Home > Spettacoli e TV > Il giovane Alberto Fabbretti stella nascente a New York

Il giovane Alberto Fabbretti stella nascente a New York

scritto da: Redazione spettacolo | segnala un abuso

Il giovane Alberto Fabbretti stella nascente a New York

Il giovane attore Alberto Fabbretti, classe 1998 e cresciuto a Verona, dal 2018 si è trasferito a New York per riconcorrere il sogno americano e, dopo aver frequentato la scuola di recitazione Susan Batson Studio ha scritto, diretto, prodotto ed interpretato uno short movie dal titolo “36 Hours in New York”.


Il giovane attore Alberto Fabbretti, classe 1998 e cresciuto a Verona, dal 2018 si è trasferito a New York per riconcorrere il sogno americano e, dopo aver frequentato la scuola di recitazione Susan Batson Studio ha scritto, diretto, prodotto ed interpretato uno short movie dal titolo “36 Hours in New York”.

Al suo fianco, nei panni del protagonista Louis, anche: Marité Salatiello (Alexis) e Camila Susin (Julia)

Il film, racconta la storia di due giovani amiche, nonché ex-criminali, che non appena uscite di prigione si ritrovano alle prese con le numerose difficoltà che la società impone loro. Così, per recuperare dei soldi e ricominciare da zero la propria vita, decidono di mettere in atto una rapina in banca, quando improvvisamente conoscono Louis che, anche lui bisognoso di denaro, decide di unirsi alle due giovani.

Una storia dalle tinte noir che è stata accolta con successo in diversi festival internazionali. Attualmente, infatti, è in concorso al NewFilmakers NY, al Chelsea Film Festival di New York, al Direct Monthly Online Film Festival e al Lift-Off Global Session negli Stati Uniti. Inoltre, è finalista al Prague International Monthly Film Festival in Repubblica Ceca e al Kosice International Monthly Film Festival in Slovacchia.

Sono molto felice dell’interesse che il film sta riscuotendo – ha affermato Alberto Fabbretti - il tutto era partito come l’idea di creare uno short movie che vedesse protagonisti tre giovani ragazzi, tutti e tre molto diversi tra loro, ma ognuno con le proprie necessità e sfide personali da affrontare. C’è un vasto intreccio di segreti tra i personaggi che aumentano la suspense e il mistero che avvolge la storia. Sono contento che sia in gara già in cinque festival, e spero vivamente che il film possa avere una lunga vita all’interno dei circuiti festivalieri”.

Inoltre, tra maggio e giugno del 2021, il giovane artista sarà sul palco americano del Susan Batson Studio,  in otto date, con il suo One Man Show dal titolo “Stellan”, da lui scritto ed interpretato. Un progetto, nato nel gennaio del 2019, composto da quattro scene per un totale di 60 minuti che sarà incentrato sugli anni della giovinezza dell’attore svedese Stellan Skarsgard, noto al pubblico come protagonista lo scorso anno della serie tv Chernobyl, andata in onda su HBO in cui vestiva i panni di Boris Evdokimovič Ščerbina.

L’attore, divenuto famoso a livello internazionale nel capolavoro di Lars von Trier del 1996 “Breaking the Waves”, iniziò la sua carriera cinematografica in Svezia con il celebre film erotico “Anita: Swedish Nymphet” (tr. Bocca di velluto) di Torgny Wickman nel 1973. Sarà proprio questo il periodo in cui sarà ambientato lo spettacolo di Fabbretti. Lo show, infatti, sarà incentrato sulla giovinezza del ragazzo, all’età di ventidue ann,i durante la frequentazione della Royal Dramatic Theatre di Stoccolma, e vedrà il giovane Stellan alle prese con il debutto nel mondo cinematografico, le sfide che ha dovuto affrontare lungo il cammino artistico e la complicata relazione con i genitori, in particolare verrà esplorata la figura del padre.

Questo progetto ha richiesto molto tempo – ha spiegato Fabbretti - ogni volta che studio il personaggio con i miei acting coach, Susan Batson e Carl Ford, di settimana in settimana scopro qualcosa di nuovo, riuscendo, così, ad arricchire la scena di dettagli e a perfezionarla sempre di più. Per me è una grande esperienza lavorare su un personaggio come quello di Stellan Skarsgard e portarlo sul palco. Il mio desiderio è di espandere questo progetto il più possibile e portarlo in tournée per tutti gli States”.

 

 

BIOGRAFIA ALBERTO FABBRETTI

Classe 1998. Nato a Latisana, in provincia di Udine me veronese d’adozione, dove vive fino al 2018.

