Home > Musica > Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

Giovanna Nocetti:

Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967.


Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.

Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera di Venezia con Cronaca nera, scritta da Bruno Lauzi, classificandosi al secondo posto.

Con l'etichetta di Alfredo Rossi registrò tre album: Una corsa pazza (1971) che contiene uno dei suoi pezzi più celebri, Io volevo diventare scritta per lei da Claudio Rocchi e Gerardo Carmine GargiuloHo passato un brutto inverno (1973) e Una storia quasi vera (1975).

Nel 1971 partecipò a Canzonissima con Sorge il solecover di Let the sunshine (tratto dal musical Hair). L'anno successivo si presentò di nuovo a Canzonissima, nella prima fase con Io volevo diventare, e nella fase del ripescaggio con una sua versione di E penso a te di Mogol e Lucio Battisti, che rimarrà inedita.

Sempre nel 1972, partecipò con Perché perché, scritta per il testo da Alessandro Colombini e Luigi Albertelli e per la musica da Edoardo Bennato, ad Un disco per l'estate 1972

Nel 1973 ritornò al Disco per l'estate con Il fiume corre, l'acqua va, scritta da Gerardo Carmine Gargiulo e a Canzonissima. Nella prima fase con Questo amore un po' strano, nella seconda fase con Ricordo di un amore, giungendo alle semifinali con Un colpo di silenzio

Nel 1974 torna nuovamente a Canzonissima, si ferma alla prima fase, in cui ripresenta, Questo amore un po' strano.

Nel 1979 ottenne un grande successo con Il mio ex, cover di un brano brasiliano.

Nel 1984 compose una versione dell'Ave Maria, da lei stessa cantata con l'Orchestra Sinfonica Ludovico da Victoria del Pontificio Istituto di Musica Sacra, nella Sala Nervi del Vaticano, alla presenza di Papa Giovanni Paolo II; in questo periodo diradò le sue apparizioni nei canali televisivi a diffusione nazionale, pur continuando a lavorare nelle TV locali e nelle serate dal vivo. Fondò anche una casa discografica, la Kicco Music, che pubblica tuttora musica operistica e classica.

Autrice di un testo teatrale drammatico, La sottana, rappresentato a Roma al teatro La Piramide con la presentazione di Dacia Maraini. Nel 1994 scrive le musiche di Embargos, spettacolo di Enzo Moscato, con il quale vince il prestigioso premio UBU.

Nel 1994 fondò la "Giovanna Nocetti Editore", con la quale pubblicò libri di musicateatro e didattica.

Nella seconda metà degli anni novanta ottenne nuova visibilità televisiva, partecipando come ospite a fianco di vari colleghi a Ci vediamo in TV, trasmissione della prima fascia pomeridiana condotta da Paolo Limiti fra il 1996 e il 2001.

È stata insignita di prestigiosi premi nazionali e internazionali, fra i quali: Leone d'oro alla carriera, Premio Antonio De Curtis, Premio Campidoglio “Personalità Europea”.

In agosto 2008 a San Felice Circeo fu interprete di uno spettacolo ideato dal regista Sergio Licursi sulla vita di Anna Magnani, per il quale ha composto una Ninna Nanna su testo dello stesso Licursi. Licursi ha anche ideato per lei nel 2007 lo spettacolo Di quell'amor, un viaggio al femminile nel cuore del melodramma, con orchestra sinfonica. In agosto 2009 nel Chiostro di Pietrasanta eseguì un concerto di arie da salotto con voce recitante Pasolini e la sua musica.

Giovanna si è anche occupata di regia teatrale, allestendo spettacoli di musica lirica, quali: Cavalleria rusticana e Pagliacci al Teatro Umberto Giordano di Foggia, pubblicata in DVD; Marta e Maria rappresentata in prima mondiale nel Castello di Sarre, in Valle d'Aosta, nell'ambito del Primo Festival Internazionale Estivo di Sarre con Tiziana Fabbricini e Gloria Scalchi e la partecipazione di Alma Manera opera trasmessa in tutto il mondo in diretta via internet; Carmen al Teatro Coccia di Novara e al Teatro Sociale di Mantova, pubblicata in DVD; Madama Butterfly per l'inaugurazione del Festival Lunatica di Massa Carrara nel 2008Il Barbiere di Siviglia al Festival di Massa e all'Anfiteatro di Rio Marina (LI) nel luglio 2009; Rigoletto sempre all'Anfiteatro di Rio Marina nel luglio 2010.

È citata nel libro Opere di Giovanni Testori, ed. Classici Bompiani, in relazione allo spettacolo teatrale di Giovanna Nocetti Ieri e sempre, appositamente scritto per lei da Giovanni Testori.

