Home > Internet > Bancomail - E-mail Marketing e Startup: connubio perfetto!

Bancomail - E-mail Marketing e Startup: connubio perfetto!

articolo pubblicato da: Bancomailus | segnala un abuso

Per portare al successo una società appena fondata la sola dedizione non è sufficiente servono anche un chiaro business plan e una buona conoscenza del marketing e dei suoi strumenti.  Tra questi l’e-mail marketing si conferma essere uno dei più validi ed efficaci poiché si basa su un rapporto biunivoco con il cliente.

Questo significa che la vostra azienda non solo sarà in grado di focalizzare meglio i messaggi in base ai vari target di riferimento ma soprattutto di attuare una comunicazione fortemente orientata al cliente, che nel medio-lungo periodo produrrà una fidelizzazione pari ad altri metodi come il passaparola.

I maggiori vantaggi che l’e-mail marketing offre alle startup si attestano sul piano economico. Esso infatti garantisce un buon rapporto qualità/ prezzo poiché i suoi costi sono decisamente più contenuti rispetto agli strumenti di pubblicità tradizionale, che inoltre non consentono altrettanto facilmente di instaurare una comunicazione diretta e bilaterale.

L’e-mail marketing rappresenta quindi un’importante risorsa per la vostra azienda, tuttavia come ogni strumento quel che conta di più è l’uso che se ne fa.  Vediamo qual è il modo migliore per cominciare.

In primo luogo non cercate subito di vendere i vostri prodotti o servizi. Usate la prima e-mail per fornire informazioni utili, che vi consentano di mettere in mostra la vostra competenza di settore e i vostri punti di forza.

È fondamentale che l’utente possa da subito interagire e mettersi in contatto con voi, inserite perciò collegamenti al vostro sito, alla pagina Facebook o ad un form di sottoscrizione. Questo consentirà a chi vi legge di sentirsi coinvolto sin dall’inizio e a voi darà modo di raccogliere le prime statistiche.

Adottare un buon sistema di opt-in ma soprattutto includere sempre un metodo di opt-out (rimozione dal database degli utenti che lo richiedono) vi permetterà col tempo non soltanto di consolidare il vostro database ma anche di comunicare con chi è realmente interessato al vostro business, evitando di incorrere in problemi legali o tecnici (es. inclusione nelle blacklist) e ottenere quindi un audience correttamente profilato, attento e ricettivo.

Essendo una startup vorrete giustamente raccontare la storia della vostra impresa e soprattutto illustrarne la mission, attenzione però a scegliere i contenuti non sulla base di cosa voi ritenete importante ma piuttosto su ciò che potrà davvero interessare coloro che vi leggeranno.

Ricordatevi inoltre di essere concisi, le caselle di posta sono spesso talmente piene che i messaggi troppo lunghi vengono cestinati quasi automaticamente da chi li apre. Ciò non deve però andare a discapito di tono e stile. Scegliete anzi con grande cura il modo con cui volete presentarvi al pubblico, si sa infatti che la prima impressione è quella che conta.

Poiché lo scopo primo di una campagna di e-mail marketing è quello di dar vita ad un gruppo che segua le vostre attività è importante che vi rendiate immediatamente identificabili.

Partendo dall’account l’e-mail dovrà ricondurre direttamente alla vostra azienda, riprendendone logo, font e colori. Vietato quindi trascurare il design. Se necessario affidatevi a dei professionisti ma senza strafare. Puntate su uno stile semplice e d’impatto in modo tale da lasciare il segno in chi vi leggerà.

Ora che sapete cosa e come scrivere, la domanda sorge spontanea “bene, adesso che ho un bellissimo messaggio a chi lo mando?”.

La creazione di un database e la sua necessaria gestione (privacy, obsolescenze, aggiornamenti) è un’attività impegnativa, lasciatevelo dire da chi lo fa da oltre dieci anni.

