Home > Eventi e Fiere > Progetto Open Way in Regione Toscana: “Grazie al web è possibile realizzare PDTA condivisi con tutto il comparto sanitario regionale”

Progetto Open Way in Regione Toscana: “Grazie al web è possibile realizzare PDTA condivisi con tutto il comparto sanitario regionale”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso


27 luglio 2020 – Le autorità sanitarie della Regione Toscana, abituate a deliberare con continuità PDTA nelle principali patologie, hanno constatato come molti risultino poco o parzialmente applicati nonostante l’impegno di risorse impiegate. Gli organismi tecnici della Direzione diritti di cittadinanza e coesione sociale ipotizzano che questo sia dovuto ad una non adeguata condivisione dei contenuti prima che questi diventino delibera. Per questo i tecnici regionali hanno deciso di intraprendere una strada innovativa nella condivisione dei PDTA che andrebbe, prima della deliberazione, a validare il percorso del tavolo tecnico implementandolo in applicabilità, per sperimentarne poi i risultati. Per avere un confronto aperto tra istituzioni e referenti delle aziende produttrici di tecnologie (farmaci e device) sulla validità del modello Open Way, MOTORE SANITÀ ha organizzato l’Evento ‘PROGETTO PDTA: OPEN WAY SCENARIO 2016 – 2020’, realizzato grazie al contributo incondizionato di Alfasigma, Boehringer-Ingelheim, GSK, Ipsen, Menarini, Roche, Sanofi e Takeda. 

“Anche l’esperienza COVID-19 ha portato alla luce, facilitandolo, un nuovo modo di interazione fra professionisti. Anche se è successo tutto in pochi mesi nessuno pensa sia realistico ritornare alle modalità pre-COVID, le nostre riunioni per costruire un PDTA, una linea guida, un documento di consenso di qualche tempo fa appaiono improvvisamente vecchie, faticose e appartenenti ad un passato non più proponibile né accettabile. Oggi, quasi quasi, ci vergogniamo a proporre una riunione in presenza ed abbiamo apprezzato i vantaggi di una sorta di ciò che chiamiamo smart-working, tempi veloci, spazio per tutti, sintesi e necessità di pragmaticità conservando l’essenzialità dei problemi. Credo che questo sia solo l’inizio, un grande facilitatore per migliorare anche le forme di collaborazione, lo sviluppo di nuove idee, la possibilità di arrivare a cogliere le potenzialità di un gran numero di professionisti che, nella era precedente non avrebbero mai avuto la possibilità di dar voce alla propria competenza, al proprio contributo e alla propria creatività che, per la loro posizione all’interno della azienda, quella dello Sharp-end, la frontiera, sono il contributo più importante per lo sviluppo armonico della stessa. Prima del COVID avevo solo una preoccupazione, che i nostri professionisti non accettassero forme di collaborazione attraverso un canale comunicativo appoggiato sul web. Oggi ho la certezza contraria che può diventare, se ben gestita, uno dei motori più forti per lo sviluppo organizzativo delle nostre aziende sanitarie. È per questo che il progetto Open Way rappresenta il più grande investimento su cui dobbiamo puntare”, queste le parole di Carlo Tomassini, Direttore Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale, Regione Toscana

Ufficio stampa Motore Sanità 

comunicazione@motoresanita.it 

Stefano Sermonti - Cell. 338 1579457 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693 

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/


Motore Sanità | progetto | Toscana | pdta | sanità | Open Way |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Centric Software firma un contratto con il suo primo cliente australiano


IMAX, azienda produttrice per Max Mara, sceglie Centric Software


Centric Software celebra una doppia vittoria con Lotto Sport e Stonefly


Shoes For Crews sceglie Centric PLM


Inferriate di sicurezza: solidità e bellezza di grate per porte e finestre per sentirsi più sicuri.


Native advertising: un nuovo modo di fare webmarketing


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

'La costipazione indotta da farmaci oppiacei’ - Roma, 29 Settembre 2020, ORE 14:15

'La costipazione indotta da farmaci oppiacei’ - Roma, 29 Settembre 2020, ORE 14:15
Il prossimo martedì 29 Settembre, si terrà, dalle ore 14:15 alle 17:30, il webinar 'La costipazione indotta da farmaci oppiacei', organizzato da Motore Sanità. L’efficacia del trattamento con oppiacei può essere limitata dall’insorgenza di costipazione, evento avverso frequente del trattamento con questa classe di farmaci. Nei pazienti sottoposti a terapia oppioide per dolore cronico non oncologico, la prevalenza della OIC si attesta tra il 40% e il 60%. La costipazione riduce notevolmente la qualità della vita di questi pazienti a causa del frequente ri (continua)

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”
25 settembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%. Questo è fondamentale per mantenere sostenibile l’SSN, consentendo da un lato di liberare risorse indispensabili a garantire una sempre maggiore disponibilità di farmaci innovativi, dall’altro, al cittadino di risparmiare di propria tasca all’atto dell’acquisto dei medicinali. Ma l’uso del farmaco equivalente in Italia è ancora basso rispetto ai medicinali di marca, dall’analisi dei consumi per ar (continua)

Le nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia

Asiago-Gallio, 24 Settembre 2020 – Alla settima edizione della Summer School di Motore Sanità su “Innovazione e salute in un mondo globale”, si è affrontato il tema delle nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia. “L’emergenza coronavirus ha reso evidente l’esigenza di accelerare il percorso di sviluppo della medicina territoriale al fine di dare risposte sempre più prossime al paziente e allo stesso tempo preservare la rete ospedaliera per quella che è la sua mission fondamentale: cura dell’acuzie e interventistica. L’obiettivo è creare il miglior modello possibile rispetto ai luoghi di erogazione di (continua)

'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta’ - 25 Settembre 2020, ORE 11

'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta’ - 25 Settembre 2020, ORE 11
Il prossimo venerdì 25 Settembre, si terrà, dalle ore 11 alle 13, il webinar 'Farmaci equivalenti: Opportunità clinica ed economica. Come proporli in maniera corretta', organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Mondosanità. Durante il webinar verrà affrontato il tema dei farmaci equivalenti. Si discuterà delle differenze regionali di utilizzo e sistemi di monitoraggio, delle aree terapeutiche più critiche, delle best practices regionali, delle proposte operative per diffondere una giusta conoscenza ed appropriatezza prescrittiva e del ruolo della Farmacia dei servizi tra appropriatezza ed aderenza terapeutica. I farm (continua)

Liberalizziamo le vaccinazioni rendendole il più possibile aperte

Mercoledì 23 settembre 2020 – OFFICINA di MOTORE SANITA’ ha organizzato il Webinar ‘FOCUS PREVENZIONE E VACCINI’, realizzato grazie al contributo incondizionato di PFIZER e che ha visto la partecipazione dei maggiori esperti italiani nel settore. Tra questi il Professor Lopalco, Epidemiologo, Professore di Igiene e Medicina Preventiva, dell'Università di Pisa, che in questi giorni viene indicato come futuro Assessore alla Sanità della Regione Puglia. Al webinar si sono collegate più di 600 persone, segno che il tema dei vaccini è molto seguito in questo momento. “C’è una fortissima variabilità di efficacia della vaccinazione anno dopo anno e quest'anno, accanto alla vaccinazione, ci saranno una serie di procedure di protezione che rallenteranno il circolo dell'influenza. Non sappiamo quale è la copertura che dobbiamo mettere in campo per abbattere la circolazione del virus influenzale però quello che sappiamo è la copertura a cui possiamo aspirare se mett (continua)