È inserita tra le musiciste più importanti d'Europa a pag. 379-380 del libro Donne in Musica di Patricia Adkins Chiti, Armando Editore, in quanto compositrice di arie liriche per voci soliste, quartetti d'archi, ensemble, eseguite nei vari teatri nazionali ed internazionali da cantanti lirici famosi.

Nel 2000 le venne commissionata dal Comitato del Giubileo una composizione destinata all'apertura dell'anno giubilare dal titolo Preghiera dell'Artista che lei stessa esegue nella Basilica di Santa Maria sopra Minerva in Roma.

Nel 2002 musicò una preghiera di Padre PioTutto è scherzo d'amore, incisa da Cecilia Gasdia.

Da cinque anni è direttore artistico dell'Anfiteatro di Rio Marina (Isola d'Elba) per il quale ogni anno cura l'allestimento e la regia degli eventi lirici (Notte vienneseLa TraviataMadama ButterflyIl Barbiere di SivigliaMelò e Operetta).

Nel 2009, 2010 fu ospite nella trasmissione musicale televisiva MilleVoci di Gianni Turco, dove si esibì col suo intero repertorio in alcune puntate. Pubblicò il singolo Havaghila, interpretato con Alma Manera.

Nel 2011 compose, assieme all'amico di sempre Paolo Limiti, il brano Regalo ad un'amica per Alma Manera.

Nel 2012 tornò sugli schermi televisivi, in veste di direttrice d'orchestra, grazie al nuovo programma E state con noi in TV, condotto da Paolo Limiti su Rai 1.

Nel 2013 è ancora ospite, in 15 puntate, del programma d'intrattenimento musicale MilleVoci (di Gianni Turco).

Nel 2015Abracadabra per Viola Valentino, prodotto dalla Kicco Music. È compositrice, con Enzo Campagnoli, della canzone Dietro un grande amore del film di Domiziano Cristopharo The Transparent Woman (2015) su testo di Paolo Limiti, scelta dalla collega Orietta Berti che l'ha incisa e inserita nel suo ultimo e omonimo CD di canzoni edito nel novembre 2015 per festeggiare i suoi 50 anni di carriera artistica.

Dal maggio 2016 è mensilmente ospite di TV2000 nella trasmissione Bel tempo si spera, in onda in diretta il lunedì mattina.

Nel 2016 fu ospite ad Alassio nello spettacolo La voce del silenzio, condotto da Paolo Limiti.

A novembre 2017 rilanciò l'inedito, su testo di Paolo Limiti, Trenta giorni, prodotto dalla Kicco Music con la voce di Caterina Ferri.

Nell'estate 2018 partecipò al concerto a Villa Bertelli "Ciao Paolo", a fianco di Stefania Cento, Fabrizio Voghera e della cantante emergente Caterina Ferri.

Sempre nell'estate 2018 si esibì con Caterina Ferri nella tappa del concerto di Orietta Berti alla Versiliana. Come gran finale propone il suo brano Dietro un grande Amore insieme a Caterina Ferri e alla stessa Orietta Berti.

A maggio 2019 pubblicò il singolo "Ma meglio una donna", composto con Luigi Mosello e arrangiato dal maestro Roberto Russo su etichetta Music Universe a.c.m.: il brano tratta delicatamente della problematica sociale della violenza sulle donne.

Quel brano fu anche diffuso ampiamente nello speciale "Daphne ad friends 3" di Gianni Turco, con Daphne Barillaro che la ospitò e con la quale Giovanna cantò, in duetto, "Torna a Surriento", grande successo della canzone napoletana.

A dicembre dello stesso anno fu pubblicato il singolo Et si tu n'existais pas in lingua francese.


Fonte notizia: http://www.millevoci.it


giovanna | inifferentemente | festival | xfactor | millevoci | astrocaro | Limiti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Giovanna Fracassi, autrice della silloge Emma. Alle porte della solitudine


Carriera di Giovanna Boda, dal 2012 alla guida della Direzione Generale per lo Studente


Premio Carlo Riccardi: arte, moda, spettacolo e beneficenza


“Nella clessidra del cuore” di Giovanna Fracassi: uno scenario di candido equilibrio


Giovanna Nocetti ed Elena Presti in radio con “No vale la pena enamorarse”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)

A MilleVoci i "Milk and coffee".

A MilleVoci i
I Milk and Coffee sono un gruppo musicale italiano, formatosi alla fine degli anni settanta. Il quartetto è sempre stato composto da una voce maschile e tre femminili. La formazione: Daniel Faro, Morena Rosini, Monica Persiani e Irina La Font. Ai loro esordi, nel 1977, con formazione diversa dall'attuale, composero il tema del film Pugni dollari e spinaci: Goodbye San Francisco. L'anno successivo il brano Lady Blue fu prestato come sigla ad Alto gradimento, celebre programma trasmesso da Rai Radio 2.Nel 1980 parteciparono al format televisivo A tutto gag, che adottò come sigla il brano Indian (continua)