Home > Cultura > Museo Boijmans e Ahoy insieme per una mostra drive-thru: un nuovissimo modo per visitare un museo

Museo Boijmans e Ahoy insieme per una mostra drive-thru: un nuovissimo modo per visitare un museo

scritto da: Itinera | segnala un abuso

Museo Boijmans e Ahoy insieme per una mostra drive-thru:  un nuovissimo modo per visitare un museo

Inaugurata a Rotterdam una mostra drive-thru, dove i visitatori possono ammirare a bordo di auto elettriche o ibride oltre 50 tra opere d'arte e grandi installazioni della collezione del museo esposte nel padiglione di 10.000 m2


Il Museo Boijmans Van Beuningen e il centro Congressi Rotterdam Ahoy hanno stretto una partnership unica: una mostra drive-thru. 

Fino al 23 agosto 2020 è possibile visitare - alla guida di un’auto elettrica privata o a noleggio - il padiglione 1 di Rotterdam Ahoy: 10.000 m2 ricchi di oltre cinquanta opere d'arte di alto profilo della collezione del Museo Boijmans Van Beuningen.   
A causa della pandemia le sale del Centro Congressi di Rotterdam Ahoy sono rimaste vuote e il museo riaprirà non prima della fine dell’anno. Così le due icone di Rotterdam si sono unite per offrire un'esperienza mai vista prima e unica da ricordare, esclusiva per questo momento e inclusiva per tutti. Oltre a oltre cinquanta opere d'arte della collezione di fama internazionale del Museo Boijmans Van Beuningen, sono stati invitati alcuni artisti contemporanei a partecipare a questa sorprendente mostra.  
Scoprire l'arte dal bozzolo della propria auto Guidare in sicurezza nella propria auto, vivere l’arte dentro il proprio bozzolo. Il museo drive-thru di Boijmans Ahoy è stato creato in risposta alla attuale necessità del distanziamento. Nella nostra auto, nel nostro familiare abitacolo, ci sentiamo al sicuro. Il mondo è fuori: visibile e tangibile, ma fuori. Questa mostra esplora il confine tra l'umanità e le forze della natura.  
Opere d'arte e artisti La mostra si basa su un'idea di Ted Noten. Oltre ad alcune opere di fama mondiale della collezione Boijmans Van Beuningen, la mostra ospita anche installazioni di artisti contemporanei, che giustificano la fama di Rotterdam come città d'arte e fanno riflettere su come le persone si relazionino con il proprio ambiente naturale. Il museo drive-thru di Boijmans Ahoy riunisce opere di: Ted Noten, Oskar Kokoschka, Bas Jan Ader, Melanie Smith, Paul McCarthy, Bruce Nauman, Ugo Rondinone, Cyprien Gaillard, Joep van Lieshout, Wieki Somers, Jim Shaw e installazioni di Bas Princen , Trenton Doyle Hancock, Anselm Kiefer, Olaf Nicolai e Marijke van Warmerdam. 
Dettagli pratici La mostra è aperta solo alle auto elettriche o ibride, non si può superare la velocità di 5km orari e una permanenza di 45 minuti. E’ possibile guidare la propria auto elettrica o prendere in prestito una Mini Cooper messa a disposizione dal concessionario Breeman BMW. Auto che vengono igienizzare dopo ogni utilizzo. Lungo il percorso si incontreranno schermi animati da video e foto, dipinti, sculture, installazioni. Due le possibilità di sosta: lungo il percorso, per ammirare più a lungo un'opera d'arte; oppure per fare uno spuntino, parcheggiare l’auto e godersi un drink dalla terrazza del ristorante. 

Fonte notizia: https://www.boijmans.nl/


arte | mostra | museo | Rotterdam | auto elettriche | Olanda |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


Quando la gastronomia è arte


Stoner. Landing pages


LA SMART CHE DA' LA SCOSSA


A-STATE FOOTBALL TAKES OUTRIGHT SUN BELT TITLE IN DOMINATING FASHION


ASOLO, LA MOSTRA CHE CELEBRA WOODSTOCK E I SUOI MITI TRA ARTE, MUSICA E CINEMA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

5 proposte per il tempo libero nelle ex fabbriche Philips di Eindhoven

5 proposte per il tempo libero nelle ex fabbriche Philips di Eindhoven
Quando si pensa a Eindhoven viene subito in mente il design, la Philips e il calcio. Ma pochi sanno che la città è cresciuta e si è espansa all'ombra delle fabbriche del gigante delle lampadine e che si è improvvisamente trovata un'intera città industriale abbandonata quando l'azienda ha lasciato la città nel 1998. Ma lungi dall'immergersi in una profonda crisi, la città è riuscita a (continua)