Home > Musica > Il Giardino Dei Semplici a MilleVoci 2020.

Il Giardino Dei Semplici a MilleVoci 2020.

scritto da: Giangius | segnala un abuso

Il Giardino Dei Semplici a MilleVoci 2020.

Il batterista Gianni Averardi fondò il gruppo nel 1974. Andrea Arcella era dei "Volti di pietra". Luciano Liguori aveva invece militato in una formazione locale denominata G.U.N.G (1973). La band iniziò le proprie esibizioni allo Shaker Club di Napoli col nome provvisorio de "Gli alti e bassi". Giancarlo Bigazzi e Totò Savio (produttori), in accordo con Averardi procurarono al gruppo un contratto con la CBS. Bigazzi, ispirandosi al Giardino dei Semplici del museo di Storia Naturale della sua città (Firenze), propose quel nome che fu gradito ed accettato da tutti.


Il 21 febbraio del 1975 il Giardino Dei Semplici decollò dallo studio Ortophonic di Roma con le registrazioni di due brani del primo 45 giri: M'innamorai ed Una storia, pubblicato ad aprile, prodotto da Giancarlo Bigazzi e Totò Savio

M'innamorai partecipò con successo al Festivalbar 1975, e vide il 5º posto nelle classifiche.

Seguì Tu, ca nun chiagne, un rifacimento pop-rock del 1915, scritto da Libero Bovio ed Ernesto De Curtis. Ottenne il "disco d'oro".

Il primo tour del gruppo si svolse nel 1976. I oncerti furono 176. Nello stesso anno incisero il singolo "Vai" che partecipò al Festivalbar dello stesso anno. 

Nel 1977 i "GDS" parteciparono al Festival di Sanremo con il brano sempreverde "Miele", e si classificarono al quarto posto. La canone contribuì alla vincita del prestigioso trofeo Telegatto di TV Sorrisi e Canzoni nella categoria Complessi.

Come il precedente Tu, ca nun chiagne, quel disco singolo vendette un milione di copie. Fu poi pubblicato il secondo album del gruppo, Le Favole del Giardino.

Dopo il cambio di etichetta e il passaggio alla CGD, parteciparono di nuovùo al Festivalbar, nel 1978, col brano Concerto in La Minore (dedicato a lei), hit da juke-box, e poi furono in tournée italiana e negli Stati Uniti d'America ed in Canada.

Nel 1980 entrò nel gruppo Tommy Esposito che sotituì Gianni Averardi. La nuova formazione del Giardino dei Semplici debuttò con il singolo Carnevale da buttare che ottenne una straordinaria risonanza radiofonica. 

Il brano balzò al top della classifica delle radio indipendenti nazionali. Nel 1981 la band si imbarcò per una tourné "all-star" organizzato dalla WEA: il Portamusica.

Continuarono i successi e le  tante soddisfazioni. Nel maggio 2013 il lavoro Argento vivo uscì con l'etichetta Halidon, La critica e la stampa lo acclamarono quale uno dei loro migliori lavoiri in assoluto. 

Il Giardio Dei Semplici partecipava già dal 2008 al programma MilleVoci di Gianni Turco e quidi selsero di promuovere anche in quel format questa nuova opera musicale che ottenne grande ascolto e succeso.

La formazione del gruppo: Andrea Arcella - tastiere, piano, sintetizzatori, programming, voce, cori (dal 1974 ad oggi) -  Luciano Liguori - basso elettrico e acustico, voce solista, cori (dal 1974 ad oggi) - Savio Arato - chitarre elettriche e acustiche, voce, cori (dal 2012 ad oggi) - Tommy Esposito - batteria, percussioni, drum programming, voce, cori (dal 1980 ad oggi).

Gianni Turco


Fonte notizia: http://www.millevoci.it


musica | festival | millevoci | miele | il giardino dei semplici | tu ca nun chiagne | m innamorai |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


MilleVoci 2021, in preparazione la 17.ma edizione.


MilleVoci, presto in onda.


MileVoci, sempre in alto!


