Home > Ambiente e salute > Newton e le scarpe

Newton e le scarpe

scritto da: Cibbuzz | segnala un abuso

Newton e le scarpe


 Se Newton grazie a una mela scoprì la forza di gravità, nessuno ci ha tramandato cosa disse lo stesso sentendosi colpito. Un caso di trauma raro che però è molto più frequente quando usiamo i nostri piedi. Quanti mattoni e pesi vari, per non  parlare di urti contro oggetti quali angoli, gradini e altre superfici,  sfidano ogni giorno l'integrità delle nostre estremità?  Rimedio a questa situazione è stata la messa a punto di calzature antinfortunistiche che negli anni hanno raggiunto standard di protezione sempre più elevati e che in certi ambienti di lavoro sono diventate obbligatorie. Produrre scarpe  di tipo antinfortunistico non è però più sufficiente oggi. Occorre mettere in primo piano le esigenze dell’utilizzatore, curando le condizioni di comfort del dispositivo di protezione in modo da garantirne un confortevole utilizzo. La scarpa antinfortunistica non è, infatti, una calzatura come le altre in cui basta che piacciano e se anche si sentono strette poi, si allargano. Può creare seri problemi ai piedi e alla schiena se la manifattura e alcuni elementi che ne assicurano le qualità antinfortunistiche, quali il puntale in acciaio, che spesso provoca micosi alle dita dei piedi, oppure la suola rigida, che è causa di problemi plantari, la non traspirabilità, l’altezza del tacco, la calzata non adeguata alle dimensioni del piede e per ultimo, ma non di secondaria importanza, il mancato rispetto della biomeccanica del piede non sono stati studiati accuratamente. Prima dell'acquisto diventa quindi indispensabile una valutazione della calzatura eseguita da un esperto come il tecnico ortopedico che, tramite i dati acquisiti da appositi strumenti e l'esperienza maturata, è in grado di consigliare la scarpa più consona alle esigenze della singolo utilizzatore. Ad esempio, chi ha il piede con dita lunghe tutte uguali, ha notevoli problemi nell'utilizzo di calzature antinfortunistiche perché NON ESISTONO PUNTALI larghi sufficientemente capienti per contenere tutte 5 le dita, così succede che il 5° dito venga dolorosamente compresso. Un'alternativa che spesso viene adottata, è quella di utilizzare scarpe di 1 o 2 numeri più grandi; questo però può causare un’infiammazione ai metatarsi e l'imbarcamento della punta della scarpa, dal momento che la flessione dell'articolazione metatarso-falangeo risulterà più arretrata del punto di flessione della scarpa e la scarpa risulta più pesante del solito.

Fare una scarpa su misura, non significa fare una scarpa esteticamente “brutta”, pesante, rigida. Il Centro Ortopedico Rinascita ha investito molto sulla modelleria andando incontro anche alle esigenze estetiche del paziente, che può addirittura portare una fotografia e richiedere di riprodurre lo stesso modello con le misure del proprio piede.
 

Fonte notizia: http://www.centroortopedicorinascita.it


calzature antinfortunistica | cor | centro ortopedico rinascita | blog antinfortunistica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gamification, prosegue il contributo di QUI! Group, società guidata da Gregorio Fogliani


MORO di LEGNAGO Scarpe che esprimono personalità


Scarpe sposa spedizione gratuita Fleur d'Oranger


Shop online scarpe sposa Fleur d'Oranger


Scarpe matrimonio online Fleur d'Oranger


Scarpe sposa online Fleur d'Oranger Scopri i nuovi arrivi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un trucco per essere sempre belli

Un trucco per essere sempre belli
La donna moderna è sempre impegnata, casa famiglia, lavoro…non si ferma mai.   Gli impegni quotidiani generano l’esigenza di essere sempre in ordine, c’è sempre più richiesta di qualcosa che garantisca di essere sempre belli, in ordine con un trucco intonso, che niente riesca a scalfire. Chissà quante volte ci abbiamo pensato,  a maggior (continua)

Riscoprire Varese

Riscoprire Varese
Expo Milano 2015 è il più grande evento sull’alimentazione mai realizzato. L’esposizione mediatica dell’evento sta lentamente cambiando il modo di pensare offrendoci la possibilità di una maggior sensibilizzazione ai concetti di Km0, qualità e origine controllata dei prodotti alimentari, base della nostra nutrizione e salute. Expo è un'occa (continua)

Il risveglio degli acari.

Il risveglio degli acari.
Il ritorno dalle vacanze invernali può rivelare delle spiacevoli sorprese, soprattutto se alla partenza non abbiamo avuto modo di pulire la casa in modo appropriato. L’albero di Natale, i residui dei banchetti o dello spacchettamento dei regali soprattutto in un ambiente caldo come quello di un appartamento con riscaldamento centralizzato, possono rivelarsi l’habitat ideale per (continua)

Metti sotto l’albero il benessere.

Ogni anno sembra che il Natale arrivi un po’ prima e già verso metà novembre si inizia a pensare a come vorremmo trascorrere le feste. Partiamo dagli addobbi, per arrivare ai regali per i nostri cari, ma anche a cosa vorremmo trovare sotto l’albero per noi. Un regalo molto gradito è ciò che ci fa sentire meglio, qualcosa che riesca a donarci un po’ di benessere. In un contesto in cui società, (continua)

Un alleato contro gli acari.

Gli acari non si vedono, non si sentono, non pungono ma sono una delle principali cause dell'allergia respiratoria. Gli elementi allergizzanti sono i loro escrementi, le uova deposte e le secrezioni ghiandolari che, liberandosi nell'aria, vengono inalate dall’uomo. I più comuni sono gli "acari della polvere" ed hanno il loro habitat nell'ambiente domestico. Nei materassi e n (continua)