Home > Cultura > Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata.


L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali.

L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso di marijuana e incidenti stradali. Esaminando i rapporti della polizia e le richieste di risarcimento assicurativo, l’IIHS ha scoperto che gli incidenti sono aumentati del 6% negli stati dove è stata legalizzata la marijuana, rispetto agli stati vicini in cui tale uso è rimasto illegale. Questo è il secondo anno consecutivo in le statistiche mostrano una tendenza all’aumento.

L'IIHS ha anche condotto uno studio a bordo strada sull'uso della marijuana e ha scoperto un nuovo fattore: mentre quelli sotto l'influenza dell'alcool tendono a guidare da soli o con altri adulti, circa il 14% di quelli che hanno confermato di usare marijuana ha avuto un bambino nel loro veicolo. Ciò riflette il fatto, ha aggiunto, che l'uso di marijuana non è limitato alle sere e alle altre volte in cui gli adulti hanno maggiori probabilità di bere e abusare di alcol. Questo fatto non è peraltro una sorpresa, è noto che la droga rende irresponsabili.

C’è inoltre una differenza fondamentale tra alcool e marijuana: i livelli dell’alcol nel sangue di un automobilista che ha bevuto scendono rapidamente, nel giro di poche ore, man mano che si ritorna sobri. Ma i livelli di THC (l’allucinogeno contenuto nella marijuana) rimangono nel corpo per settimane, molto tempo dopo che si è smesso di fumare. Quindi è una dato di fatto che mentre un automobilista ubriaco deve solo aspettare qualche ora per poter guidare di nuovo, chi ha fumato marijuana teoricamente dovrebbe attendere giorni e giorni prima di rimettersi al volante… è chiaro che praticamente nessuno osserva queste precauzioni: dopo uno o più spinelli nel weekend o durante la settimana ci si rimette alla guida con amici, colleghi e famiglia.

Quanto sopra è la prova che la legalizzazione della marijuana, supportata da associazioni e partiti politici, è un errore sociale che presenta conti altissimi. Il problema della droga va risolto alla radice, la legalizzazione è un tentativo a dir poco miope. Una vera soluzione passa necessariamente dalla riduzione del suo uso, il che implica informazione e prevenzione nelle scuole.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | marijuana | incidenti stradali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dati statistici sugli incidenti stradali, dove avvengono, in quale periodo dell'anno, chi sono i soggetti più colpiti


Gli incidenti mancati e la gestione della sicurezza nelle aziende


Colpi di sonno sulle strade: ogni anno 17.360 incidenti stradali in Italia sono provocati da autisti affetti da OSAS


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


RIMINI: INFORMARE I GIOVANI SUGLI DEVASTANTI EFFETTI DELLA MARIJUANA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Peculato e droga a Collesalvetti

Peculato e droga a Collesalvetti
Nel comune Toscano di Collesalvetti una sindacalista ha sottratto quasi 700.000 euro all’economato per acquistare droga e giocare online. Si sa che la droga costa, e che i tossicodipendenti ricorrono spesso al crimine per procurarsi i soldi necessari per acquistare dagli spacciatori le sostanze tossiche di cui ormai non riescono più fare a meno. Il caso avvenuto a Collesalvetti ha fatto scalpore perché la protagonista è una insospettabile sindacalista, dipendente comunale, che negli anni ha sottratto dalla casse dell’economa (continua)

Lo spaccio di droga vera travestito da cannabis light

Lo spaccio di droga vera travestito da cannabis light
A Bologna, in un distributore di cannabis light di una tabaccheria, si poteva acquistare la droga vera e illegale. Tabaccaio o spacciatore? Probabilmente entrambi, perché nel distributore di “cannabis light” della sua tabaccheria non c’erano solo sostanze legali, ma anche la “roba buona”. E lo dimostrava l’intenso via via di persone che acquistavano dal distributore! Evidentemente la notizia della facile disponibilità di sostanze illegali si era diffuso tra i tossicodipendenti della zona, che approfittava (continua)

La campagna di prevenzione alla droga della Chiesa di Scientology nel 2020

La campagna di prevenzione alla droga della Chiesa di Scientology nel 2020
Nel 2020 le campagne sociali della Chiesa di Scientology hanno necessariamente cambiato forma, ma non è certo diminuito l’impegno dei volontari che le hanno realizzate. La Chiesa di Scientology, ormai da alcuni decenni, porta avanti campagne sociali di prevenzione sulla droga, per il rispetto dei diritti umani e per un rinnovato impegno comunitario in varie forme di volontariato. Nel 2020 le campagne sociali della Chiesa di Scientology hanno necessariamente cambiato forma, ma non è certo diminuito l’impegno dei volontari che le hanno realizzate. Una delle (continua)

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)