MilleVoci si triplica.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tra "revival", tradizione e modernità: la 17ª edizione di "Millevoci", il fortunato "format" tv di Gianni Turco visibile in tutta Europa

Tra
Quale altra trasmissione televisiva potrebbe oggi riuscire nell'impresa di riunire in sé contemporaneamente (nell'alveo di un congruo numero di puntate destinate ad essere trasmesse, con cadenza settimanale, per una durata di cinque mesi consecutivi) protagonisti di spicco - solisti o gruppi - della musica italiana negli anni '60/'70 (da Don Backy a "I Cugini di Campagna", dai "Santo California" a "Il Giardino dei Semplici", da Michele a "I Romans"), un grande autore come Franco Fasano, gli eredi musicali di Little Tony ed artisti forse un po' meno noti - di qualsiasi generazione - desiderosi di una maggiore visibilità? Giunto quest'anno alla sua 17ma edizione - grazie alla tenacia e determinazione del suo ideatore, produttore e regista Gianni Turco - il "format" artistico "MilleVoci" (il più famoso e popolare tra i programmi a contenuto musicale trasmessi in Italia sulle frequenze di emittenti televisive private) è in onda dal 21 novembre - ogni Domenica a partire dalle ore 21.30 - sul Canale nazionale "Bom Chan (continua)

MilleVoci 2021 è allo start!

MilleVoci 2021 è allo start!
Ci siamo, tutto è pronto all'avvio della diciassettesima edizione del programma musicale più famoso d'Italia (e non solo) trasmesso dalle emittenti tv private. E' tutto pronto. Qualche ritoccatina quà e là alle scalette degli artisti ed a qualche loro conferma alla partecipazione (il Covid colpisce ancora) e le puntate di "MilleVoci" edizione2021, 15 da un'ora, saranno servite su di un piatto d'argento al publico televisivo Italiano e quello che segue il formmat da altri Paesi del mondo, grazie alle tante emiìtteti televisive regionali, nazionali, della (continua)

MilleVoci si registrerà ad ottobre.

MilleVoci si registrerà ad ottobre.
Il programma MilleVoci, nato nel 2005 è considerato il format ideale per promozioni musicali, ambito da personaggi noti del panorama canoro italiano e d’oltre oceano ma anche da artisti emergenti in cerca di visibilità. Incontriamo l’ideatore, produttore e direttore artistico del programma: Gianni Turco.D: “Cosa c’è dietro un programma musicale di successo?”R: “MilleVoci è un programma unico nel suo genere, una kermesse musicale che va avanti da ben 16 edizioni. In scena troviamo artisti affermati, vip, assieme a cantanti e gruppi emergenti che hanno la possibilità di farsi conoscere. Negli (continua)

Gianni Nazzaro, breve biografia.

Gianni Nazzaro, breve biografia.
Erminio Nazzaro, napoletano doc, artista del varietà, rumorista di successo, era il padre di Gianni Nazzaro, secondo di quattro figli, due sorelle ed un fratello: Esmeralda, Maurizio ed Anna Maria. Maurizio, cantautore di successo, passò purtroppo a miglior vita a giugno del 2020 per un male simile, aveva 60 anni. A Gianni piacevano tanto le sue canzoni, tanto da interpretarne alcune nel programma MilleVoci. Anna Maria Nazzaro è tutt’ora impegnata nel campo musicale come insegnante di canto. GLI INIZIIl debutto artistico di Gianni Nazzaro avvenne nel 1965 quando aveva scelto come pseudonimo "Buddy". Imitava con successo le voci di cantanti che allora erano già in voga come Bobby Solo, Adriano Celentano, Gianni Morandi e altri, in alcune incisioni per la casa discografica "KappaO" di Napoli.Nel 1967 partecipò ai Festival di quella città con il brano “Sulo pé mmé e pé tte”, non acc (continua)

Gianni Nazzaro, l'addio ad un vero artista.

Gianni Nazzaro, l'addio ad un vero artista.
Un artista a tutto tondo. Cantante, attore, intrattenitore. Il pregio personale: non raccomandato. Molti lo hanno dimenticato, Rai in testa, quella che dovrebbe essere un servizio pubblico ed invece, a quanto si assiste ogni giorno, è sempre pù un servizio privato in mano a pochi... e paghiamo noi. Il mondo dello spettacolo lo aveva emarginato ma non noi amici che in qualche modo la televisione la facciamo ugualmente. Lui non era un lecchino. A Gianni non interessava la politica, non si prostr (continua)