Home > Eventi e Fiere > Il prossimo 18 settembre riapre “IL REGNO DI BABBO NATALE”

Il prossimo 18 settembre riapre “IL REGNO DI BABBO NATALE”

scritto da: PressWeb | segnala un abuso

Il prossimo 18 settembre riapre “IL REGNO DI BABBO NATALE”

C’è un Regno incantato che sorge sulle colline di Vetralla, piccolo borgo nei dintorni di Viterbo. Ed è il Regno di Babbo Natale. Un luogo magico, dove chiunque varchi i suoi cancelli, torna inevitabilmente bambino. Perché si dice che il Natale sia dei più piccoli, ma in realtà il Natale è di tutti: da zero a mille anni.


Questo meraviglioso mondo riapre le sue porte il prossimo 18 settembre e resterà aperto 7 giorni su 7 fino al 17 gennaio 2021. Un lungo periodo, anche se per il Natale non c’è mai troppo tempo, nel quale chiunque potrà immergersi in un’atmosfera incredibile e unica. Un percorso emozionale posizionato su oltre 4 mila mq, dove lui, il padrone di casa, quel signore un po’ d’antan, vestito di rosso, con il berretto a pon pon e la lunga barba bianca, assieme agli elfi, agli schiaccianoci, alle renne e a tutti i protagonisti del Regno, attende i visitatori.

Lo scorso anno, per esempio, sono stati 550 mila e se ne attendono altrettanti, e anche di più, in questo 2020 un po’ diverso rispetto al solito, ma che non scoraggerà il nutrito esercito di chi ama Babbo Natale e vuole trascorrere del tempo con lui.

Impossibile raccontare la suggestione di un Bosco Incantato, della Casa di Babbo Natale, della Fabbrica dei Giocattoli degli Elfi, o semplicemente passeggiare nel Victorian Village. Sono tutte attrazioni uniche, che bisogna vivere per respirarne quel singolare e particolare clima che solo il Regno di Babbo Natale riesce a creare.

Ecco perché il Regno ha deciso di aprire le porte tutti i giorni: per permettere a chiunque di intervenire, nel rispetto delle normative anti-Covid19 e del distanziamento sociale. Tutto è stato pensato per un’esperienza sicura e piacevole. Perché si sa, non ci può essere magia senza sicurezza.

L’apertura dunque è prevista il prossimo 18 settembre 2020 alle ore 15.30. Mentre dal 19 settembre 2020 e fino al 17 gennaio, Il Regno seguirà l’orario continuato dalle 9.30 alle 19.30, 7 giorni su 7, sempre con ingresso gratuto. Per tutte le informazioni si può consultare il sito: www.ilregnodibabbonatale.it.

Il Regno di Babbo Natale si trova sulla S.S. Cassia km 62,200 – 01019 Vetralla (VT).

LE 9 ATTRAZIONI DA NON PERDERE:

 

IL BOSCO INCANTATO - Un magico percorso tra sogno e realtà dove fare incontri inaspettati.

 

L’OFFICINA DEGLI ELFETTI - Il famoso Workshop dove gli effetti del Regno producono instancabilmente i regali per i bambini di tutto il mondo.

 

LA CASA DI BABBO NATALE - Dove ogni bambino da 0 a 1.000 anni può: imbucare la letterina, visitare le stanze della casa ed incontrare Babbo Natale.

 

IL TUNNEL GLACIALE - Pinguini, Orsi Polari, Renne, tantissima neve e una cascata di gelida acqua che scorre nel ghiaccio. L’unico freddo che riscalda il cuore.

 

LE STANZE DEL REGNO - Il percorso continua all’interno dello storico Shop del Regno di Babbo Natale attraversando L’Oasi dei Presepi, Il Salone delle Luci, La Valle dei Villaggi in Miniatura, L’impero degli Schiaccianoci e la Galleria Principale, dove in tutto questo si possono trovare oggetti e decorazioni provenienti da tutto il Mondo.

 

IL VICTORIAN VILLAGE - Un Villaggio in stile Vittoriano dove si può fare una sosta alla Tavola Calda, degustare prodotti tipici, bere cioccolata calda, mangiare caramelle, frutta secca e personalizzare decorazioni di Natale.

 

LA PISTA DI PATTINAGGIO SUL “GHIACCIO” - 160 Mq di puro, ecologico e sicuro divertimento!

 

UN GIRO IN SLITTA - Dove fare un viaggio virtuale in volo con Babbo Natale.

 

INCONTRI SPECIALI - Ci sono incontri che puoi fare solo qui, al Regno di Babbo Natale, li puoi trovare ovunque…Puoi ballare con Rudy la Renna o Scherzare con Steve il Candy Cane, abbracciare il 100% Elfetto e tutto questo in totale sicurezza grazie a Henry lo Schiaccianoci, la guardia del Regno.

