Home > Altro > Riva Acciaio: qualità e innovazione pilastri del successo

Riva Acciaio: qualità e innovazione pilastri del successo

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Ricerca, aggiornamento e monitoraggio costante sono gli ingredienti che hanno reso Riva Acciaio leader italiano ed europeo in uno dei settori più competitivi in assoluto.

Riva acciaio

Riva Acciaio, una breve storia dell'eccellenza italiana

Da realtà che conta un singolo stabilimento avviato nella seconda metà degli anni '50 a colosso del settore siderurgico: Riva Acciaio, che oggi è parte di Gruppo Riva, è riuscita in oltre mezzo secolo di attività a mantenere salda la sua competitività pur confrontandosi fin dall'inizio con diversi giganti internazionali. Attualmente il ramo italiano della multinazionale dà lavoro a circa un migliaio di dipendenti suddivisi in cinque impianti, tutti localizzati nel Nord Italia: Caronno Pertusella (VA), Lesegno (CN), Sellero, Malegno e Cerveno in Valle Camonica (BS). Il successo dell'azienda creata dai fratelli Emilio e Adriano Riva si basa da sempre su due cardini: gestione della qualità e tecnologie all'avanguardia. Due pilastri che hanno permesso a Riva Acciaio di conquistare in poco tempo i mercati nazionali e intraprendere un processo di espansione internazionale, arrivando anche a occupare un posto nel mercato siderurgico cinese, tradizionalmente limitato ai rapporti con il Giappone.

Gestione della qualità e R&S: la politica di Riva Acciaio

Il successo di Riva Acciaio è dovuto principalmente alla particolare attenzione al Sistema di Gestione della Qualità adottato. Basato sulle norme UNI EN ISO 9001 e IATF, è stato infatti sviluppato da un lato per soddisfare a 360° le esigenze di tutti gli stakeholder attraverso operazioni costanti di monitoraggio e miglioramento dei processi, dall'altro per garantire un efficiente utilizzo delle risorse: il tutto caratterizzato da una forte trasparenza nella definizione e nella diffusione delle informazioni relative alla produzione. Un Sistema che va di pari passo con un altro pilastro aziendale, ossia quello della Ricerca e dello Sviluppo di nuove tecniche produttive e di linee di prodotti sempre più innovative. Una peculiarità presente fin dai primi anni: Riva Acciaio è da sempre ricordata come la prima azienda italiana ad aver introdotto la colata continua. Il Laboratorio di Lesegno è l'emblema di questo approccio: la struttura, dotata degli strumenti più moderni come il simulatore termomeccanico "Gleeble 3800" e un forno fusorio sperimentale, collabora attivamente con gli Istituti di ricerca e le Università italiane più importanti.


Fonte notizia: https://www.cultura360.eu/2020/la-gestione-della-qualita-nei-prodotti-e-nei-servizi-di-riva-acciaio/


Riva Acciaio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Settore siderurgico: focus su Riva Acciaio, azienda leader in Italia


Lesegno: il Sindaco soddisfatto per la riapertura in sicurezza di Riva Acciaio


Riva Acciaio, pronto il nuovo piano che porterà 100 MV allo stabilimento di Lesegno


Riva Acciaio: le peculiarità del “Gleeble 3800”, esclusiva dello stabilimento di Lesegno


Circular economy e acciaio: l’esempio di Gruppo Riva


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza
Dalla collaborazione tra Serenissima Ristorazione e Calligaris è nato un modello efficace che ha permesso ai dipendenti dell’azienda di design di mantenere (quasi) invariate le abitudini pre-pandemiaÈ possibile oggi passare la pausa pranzo insieme ai colleghi davanti a un piatto di pasta caldo e in totale sicurezza?Questa è la domanda che si è posto Riccardo Santarossa, Responsabile Commerciale Ar (continua)

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio
Nello stabilimento siderurgico Riva Acciaio di Lesegno il rottame viene trasformato in un’infinità di nuovi prodotti, grazie anche all’aiuto del sofisticato sistema Gleeble 3800 Lo stabilimento Riva Acciaio di Lesegno è l'unico in Italia ad avere un sistema di simulazione della fabbricazione dell'acciaio che permette di riprodurre tutte le varie fasi del processo.Riva Acciaio di Lesegno: nuova vita ai rottamiL'acciaio è un elemento estremamente versatile che può assumere diverse forme ed essere utilizzato in qualsiasi campo. Inoltre, date le sue caratteristiche, (continua)

Trovare un equilibrio tra innovazione e protezione dei cittadini: la soluzione proposta da Pompeo Pontone

Un recente articolo di “EUreporter” riaccende il dibattito sulla gestione dell’intelligenza artificiale da parte di persone e imprese dell’Unione Europea: l’esperto Pompeo Pontone si esprime sull’argomento Pompeo Pontone, Investor e Investment specialist, con all'attivo diversi progetti di Fintech e Data Science, fornisce la sua analisi sul complesso equilibrio tra benefici e rischi legati all'intelligenza artificiale.L'AI nella vita di tutti i giorni: le riflessioni di Pompeo PontoneL'intelligenza artificiale è riuscita, oltre che a farsi sempre più sofisticata, a divenire parte integrante delle pi (continua)

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità
“Verso un modello di economia circolare per l’Italia”: il documento stilato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente è stato accolto a pieno da Riva Acciaio Riva Acciaio, come player di riferimento nell'ambito siderurgico, ha abbracciato la sfida della sostenibilità, puntando al raggiungimento degli impegni presi dal nostro Paese verso l'Accordo di Parigi e l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite.Riva Acciaio: l'Italia sul podio della circular economy ma bisogna guardare avantiRiva Acciaio supporta la transizione energetica in corso in Italia, condivid (continua)

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista
Massimo Malvestio: “Le banche come sono state per 150 anni stanno scomparendo. La vera novità è nella tecnologia finanziaria e in chiunque saprà affrancarsi dalle banche e dai regolatori” L'avvocato Massimo Malvestio, editorialista del "Corriere del Veneto" e collaboratore di "Nordesteuropa.it", ha denunciato per anni la situazione in cui versava il Veneto e il sistema bancario: in "Mala Gestio, perché i veneti stanno tornando poveri" i prodromi della catastrofe finanziaria che ha investito negli scorsi anni il territorio.Il Veneto, le banche, la crisi: la lungimirante inchies (continua)