Home > News > POGGIO TORSELLI: IL NUOVO CORSO CUSTODE DI UNA STORIA SECOLARE

POGGIO TORSELLI: IL NUOVO CORSO CUSTODE DI UNA STORIA SECOLARE

scritto da: Studiocru | segnala un abuso

 POGGIO TORSELLI: IL NUOVO CORSO CUSTODE DI UNA STORIA SECOLARE

La produzione della tenuta si declina in tre IGT e tre Chianti Classico DOCG. Vini a minimo intervento umano che raccontano un approccio olistico alla vite


Poggio Torselli inaugura un nuovo corso enologico nel Chianti Classico, adottando un’agricoltura sostenibile e rispettosa degli equilibri del territorio e delle persone che lo abitano. Testimone del cambiamento è l’annata 2017, la prima realizzata sotto la guida dell’enologo Eduardo Colapinto.

La storia della tenuta quattrocentesca si arricchisce nei secoli: si susseguono diverse famiglie della nobiltà toscana, tra cui i Machiavelli, gli Strozzi e gli Antinori, ed è ristoro di personaggi illustri quali Papa Pio VII e lo Zar di Russia Paolo I. 

Dal 1999 Poggio Torselli è proprietà della famiglia Zamparini. Da sempre appassionati di agricoltura, Laura Giordani e il marito Maurizio scorgono il grande potenziale del luogo, sebbene al momento dell’acquisto la Villa, il giardino, il parco, gli uliveti e le vigne riversino in uno stato di abbandono. Dal 1999 al 2002 vengono realizzati imponenti lavori di restauro conservativo, in particolare del giardino all’italiana

I lavori di rifacimento dei vigneti e i reimpianti si protraggono fino al 2005. Tra il 2003 e il 2004 viene edificata la cantina, dove nel 2003 si vinifica la prima vendemmia. Nei primi anni il vino è un side business della Tenuta, un prodotto tipico e artigianale del luogo da proporre ai turisti in visita al Poggio. La vera svolta enologica avviene nel 2017 quando fa il suo ingresso in Cantina l’enologo Eduardo Colapinto.

Laureato alla facoltà di agraria di Udine, nel 2011 Eduardo fa le valigie e parte per un “Erasmus nel mondo”, tra Argentina, Nuova Zelanda e, rientrato in Italia, un periodo a fianco di Jŏsko Gravner a Oslavia. L’incontro nel 2016 con gli Zamparini rivela una grande sintonia professionale e fa emergere un comune obiettivo: dare vita a prodotti esclusivi e in quantità limitata da presentare alla clientela secondo uno stile unico, curato nei minimi dettagli. Ciò traspare nel meticoloso lavoro in cantina, mirato a ottenere vini a minimo intervento umano e di alta qualità, impostando le attività come un affiancamento al lavoro che la natura di per sé compie ogni stagione, al fine di raggiungere e mantenere il suo equilibrio. 


Da qui la scelta di utilizzare tecniche di agricoltura biologica e biodinamica combinate a un approccio olistico alla vite, che non è vista come una pianta slegata dal contesto ma come membro di un più ampio organismo vivente. L’identità del frutto è rispettata senza alcuna aggiunta, a eccezione di una minima quantità di solfiti. Per quanto riguarda il processo fermentativo, questo avviene esclusivamente grazie a lieviti indigeni. Il vino, inoltre, sosta per lungo tempo sulle fecce, così da aumentarne la morbidezza e la complessità. La permanenza prolungata svolge una funzione protettiva del vino, permettendo di ridurre ulteriormente l’uso di solforosa. Anche l’uso del legno è poco invasivo, prediligendo botti grandi o barrique usate per far emergere il carattere originario del vitigno.La tenuta di Poggio Torselli conta 24 ettari vitati, la maggior parte coltivati a Sangiovese e una piccola parte a uve bianche, divisa tra chardonnay, sauvignon e traminer aromatico. L’annata 2019 ha prodotto un totale di circa 50.000 bottiglie, divise in tre IGT ToscanaBizzarria bianco, rosso e rosato – e tre Chianti Classico DOCG: il Classico, la Riserva e la Gran Selezione, rispettivamente affinati per 12, 24 e 30 mesi come previsto da disciplinare.