 

 

IL REGNO DI BABBO NATALE | Vetralla |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scatenati con i costumi da babbo natale


A Castelfiorentino arriva Babbo Natale con tre weekend di eventi


eBay ti invita a La Casa di Babbo Natale


VILLAGGIO DI NATALE A BUSSOLENGO


Weekend 30 maggio - 2 giugno 2020: riaprono rocche, fortezze e giardini del circuito Castelli del Ducato


Per non farsi sfuggire le occasioni migliori è questo il momento di prenotare una vacanza targata CDSHotels


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scuola: arriva PoK, supporto digitale per una didattica di qualità

Scuola: arriva PoK, supporto digitale per una didattica di qualità
Programmi di studio completi per 13 materie, elaborati da docenti ed esperti provenienti da Scuola Normale Superiore di Pisa, University of Cambridge, University of Oxford, University of the Arts London, Centro Sperimentale di Animazione. Roma, 22 settembre – Rigore scientifico, chiarezza del linguaggio, design moderno. Oltre mille video lezioni, corredate di testi, quiz interattivi e mappe concettuali per la didattica a distanza. Programmi di studio completi e aderenti alle indicazioni nazionali del Ministero dell’Istruzione, elaborati per 13 materie e redatti da docenti ed esperti provenienti dalle migliori università del mo (continua)

MARCO MADDALONI CHARITY PER IL CARDARELLI DI NAPOLI

MARCO MADDALONI CHARITY PER IL CARDARELLI DI NAPOLI
Il cuore della famiglia Maddaloni torna a occuparsi di temi solidali. E’ previsto per giovedì 24 settembre, a Villa Domini ai Colli Aminei di Napoli, la prima edizione del "Marco Maddaloni Charity", evento di beneficenza che promuove una raccolta fondi da destinare al reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Cardarelli. Il ricavato servirà per l’acquisto di un’incubatrice di ultima generazione. E il campione sportivo spiega proprio il perché di questa scelta: “Questo progetto nasce dopo l’esperienza vissuta con mia figlia Giselle Marie Maddaloni. Un’esperienza che mi ha permesso di comprendere meglio la realtà delle terapie intensive legate ai neonati. Ecco perché ho voluto ideare questa prima edizione del mio ch (continua)

UN CAMBIO LOOK IN BLU PER MARINA CASTELNUOVO

UN CAMBIO LOOK IN BLU PER MARINA CASTELNUOVO
Marina Castelnuovo, attrice, conduttrice, scrittrice, imprenditrice e celebre sosia ufficiale di Liz Taylor conosciuta a livello internazionale, ha deciso di cambiare “look” in occasione della celebrazione dei suoi 30 anni di carriera artistica. Ed è grazie al sapiente ed abile obiettivo del fotografo Max Salvioni, alle straordinarie e magiche mani della hair stylist e make up artist Daniela Graniero e alla grande professionalità della consulente di immagine Cristina Lobascio, che si è potuto realizzare questo insolito ed artistico shooting fotografico. Un cambio look che le ha dato nuova linfa, nuova vitalità e scelto propr (continua)

Successo per l'Occhio dell' Arte a Venezia con Lisa Bernardini

Successo per l'Occhio dell' Arte a Venezia con Lisa Bernardini
Ennesima prova superata per la nota Associazione Occhio dell' Arte APS e la sua Presidente, la giornalista ed organizzatrice di eventi Lisa Bernardini. Ha riscosso infatti grande successo a Venezia, lo scorso 11 settembre, presso la Sala della Musica del CA' SAGREDO HOTEL *****L, l'appuntamento culturale dal titolo "Lo chiamavano Trinità" - Racconti da una magia (1970/2020), in occasione dei 50 anni dall'uscita dal film. L' Organizzazione si è svolta sotto l’egida morale della  (continua)

"Lo chiamavano Trinità" a Venezia


Appuntamento a Venezia il prossimo 11 Settembre, alle ore 19.00, per ricordare i 50 anni del cult movie “Lo chiamavano Trinità", che proprio in questo 2020 festeggia il traguardo del mezzo secolo di vita. L’organizzazione, sotto l’egida morale della Città di Venezia, in collaborazione con l’Associazione Veneziana Albergatori e l’Associazione culturale Occhio dell’Arte APS, è in concomitanza con la Mostra del Cinema di quest’anno,  e l’evento culturale prodotto ha come titolo “Lo chiamavano Trinità” – Racconti da una magia  (1970/2020). Grazie all’accoglienza nello storico e  (continua)