Per iniziare a “costo zero” potreste sfruttare una piccola base di dati ottenibile “setacciando” i vostri contatti personali (biglietti da visita, amici, conoscenze etc.) e/o con piccole ricerche di mercato. Se volete invece iniziare con un target esteso, rivolgetevi a società specializzate nella fornitura di database. Scegliete con cura, soffermandovi sulle loro credenziali, l’affidabilità e le garanzie reali offerte. Troppo alti i rischi in termini di risultati ed immagine per badare solo al prezzo.

L’aspetto comunque più importante di questa attività è la costanza, senza la quale non riuscirete a fidelizzare i potenziali clienti. Sebbene infatti l’e-mail marketing sia uno dei modi più semplici per farsi conoscere, occorre dedicarvi il giusto tempo e un’adeguata progettazione.

Sarà perciò essenziale calendarizzare gli invii, così da riuscire ad organizzare in anticipo i contenuti, che col tempo potranno diventare anche più sofisticati e crossmediali, inserendo video, post, sondaggi etc.

Infine il monitoraggio di feedback e dati statistici vi consentirà di capire quali argomenti e canali funzionano meglio e quindi adeguare di volta in volta le vostre newsletter, rendendo così  quest’attività sempre è più efficace.

http://www.bancomail.it/blog/index.php/e-mail-marketing-e-startup-connubio-perfetto/

best practice | best practicies | blacklist | database | design | e-mail | email marketing | feedback | marketing | mittente | opt-in | opt-out | start-up | startup | statistiche | whitelist | bancomail | liste | elenchi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bancomail – Inviate E-mail personalizzate?


Bancomail - CircleMe: il social che “pianta” e coltiva gli interessi


Bancomail - Facebook e la Timeline per le brand pages


Bancomail – Twitter, un punto di vista


Bancomail - Non Profit Email Award, and the winner is…


Bancomail - Letterboxd, il social per cinefili


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Bancomail - Come cambia il ruolo dell’Email nel Marketing B2B

 La società americana Pardot, specializzata in soluzioni per il Marketing B2B, ha recentemente pubblicato i risultati di un sondaggio condotto tra un centinaio di esperti del settore per scoprire il ruolo che viene oggi riservato all’Email Marketing. Lo scenario emerso è senza dubbio interessante, non soltanto perché conferma la centralità di questo strume (continua)

Bancomail – Promozione turistica e Newsletter

  http://www.bancomail.it/blog/index.php/promozione-turistica-e-newsletter/ È risaputo che per l’industria turistica l’estate rappresenti un momento particolarmente florido di richieste ed affari, vorremmo per questo proporvi alcuni spunti su come l’email marketing possa svolgere un ruolo importante per la promozione di tali attività. In quest’ot (continua)

Bancomail – Inviate E-mail personalizzate?

  http://www.bancomail.it/blog/index.php/inviate-e-mail-personalizzate/ Cosa si intende per “personalizzata” probabilmente lo dice la parola stessa, ma non altrettanto scontate sono le modalità per rendere tale la vostra newsletter. La customizzazione infatti può andare ben oltre l’adattamento del tema grafico alle occasioni alle festività, seppure (continua)

Bancomail - L’Email Marketing si conferma Top Tevenue Generator

  http://www.bancomail.it/blog/index.php/lemail-marketing-si-conferma-top-revenue-generator/ Nel corso dell’ultimo decennio l’email marketing si è consolidato come uno dei principali generatori di revenue. Nonostante il recente sviluppo e la celere diffusione di altri strumenti digitali, l’email resta il cuore di tutte le applicazioni online e sembra destinata a ri (continua)

Bancomail – E-mail Marketing e Recruiting

  http://www.bancomail.it/blog/index.php/e-mail-marketing-e-recruiting/ Le aziende oggi hanno a disposizione svariate opportunità e strategie per il recruiting di nuovo personale, tra queste l’email marketing può svolgere un ruolo davvero importante. Troppo spesso ci si limita a pensare che l’email marketing serva esclusivamente a promuovere prodotti e (continua)