Ufficio Stampa:

Giulia Tirapelle
Anna Sperotto

poggio torselli | zamparini | eduardo colapinto | chianti classico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nazario D’Amato presenta il romanzo “Chiamami Fernanda – Una storia procidana”


CORSO LA FIGURA DEL CUSTODE GIUDIZIARIO E DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ALLA VENDITA ESECUTIVA IMMOBILIARE


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”


Chianti Star Festival: arte, scienza e auto storiche


Il concorso di eleganza di auto storiche "Strade Bianche, Vino Rosso" al Chianti Star Festival


LA BREVE STORIA DI FOLLONICA SCRITTA DA LUCA TOGNACCINI, SECONDO ANGELO PULPITO E FABRIZIO BIONDI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

FRATTA DI MACULAN: UNA BOTTIGLIA SPECIALE CELEBRA LE QUARANTA CANDELINE DEL SIGNORE DEI BORDOLESI

FRATTA DI MACULAN: UNA BOTTIGLIA SPECIALE CELEBRA LE QUARANTA CANDELINE DEL SIGNORE DEI BORDOLESI
L’annata 2017 rende omaggio al vino rivoluzionario realizzato da Fausto Maculan nel 1977. Riproposta la stessa bottiglia, tiratura ed etichetta in edizione limitata Fratta, il taglio bordolese emblema di Maculan in Italia e nel mondo, compie quarant’anni e l’azienda lo celebra con una bottiglia speciale. La prima annata risale al 1977, figlia dello studio e dell’estro dell’allora giovane enologo Fausto Maculan, deciso a realizzare un ambizioso progetto: creare un grande rosso in grado di competere e proporre una nuova voce nel panorama delle eccelle (continua)

CANTINA TRAMIN: NUSSBAUMER SI AGGIUDICA IL TRE BICCHIERI PER IL VENTESIMO ANNO CONSECUTIVO

CANTINA TRAMIN: NUSSBAUMER SI AGGIUDICA IL TRE BICCHIERI PER IL VENTESIMO ANNO CONSECUTIVO
Il Gewürztraminer più premiato nella storia della guida del Gambero Rosso. Una confezione speciale con vecchie annate celebrerà il traguardo Nussbaumer Gewürztraminer 2018 si aggiudica il ventesimo Tre Bicchieri consecutivo a partire dall'annata 1999. Il 18 ottobre a Roma sarà consegnato il riconoscimento durante la serata di degustazione delle etichette premiate dalla guida Vini d'Italia 2021 del Gambero Rosso. Il risultato sarà celebrato con una confezione in Edizione Speciale realizzata in soli cinquecento esemplari. Ogni cassetta c (continua)

CANTINA COLLI EUGANEI: I VINI DI VO’ VINCONO IL TRAVEL FOOD AWARD 2020

CANTINA COLLI EUGANEI: I VINI DI VO’ VINCONO IL TRAVEL FOOD AWARD 2020
Grazie ai due vini solidali, la cantina di Vo’ sostiene il suo Comune e si aggiudica il primo premio come Miglior Rilancio di destinazione enogastronomica al GIST Travel Food Award 2020 di Rimini  I vini solidali a marchio Vo’ di Cantina Colli Euganei sono il miglior progetto italiano per il rilancio del territorio e dell’enogastronomia. Il progetto dell’azienda, che per ogni bottiglia venduta consegna 10 centesimi al Comune di Vo’, ha conquistato il primo premio al GIST Travel Food Award 2020 come Miglior Rilancio di destinazione enogastronomica, consegnato in occasione della 57a edi (continua)

DOC COLLI BERICI E VICENZA: UN 2020 RICCO DI SUCCESSI

DOC COLLI BERICI E VICENZA: UN 2020 RICCO DI SUCCESSI
Ottimi riconoscimenti per i vini del Consorzio Colli Berici e Vicenza dalle guide Gambero Rosso, Slow Wine e Luca Maroni, al concorso Grenaches du Monde e su Decanter I vini del Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza si fanno strada tra i più apprezzati a livello nazionale e internazionale. Le due DOC vicentine possono infatti vantare quest’anno riconoscimenti a sette cantine del territorio, celebrate in Italia dalle guide vini Gambero Rosso, Slow Wine e Luca Maroni e all’estero dalla prestigiosa rivista inglese Decanter, oltre al concorso Gr (continua)

MERCATO DEI VINI FIVI: RINVIATO AL 2021 L’EVENTO DI PIACENZA, APPUNTAMENTO NELLE CANTINE

MERCATO DEI VINI FIVI: RINVIATO AL 2021 L’EVENTO DI PIACENZA, APPUNTAMENTO NELLE CANTINE
La decisione presa dopo l’aggravarsi della situazione di emergenza Covid. Il 29 novembre Una domenica dal Vignaiolo nelle cantine e tre Mercoledì da Vignaioli nei Punti di Affezione La decima edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti a Piacenza è stata rimandata al 2021 a causa dell’aggravarsi della situazione emergenziale legata al Covid-19. La decisione della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti è stata presa, in accordo con Piacenza Expo, considerando l’attuale aumento dei contagi e il periodo in cui si sarebbe svolto il Mercato.Do (continua)