Terminati gli studi liceali, infatti, Alberto Fabbretti inizia ad appassionarsi al mondo dell’arte e dello spettacolo. Studia recitazione presso il Teatro Stabile di Verona, per poi dedicarsi alla conduzione televisiva presso l’Accademia Radiotelevisiva di Roma.

Il 2018 è l’anno della svolta. Decide di trasferirsi a New York per specializzarsi in recitazione nella prestigiosa Susan Batson Studio.

Terminato il percorso di formazione, scrive, dirige, interpreta e produce il cortometraggio “36 Hours in New York”, che attualmente sta girando diversi festival internazionali, riscuotendo consensi di pubblico e critica.

Attualmente, sta lavorando al suo primo one-man show dal titolo “Stellan”, incentrato sulla vita dell’attore svedese Stellan Skarsgard.

Ha lavorato anche come modello alle ultime due edizioni della New York Fashion Week.

https://www.imdb.com/name/nm10696073/

 

Cinema | New York | short Movie |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


I sanitari bagni elementi per impreziosire la propria stanza da bagno


Arriva Inventaria


L. Ron Hubbard Umanitario - premi e riconoscimenti


Movimento Network Marketing


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Torna il Premio Cinema Giovane & Festival delle Opere Prime dal 12 al 14 ottobre

Torna il Premio Cinema Giovane & Festival delle Opere Prime dal 12 al 14 ottobre
Dopo il blocco forzato a causa del Covid-19, la XVI edizione del Premio Cinema Giovane & Festival delle Opere Prime, la manifestazione organizzata dall’associazione culturale Cinecircolo Romano Saranno presenti: GIORGIO TIRABASSI (Il grande salto), CIRO D'EMILIO (vincitore dello scorso anno con il film Un giorno all'improvviso), PHAIM BHUIYAN (Bangla), LEONARDO D'AGOSTINI (Il Campione), MARCO BONFANTI (L'uomo senza gravità), STEFANO CIPRIANI e LORENZO SISTO (Mio fratello rincorre i dinosauri), SIMONE CATANIA& (continua)

Daniele Monterosi torna a "raccontare". Questa volta parla delle Olimpiadi

Daniele Monterosi torna a
Dal 24 luglio al 9 agosto, ritorna il format ideato da DANIELE MONTEROSI “Daniele racconta”, dedicato alle Olimpiadi 2020 Dopo il grande successo riscosso, prima online e poi finalmente live lo scorso mese, l’attore Daniele Monterosi ha deciso di rilanciare il suo riuscitissimo format “Daniele racconta”, e questa volta ha scelto proprio le Olimpiadi – che quest’anno si sarebbero dovute tenere a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto.Proprio negli stessi giorni in cui avremmo dovuto assistere ai tant (continua)

66° Puccini Festival La COMPAGNIA NAZIONALE DI DANZA STORICA incontra LA GRANDE OPERA

66° Puccini Festival La COMPAGNIA NAZIONALE DI DANZA STORICA incontra LA GRANDE OPERA
La Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca torna a Viareggio al 66° Festival Puccini La Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca non si è mai fermata, anche durante il lockdown è riuscita a restare un punto di riferimento per chi ama la danza ed in generale la cultura proponendo gratuitamente on line corsi di danza classica e ballo, lezioni di Storia della Danza e Storia della Moda, premi letterari e di  pittura, con un'enorme par (continua)

Domani in onda l'attesa 2^ puntata di Fantasmagoria firmata da Byron Rink

Domani in onda l'attesa 2^ puntata di Fantasmagoria firmata da Byron Rink
Con l’amichevole partecipazione di Tom Savini, la collaborazione di Luigi Cozzi e la concessione delle musiche per l’ultimo episodio di Pino Donaggio Il 2 luglio esce il secondo episodio di “Fantasmagoria: fantasmi nella rete”, la web serie ideata e creata dal cantante indie-rock Byron Rink durante il periodo del lockdown, con l’amichevole partecipazione di Tom Savini (Creepshow, George A. Romero, 1982; Django Unchained, Quentin Tarantino, 2013), la collaborazione del regista del fanta-horror Luigi C (continua)

Arriva la No Co Dance, per ballare e divertirsi in famiglia anche in quarantena

Arriva la No Co Dance, per ballare e divertirsi in famiglia anche in quarantena
 Trasformare la quarantena e l’incubo di questo Covid-19 che sta stravolgendo la vita di tutto il mondo in un’opportunità. È quello che ha deciso di fare la BigM Kids Songs, neonata realtà formata da professionisti del mondo dell’audiovisivo, che si sono ispirati ai loro figli e  ai loro nipotini, e a loro hanno voluto regalare la&nb (continua)