Home > Musica > I "Santo California" tornano a MilleVoci.

I "Santo California" tornano a MilleVoci.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

I

Il gruppo, nella sua prima formazione, comprendeva cinque giovani musicisti originari di Nocera Inferiore ed Angri: Pietro Barbella, Donato Farina, Domenico Aiello, Gianni Galizia, Massimo Caso, che hanno battezzato il loro sodalizio artistico col nome di La Nuova Frontiera.


Come prassi vuole la band esordisce suonando nei locali, nelle feste di piazza e, in estate, negli stabilimenti balneari della Costiera Amalfitana. Nel 1974 La Nuova Frontiera si esibisce sul palco della festa patronale di Nocera Inferiore in anteprima rispetto alla cantante Iva Zanicchi: in questa occasione la band viene notata da Elio Palumbo, discografico romano, che convoca i componenti del complesso a Roma, presso la casa discografica Yep; in questa sede i cinque musicisti sottoscrivono un contratto e cambiano il nome della band assumendo quello de I Santo California. Questa formazione esordisce discograficamente nel 1975 con il primo disco a 45 giri intitolato Tornerò (musica di Ignazio Polizzy Carbonelli, Claudio Natili, Marcello Ramoino; testo di Elio Palumbo), brano divenuto grande successo internazionale, disco d'oro per aver venduto oltre un milione di copie in Italia, lanciato dalla trasmissione televisiva Alle sette della sera condotta da Christian De Sica.

Con questa canzone il complesso si impone come uno dei capisaldi di quel filone pseudo romantico della musica melodica degli anni settanta.

Il brano Tornerò è tradotto in diverse lingue ed offre alla band una ottima opportunità all'estero, dove riceve un notevole apprezzamento anche per tutta la produzione seguente. Ne esiste una versione di Amanda Lear con il titolo I'll miss you del 1995, inserita nell'album Alter ego, testo di Amanda Lear ed Helmuth Schmidt.

Nel 1977 la band partecipa al Festival di Sanremo con il brano Monica (musica di Giacomo Simonelli e Paolo Pinna; testo di Elio Palumbo), che si piazza al terzo posto della classifica finale.

Il complesso dei Santo California, tuttora in attività, negli anni a venire ha ottenuto riscontri discografici con la pubblicazione di brani di prima edizione fino alla prima metà degli anni ottanta; in seguito, sebbene con alcuni cambi e riassetti della formazione, ha trovato spazio soprattutto con antologie della produzione originale o con proposte di brani ri-editi con nuovi arrangiamenti.

Nel 1994 la band ha pubblicato 1994 Per Un Mondo Migliore, un concept-album in cui il consueto stile pop della band era impreziosito da testi impegnati, dedicati alla spiritualità e alla dimensione interiore dell'umanità.

Dal 2014 in poi i Santo California partecipano con il loro intero repertorio alle edizioni di MilleVoci di Gianni Turco ottenendo tanta visibiltà e successo.

Nella edizione 2019 del programma i Santo California varano, con la cantante Daphne Barillaro, una nuova versione del loro brano più famoso, "Tornerò"

Nel 2015 Checco Zalone inserisce la loro canzone Tornerò nel suo film Quo vado?

Come accennavo nel titolo, anche quest'anno il gruppo dei Santo California torna a partecipare al famoso format musicale di Gianni Turco, "MilleVoci". Eseguiranno, tra l'altro, una nuova vesione di Tornerò, in lingua spagnola. 

Gianni Turco.


Fonte notizia: www.millevoci.it




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


MilleVoci, presto in onda.


MileVoci, sempre in alto!


MilleVoci si triplica.


Gianni Turco: Tante canzoni in tante tv con “MilleVoci”.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)