Home > Economia e Finanza > Mercato petrolifero in attesa del passaggio dell'uragano Laura negli States

Mercato petrolifero in attesa del passaggio dell'uragano Laura negli States

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Sono le condizioni meteo l'elemento cruciale per chi investe in questi giorni nel mercato petrolifero. E' infatti in arrivo negli USA la tempesta tropicale Laura, che dopo aver colpito la costa occidentale di Cuba, ha acquistato potenza ed è diventata un uragano. E potrebbe diventare di categoria 4, ovvero altamente distruttivo.
Non solo. C'è anche un altro uragano, Marco, che dopo aver raggiunto la categoria 1 per qualche ora, ha già impattato lunedì 24 agosto gli stati della Louisiana e del Texas, declassandosi poi a tempesta tropicale.

L'uragano che spaventa il mercato petrolifero

mercato petroliferoPer questo motivo è scattato l'allarme tra i produttori di oro nero, con sospensioni di attività e chiusure cautelative. E tutto questo ha dato tonicità alle quotazioni del petrolio. I produttori del mercato petrolifero hanno immediatamente risposto alla minaccia climatica, tagliando la produzione di greggio. Per intensità, siamo molto vicini ai tagli produttivi che ci furono nel 2005, quando passò l’uragano Katrina. All'epoca furono del 905, stavolta siamo all'84%.

Secondo l'Energy Information Administration, ad essere interessata dal passaggio di Laura sarà un’area che rappresenta oltre il 45% della capacità totale di raffinazione del petrolio a stelle e strisce, nonché il 17% della produzione di petrolio. Lungo la costa tra Texas e Louisiana (zone dove è in corso l'evacuazione di centinaia di migliaia di abitanti), sono state fermate le raffinerie, i produttori hanno evacuato 310 impianti offshore, ed hanno sforbiciato in modo massiccio la produzione di greggio (circa 1,56 milioni di barili al giorno).

Consiglio: un modo alternativo è interessante di osservare l'andamento del mercato del petrolio, è sfruttando le candele Heikin Ashi grafico.

Come ha reagito il mercato petrolifero

In uno scenario simile, era inevitabile che i prezzi del petrolio avessero una spinta al rialzo. Sia WTI che Brent sono infatti cresciuti nelle ultime ore, anche se in modo non proprio veemente. L'Adx indicatore trading infatti non evidenzia situazioni estreme. Anzitutto perché le condizioni meteo potrebbero avere un brusco impatto solo nel breve termine sull’offerta. In secondo luogo perchè il calo dell'offerta è in parte bilanciato dall'aumento della produzione libica e anche americana, dove nel complesso il conteggio dei pozzi attivi è tornato a salire.
Inoltre a tenere banco c'è sempre la questione Covid, che minaccia di rallentare la ripresa economica e di conseguenza la domanda di petrolio.

petrolio | uragano laura | candele heikin ashi | indicatore adx trading |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)