Home > Scuola e Università > Scuola: nel Lazio 240.000 alunni cambieranno mezzo di trasporto

Scuola: nel Lazio 240.000 alunni cambieranno mezzo di trasporto

scritto da: Ufficiostampa@facile.it | segnala un abuso

Scuola: nel Lazio 240.000 alunni cambieranno mezzo di trasporto


Paura del Covid, orari di ingresso scaglionati, mezzi pubblici con capacità ridotta: a pochi giorni dall’inizio della scuola, la mobilità degli studenti rimane uno dei nodi più critici e molte famiglie laziali dovranno ripensare il modo in cui portare i figli a scuola. Secondo l’indagine commissionata da Facile.it a mUp research e Norstat, realizzata su un campione rappresentativo* di famiglie italiane con figli dai 2 ai 18 anni, quest’anno nel Lazio quasi 1 alunno su 3, pari a circa 240.000 bambini e ragazzi (28,9%) cambierà, del tutto o in parte, mezzo di trasporto per il tragitto casa-scuola.

Come si sposteranno gli alunni laziali

Guardando ai dati relativi al Lazio emerge che, se fra chi cambierà mezzo di trasporto il 57% ha dichiarato di farlo per paura del Covid, a livello generale, forse anche per praticità o mancanza di alternative, più di 1 alunni su 2 (55,4%), pari a poco meno di 460.000 bambini e ragazzi, raggiungeranno la scuola in auto, moto o scooter. Il dato è ancor più significativo se si considera che lo scorso anno, ad usare questo tipo di mezzo era il 49,6% degli scolari.

Molti meno gli alunni che si affideranno al trasporto pubblico; il 13,2% utilizzerà autobus o tram, mentre il 3,3% si sposterà in metropolitana o in treno. Poco meno del 6%, invece, si affiderà a servizi quali lo scuolabus.

Importante, seppur in lieve calo, la percentuale di chi ha scelto di spostarsi a piedi; lo farà il 35,5% degli studenti del Lazio, pari a circa 295.000 ragazzi, erano il 36,4% lo scorso anno.

Perché si cambia: paura del Covid

Se si guarda alle famiglie laziali che cambieranno modalità di trasporto, la ragione principale risulta essere la paura del Covid;ben il 57% dei nuclei intervistati ha dichiarato che sceglierà un altro mezzo proprio per evitare di esporre i figli ad un possibile rischio contagio.

Ma non mancano i problemi di natura logistica: il 31% ha ammesso che cambierà mezzo a causa dell’orario di ingresso scaglionato adottato dalla scuola.

Il 29%, infine, ha scelto di rivedere le modalità di trasporto per motivi organizzativi interni alla famiglia.

Il tragitto casa-scuola preoccupa però anche le famiglie laziali che non cambieranno mezzo di trasporto; più di 6 genitori su 10 (64%) hanno comunque dichiarato di essere in apprensione per il percorso.

 

* Metodologia: n. 1.010 interviste CAWI con un campione rappresentativo di individui aventi figli in età scolare (da 2 a 18 anni) sull’intero territorio nazionale. Indagine condotta tra il 3 ed il 4 settembre 2020. 


Fonte notizia: https://www.facile.it/


Facile it | mobilità | Lazio | scuola | Covid |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dal 27 giugno al 6 luglio il festival A Tutta Birra a Cassinone, Seriate ( BG )


Chirurgia Estetica - Laser Skin resurfacing : Migliora la forma della cute


Evoluta terapia laser co2 per non russare più


DHL Global Forwarding: i 5 consigli per rimanere produttivi lavorando da casa


CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


Daniele Pacchiarotti dipinge l'iconica Roselyne Mirialachi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Bollette: nel 2022 potrebbero costare l’80% in più

Bollette: nel 2022 potrebbero costare l’80% in più
Rischio stangata nel 2022 sull'energia elettrica; ecco l'analisi di Facile.it Secondo le stime di Facile.it, se il prezzo dell’energia rimarrà sui livelli attuali, a parità di consumi e in assenza di ulteriori interventi governativi, a fine anno gli italiani si troveranno a pagare una bolletta complessiva che potrebbe sfiorare i 3.000 euro, l’80% in più rispetto al 2021, con un aggravio di oltre 1.300 euro a famiglia. Una stangata che arriverebbe dopo il salasso che (continua)

Covid: la paura fa aumentare le polizze vita e salute

Covid: la paura fa aumentare le polizze vita e salute
Boom di richieste di polizze vita e salute; ecco perchè. I timori per la pandemia che non si ferma hanno spinto gli italiani a stipulare sempre più polizze assicurative legate alla vita o allo stato di salute. A novembre 2021, secondo un’indagine di Facile.it, erano 3,6 milioni (pari al 6% della popolazione) gli italiani che ne avevano sottoscritto una per la prima volta, portando a ben 16 milioni il numero dei nostri connazionali che avevano una (continua)

Rc auto: in Lombardia aumenti in arrivo per 141.000 automobilisti

Rc auto: in Lombardia aumenti in arrivo per 141.000 automobilisti
Brutte notizie circa 141.000 automobilisti lombardi; tanti sono gli assicurati che, secondo l’osservatorio di Facile.it, a causa di un sinistro con colpa dichiarato nel 2021, vedranno peggiorare quest’anno la propria classe di merito e, di conseguenza, aumentare il costo dell’RC auto. Se in base all’analisi del comparatore – realizzata su un campione di oltre 114mila preventivi racco (continua)

Rc auto: in Calabria aumenti in arrivo per 14.000 automobilisti

Rc auto: in Calabria aumenti in arrivo per 14.000 automobilisti
Brutte notizie per più di 14.000 automobilisti calabresi; tanti sono gli assicurati che, secondo l’osservatorio di Facile.it, a causa di un sinistro con colpa dichiarato nel 2021, vedranno peggiorare quest’anno la propria classe di merito e, di conseguenza, aumentare il costo dell’RC auto. Se in base all’analisi del comparatore – realizzata su un campione di oltre 13mila preventivi raccolti (continua)

Rc auto: in Sicilia aumenti in arrivo per 53.000 automobilisti

Rc auto: in Sicilia aumenti in arrivo per 53.000 automobilisti
Brutte notizie per più di 53.000 automobilisti siciliani; tanti sono gli assicurati che, secondo l’osservatorio di Facile.it, a causa di un sinistro con colpa dichiarato nel 2021, vedranno peggiorare quest’anno la propria classe di merito e, di conseguenza, aumentare il costo dell’RC auto. Se in base all’analisi del comparatore – realizzata su un campione di oltre 62mila preventivi raccolti (continua)