Home > Cultura > Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata.


L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali.

L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso di marijuana e incidenti stradali. Esaminando i rapporti della polizia e le richieste di risarcimento assicurativo, l’IIHS ha scoperto che gli incidenti sono aumentati del 6% negli stati dove è stata legalizzata la marijuana, rispetto agli stati vicini in cui tale uso è rimasto illegale. Questo è il secondo anno consecutivo in le statistiche mostrano una tendenza all’aumento.

L'IIHS ha anche condotto uno studio a bordo strada sull'uso della marijuana e ha scoperto un nuovo fattore: mentre quelli sotto l'influenza dell'alcool tendono a guidare da soli o con altri adulti, circa il 14% di quelli che hanno confermato di usare marijuana ha avuto un bambino nel loro veicolo. Ciò riflette il fatto, ha aggiunto, che l'uso di marijuana non è limitato alle sere e alle altre volte in cui gli adulti hanno maggiori probabilità di bere e abusare di alcol. Questo fatto non è peraltro una sorpresa, è noto che la droga rende irresponsabili.

C’è inoltre una differenza fondamentale tra alcool e marijuana: i livelli dell’alcol nel sangue di un automobilista che ha bevuto scendono rapidamente, nel giro di poche ore, man mano che si ritorna sobri. Ma i livelli di THC (l’allucinogeno contenuto nella marijuana) rimangono nel corpo per settimane, molto tempo dopo che si è smesso di fumare. Quindi è una dato di fatto che mentre un automobilista ubriaco deve solo aspettare qualche ora per poter guidare di nuovo, chi ha fumato marijuana teoricamente dovrebbe attendere giorni e giorni prima di rimettersi al volante… è chiaro che praticamente nessuno osserva queste precauzioni: dopo uno o più spinelli nel weekend o durante la settimana ci si rimette alla guida con amici, colleghi e famiglia.

Quanto sopra è la prova che la legalizzazione della marijuana, supportata da associazioni e partiti politici, è un errore sociale che presenta conti altissimi. Il problema della droga va risolto alla radice, la legalizzazione è un tentativo a dir poco miope. Una vera soluzione passa necessariamente dalla riduzione del suo uso, il che implica informazione e prevenzione nelle scuole.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | marijuana | incidenti stradali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dati statistici sugli incidenti stradali, dove avvengono, in quale periodo dell'anno, chi sono i soggetti più colpiti


Gli incidenti mancati e la gestione della sicurezza nelle aziende


Colpi di sonno sulle strade: ogni anno 17.360 incidenti stradali in Italia sono provocati da autisti affetti da OSAS


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


La marijuana influisce sulla guida


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology puliscono il parco di Via Allori

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology puliscono il parco di Via Allori
Il Parco di Via Allori, situato nel Quartiere 5 di Firenze, è stato ripulito dai Ministri Volontari della Chiesa di Scientology ieri mattina, domenica 27 settembre 2020. Fin dalla fondazione del loro corpo, i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology si sono presi l’impegno di mettersi al servizio delle loro comunità locali. A Firenze, i volontari hanno deciso di prendersi a cuore le sorti di un parco cittadino: si tratta dell’area verde che si affaccia su Via Allori, a Novoli, e che poi corre lungo la ferrovia. I parchi cittadini sono spesso frequenta (continua)

L’Olanda, un centro di produzione e smistamento europeo della droga

L’Olanda, un centro di produzione e smistamento europeo della droga
Quando si parla di traffico di droga in Europa, i Paesi Bassi sono tra le nazioni che si sentono nominare più di frequente. La cronaca di questi giorni ci racconta di un’operazione delle squadre mobili di Napoli e Caserta che hanno sgominato una banda di trafficanti di cocaina, il traffico avveniva tra l’Olanda e la Campania. Ovviamente si tratta di traffico gestito dalle famiglie mafiose della zona. C’è da chiedersi come mai la mafia vada a comprare la cocaina in Olanda piuttosto che direttamente dai produttori (continua)

Droga e incidenti stradali

Droga e incidenti stradali
Sono numerosi gli studi che testimoniano la stretta connessione tra assunzione di stupefacenti e incidenti stradali, ecco alcuni dati specifici. Non è difficile comprendere che guidare sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, incluso l’alcool e gli psicofarmaci ovviamente, incrementa di molto la probabilità di causare un incidente stradale. Ecco alcuni studi che mostrano numeri molto interessanti per capire l’entità del fenomeno. Studio francese (Marquet e altri): su 296 conducenti coinvolti in incidenti stradali il 14% era positi (continua)

I negozi di Lucca contro la droga

I negozi di Lucca contro la droga
I volontari di “Un Mondo Libero dalla Droga” hanno trovato dei validi alleati nei negozianti del centro di Lucca, che hanno aderito entusiasticamente alla campagna di prevenzione sulla droga. Lo scorso sabato 19 settembre chi passeggiava per il centro di Lucca avrà probabilmente notato le magliette celesti del gruppo di volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”, mentre facevano dono ai negozianti di espositori contenenti opuscoli per la prevenzione sulla droga. Piazza dell’Anfiteatro, Via Fillungo, Piazza San Michele, Piazza Napoleone, sono state il teatro dell’ini (continua)

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology si prendono responsabilità di un parco cittadino

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology si prendono responsabilità di un parco cittadino
Il Parco di Via Allori, situato nel Quartiere 5 di Firenze, verrà ripulito dai Ministri Volontari della Chiesa di Scientology la prossima domenica 27 ottobre 2020. Fin dalla fondazione del loro corpo, i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology si sono presi l’impegno di mettersi al servizio delle loro comunità locali. A Firenze, i volontari hanno deciso di prendersi a cuore le sorti di un parco cittadino: si tratta dell’area verde che si affaccia su Via Allori, a Novoli, e che poi corre lungo la ferrovia. I parchi cittadini sono spesso frequenta (continua)