior parte degli anticorpi viene prodotta contro la proteina più abbondante del virus, che è quella del nucleocapside (NC). Pertanto, i test che rilevano gli anticorpi anti-NC sarebbero i più sensibili. Tuttavia, tali anticorpi potrebbero avere reattività crociata altri coronavirus. Gli anticorpi contro la proteina S sono invece più specifici e ci si aspetta che siano neutralizzanti. Nonostante un rapido aumento del numero e della disponibilità di test sierologici, la maggior parte non è stata sottoposta a validazione esterna, il che ostacola la selezione e l'interpretazione dei risultati. L'interpretazione di tali test è limitata da alcune lacune di conoscenza. Non è conosciuto il correlato sierologico di protezione e non è stato ancora identificato il grado in cui questi test reagiscono in modo incrociato con anticorpi contro gli altri coronavirus. I test anticorpali possono essere di aiuto nel diagnosticare un’infezione acuta da COVID in pazienti con sintomi tipici e PCR negativa, ma il loro ruolo principale è riservato alle indagini epidemiologiche”, ha detto Antonio Cascio, Direttore Malattie Infettive Tropicali Policlinico Giaccone, Palermo

 

“I test sierologici rappresentano uno strumento importante per stimare la diffusione dell’infezione in una comunità ed evidenziare l’avvenuta esposizione al virus. La diagnosi sierologica può essere utile per l’identificazione dell’infezione da SARS-CoV-2 in soggetti asintomatici o con sintomatologia lieve, che passerebbero altrimenti inosservati.Le conoscenze scientifiche sui test sierologici per il COVID-19 sono ancora carenti. Non si sa ancora quanto dureranno gli anticorpi specifici e se questi siano in grado di proteggere l’ospite dall’infezione. Attualmente, il test classico di neutralizzazione è l’unico che possa dare indicazioni sulla presenza di uno stato protettivo anticorpale nei confronti del SARS CoV-2.Tuttavia, basandosi sull’esperienza della SARS, è possibile che questi anticorpi possano declinare nel tempo. È pertanto necessario monitorare anche i soggetti immuni per capire se i soggetti infettati saranno protetti a lungo o potranno diventare suscettibili a reinfezione da parte dello stesso virus”, ha spiegato Maria Grazia Cusi, Professoressa Microbiologia Università di Siena e Direttore Microbiologia e Virologia Azienda Ospedaliera, Siena

 

 

Il Talk-webinar, che ha avuto come media partner Eurocomunicazione, è andato in onda sul sito internet www.mondosanita.it

 

 

 

 

 

Ufficio stampa Mondosanità

comunicazione@mondosanita.it

Stefano Sermonti - Cell. 338 1579457 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693   

Marco Biondi - Cell. 327 8920962



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Coronavirus, Susanna Esposito sulla Fase 2: “Test sierologici per limitare il contagio”


Prenota un test sierologico presso uno dei nostri Poliambulatori | Korian Poliambulatori Lazio


Test sierologico a Roma prenota presso uno dei Poliambulatori Korian Lazio


COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


14 artisti danno vita ad un video per raccogliere fondi destinati all'Ospedale di Bergamo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

'La costipazione indotta da farmaci oppiacei’ - Roma, 29 Settembre 2020, ORE 14:15

'La costipazione indotta da farmaci oppiacei’ - Roma, 29 Settembre 2020, ORE 14:15
Il prossimo martedì 29 Settembre, si terrà, dalle ore 14:15 alle 17:30, il webinar 'La costipazione indotta da farmaci oppiacei', organizzato da Motore Sanità. L’efficacia del trattamento con oppiacei può essere limitata dall’insorgenza di costipazione, evento avverso frequente del trattamento con questa classe di farmaci. Nei pazienti sottoposti a terapia oppioide per dolore cronico non oncologico, la prevalenza della OIC si attesta tra il 40% e il 60%. La costipazione riduce notevolmente la qualità della vita di questi pazienti a causa del frequente ri (continua)

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”
25 settembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%. Questo è fondamentale per mantenere sostenibile l’SSN, consentendo da un lato di liberare risorse indispensabili a garantire una sempre maggiore disponibilità di farmaci innovativi, dall’altro, al cittadino di risparmiare di propria tasca all’atto dell’acquisto dei medicinali. Ma l’uso del farmaco equivalente in Italia è ancora basso rispetto ai medicinali di marca, dall’analisi dei consumi per ar (continua)

Le nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia

Asiago-Gallio, 24 Settembre 2020 – Alla settima edizione della Summer School di Motore Sanità su “Innovazione e salute in un mondo globale”, si è affrontato il tema delle nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia. “L’emergenza coronavirus ha reso evidente l’esigenza di accelerare il percorso di sviluppo della medicina territoriale al fine di dare risposte sempre più prossime al paziente e allo stesso tempo preservare la rete ospedaliera per quella che è la sua mission fondamentale: cura dell’acuzie e interventistica. L’obiettivo è creare il miglior modello possibile rispetto ai luoghi di erogazione di (continua)

'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta’ - 25 Settembre 2020, ORE 11

'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta’ - 25 Settembre 2020, ORE 11
Il prossimo venerdì 25 Settembre, si terrà, dalle ore 11 alle 13, il webinar 'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta', organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Mondosanità. Durante il webinar verrà affrontato il tema dei farmaci equivalenti. Si discuterà delle differenze regionali di utilizzo e sistemi di monitoraggio, delle aree terapeutiche più critiche, delle best practices regionali, delle proposte operative per diffondere una giusta conoscenza ed appropriatezza prescrittiva e del ruolo della Farmacia dei servizi tra appropriatezza ed aderenza terapeutica. I farm (continua)

Liberalizziamo le vaccinazioni rendendole il più possibile aperte

Mercoledì 23 settembre 2020 – OFFICINA di MOTORE SANITA’ ha organizzato il Webinar ‘FOCUS PREVENZIONE E VACCINI’, realizzato grazie al contributo incondizionato di PFIZER e che ha visto la partecipazione dei maggiori esperti italiani nel settore. Tra questi il Professor Lopalco, Epidemiologo, Professore di Igiene e Medicina Preventiva, dell'Università di Pisa, che in questi giorni viene indicato come futuro Assessore alla Sanità della Regione Puglia. Al webinar si sono collegate più di 600 persone, segno che il tema dei vaccini è molto seguito in questo momento. “C’è una fortissima variabilità di efficacia della vaccinazione anno dopo anno e quest'anno, accanto alla vaccinazione, ci saranno una serie di procedure di protezione che rallenteranno il circolo dell'influenza. Non sappiamo quale è la copertura che dobbiamo mettere in campo per abbattere la circolazione del virus influenzale però quello che sappiamo è la copertura a cui possiamo aspirare se mett (continua)