Home > Musica > Il Giardino Dei Semplici a MilleVoci 2020.

Il Giardino Dei Semplici a MilleVoci 2020.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

Il Giardino Dei Semplici a MilleVoci 2020.

Il batterista Gianni Averardi fondò il gruppo nel 1974. Andrea Arcella era dei "Volti di pietra". Luciano Liguori aveva invece militato in una formazione locale denominata G.U.N.G (1973). La band iniziò le proprie esibizioni allo Shaker Club di Napoli col nome provvisorio de "Gli alti e bassi". Giancarlo Bigazzi e Totò Savio (produttori), in accordo con Averardi procurarono al gruppo un contratto con la CBS. Bigazzi, ispirandosi al Giardino dei Semplici del museo di Storia Naturale della sua città (Firenze), propose quel nome che fu gradito ed accettato da tutti.


Il 21 febbraio del 1975 il Giardino Dei Semplici decollò dallo studio Ortophonic di Roma con le registrazioni di due brani del primo 45 giri: M'innamorai ed Una storia, pubblicato ad aprile, prodotto da Giancarlo Bigazzi e Totò Savio

M'innamorai partecipò con successo al Festivalbar 1975, e vide il 5º posto nelle classifiche.

Seguì Tu, ca nun chiagne, un rifacimento pop-rock del 1915, scritto da Libero Bovio ed Ernesto De Curtis. Ottenne il "disco d'oro".

Il primo tour del gruppo si svolse nel 1976. I oncerti furono 176. Nello stesso anno incisero il singolo "Vai" che partecipò al Festivalbar dello stesso anno. 

Nel 1977 i "GDS" parteciparono al Festival di Sanremo con il brano sempreverde "Miele", e si classificarono al quarto posto. La canone contribuì alla vincita del prestigioso trofeo Telegatto di TV Sorrisi e Canzoni nella categoria Complessi.

Come il precedente Tu, ca nun chiagne, quel disco singolo vendette un milione di copie. Fu poi pubblicato il secondo album del gruppo, Le Favole del Giardino.

Dopo il cambio di etichetta e il passaggio alla CGD, parteciparono di nuovùo al Festivalbar, nel 1978, col brano Concerto in La Minore (dedicato a lei), hit da juke-box, e poi furono in tournée italiana e negli Stati Uniti d'America ed in Canada.

Nel 1980 entrò nel gruppo Tommy Esposito che sotituì Gianni Averardi. La nuova formazione del Giardino dei Semplici debuttò con il singolo Carnevale da buttare che ottenne una straordinaria risonanza radiofonica. 

Il brano balzò al top della classifica delle radio indipendenti nazionali. Nel 1981 la band si imbarcò per una tourné "all-star" organizzato dalla WEA: il Portamusica.

Continuarono i successi e le  tante soddisfazioni. Nel maggio 2013 il lavoro Argento vivo uscì con l'etichetta Halidon, La critica e la stampa lo acclamarono quale uno dei loro migliori lavoiri in assoluto. 

Il Giardio Dei Semplici partecipava già dal 2008 al programma MilleVoci di Gianni Turco e quidi selsero di promuovere anche in quel format questa nuova opera musicale che ottenne grande ascolto e succeso.

La formazione del gruppo: Andrea Arcella - tastiere, piano, sintetizzatori, programming, voce, cori (dal 1974 ad oggi) -  Luciano Liguori - basso elettrico e acustico, voce solista, cori (dal 1974 ad oggi) - Savio Arato - chitarre elettriche e acustiche, voce, cori (dal 2012 ad oggi) - Tommy Esposito - batteria, percussioni, drum programming, voce, cori (dal 1980 ad oggi).

Gianni Turco


Fonte notizia: http://www.millevoci.it


musica | festival | millevoci | miele | il giardino dei semplici | tu ca nun chiagne | m innamorai |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


Brad Pitt e Leonardo DiCaprio sembrano così dannatamente belli a Cannes, è quasi inquietante


MilleVoci, presto in onda.


MileVoci, sempre in alto!


MilleVoci si triplica.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)