Home > Cultura > I negozi di Lucca contro la droga

I negozi di Lucca contro la droga

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I negozi di Lucca contro la droga

I volontari di “Un Mondo Libero dalla Droga” hanno trovato dei validi alleati nei negozianti del centro di Lucca, che hanno aderito entusiasticamente alla campagna di prevenzione sulla droga.


Lo scorso sabato 19 settembre chi passeggiava per il centro di Lucca avrà probabilmente notato le magliette celesti del gruppo di volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”, mentre facevano dono ai negozianti di espositori contenenti opuscoli per la prevenzione sulla droga. Piazza dell’Anfiteatro, Via Fillungo, Piazza San Michele, Piazza Napoleone, sono state il teatro dell’iniziativa dei volontari che hanno trovato nei commercianti lucchesi degli alleati, o addirittura degli ambasciatori della loro campagna di informazione e prevenzione. Gli espositori saranno a disposizione dei clienti che potranno apprendere e diffondere a loro volta le corrette informazioni sugli effetti delle sostanze stupefacenti.

I volontari di “Un Mondo Libero dalla Droga” dedicano il loro tempo libero a questa campagna perché sanno che questi opuscoli sono in grado di salvare, letteralmente, molte vite: un giovane correttamente informato difficilmente cadrà vittima della propaganda e delle false o tendenziose informazioni diffuse da “amici” che la sanno lunga, dagli spacciatori e a volte, purtroppo, anche da TV e internet.

Gli opuscoli contenuti negli espositori illustrano le caratteristiche e gli effetti delle droghe più diffuse: marijuana, eroina, cocaina, ecstasy e naturalmente anche psicofarmaci e antidolorifici, il cui abuso è sempre più diffuso.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà con consapevolezza di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Lucca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Arriva il festival Lucca Città di Carta


Vacanzelucca.it, consigli per un turismo di qualità in Lucca e Garfagnana


Nasce il festival Lucca Città di Carta


Terme Bagni di Lucca a Thermalia presenta la novità 2011: la Vip-SPA Suite.


Rafting, Quad e Relax: ecco nuovi modi di fare Team Building


Visitare la città di Lucca: vacanze per tutte le tasche


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il traffico di droga in Adriatico

Il traffico di droga in Adriatico
Dall’Albania all’Italia la droga viaggia in deltaplano, acquascooter e, di notte, persino con barchini senza pilota. Il Canale di Otranto sembra essere una delle principali rotte internazionali del traffico di droga. La geografia lo rende strategico: può essere attraversato in poche ore e collega un piccolo paese produttore (l’Albania) a un grande paese consumatore (L’Italia). Successivamente, dal nostro paese non è difficile smistarla in tutta Europa grazie agli scarsi controlli alle frontiere. Tutte l (continua)

Le droghe hanno distrutto le emozioni, e la vita, di Kurt Cobain

Le droghe hanno distrutto le emozioni, e la vita, di Kurt Cobain
Kurt Cobain, leader dei Nirvana, è stato un musicista che ha segnato la storia del rock la cui carriera è stata bruciata in brevissimo tempo a causa dell’abuso di stupefacenti. A Firenze si è appena chiusa una bellissima mostra dal titolo “Come as you are: Kurt Cobain and the Grunge Revolution”. Nelle stanze del Palazzo Medici Riccardi erano esposte molte foto, alcune molto belle, che ritraevano Kurt Cobain e i Nirvana nel loro periodo d’oro, i primi anni ’90. Il successo mondiale dei Nirvana fu bruscamente interrotto dalla tragica morte di Cobain, suicida. È imp (continua)

L’Olanda è uno dei maggiori produttori mondiali di droga

L’Olanda è uno dei maggiori produttori mondiali di droga
I Paesi Bassi detengono in Europa la leadership assoluta della produzione di sostanze stupefacenti. Quando si pensa alla produzione illegale di droga vengono in mente luoghi come la Colombia, il Messico, l’Afghanistan e altre nazioni molto lontane dove si coltiva illegalmente in luoghi sperduti e fuori dal controllo delle forze dell’ordine. Si è parlato persino di “narcostati”, sia a causa dell’enorme giro d’affari, sia per la connivenza di alcuni governi. In realtà uno dei maggiori produ (continua)

L’irresponsabilità delle madri tossicodipendenti

L’irresponsabilità delle madri tossicodipendenti
Alcune madri, schiave della droga, non smettono di assumere sostanze tossiche durante la gravidanza. Questo causa ai neonati non solo crisi di astinenza, ma anche pesanti conseguenze future. Spesso si biasimano le madri che fumano o bevono in gravidanza per le possibili conseguenze sullo sviluppo del feto. Esistono in realtà situazioni persino più gravi, nelle quali la madre tossicodipendente non è in grado di trattenersi dall’assumere le sostanze di cui è schiava. La droga, come è ovvio, viene assorbita dal feto durante i mesi trascorsi nel grembo materno. La prima conseguenz (continua)

I Ministri Volontari di Scientology operano in Colombia per aiutare i profughi venezuelani

I Ministri Volontari di Scientology operano in Colombia per aiutare i profughi venezuelani
In Colombia ma al confine con il Venezuela, i Ministri Volontari di Scientology stanno collaborando con chiese, agenzie di soccorso e altre organizzazioni non profit per aiutare i rifugiati dal Venezuela. La crisi sociale, economica e politica del Venezuela ha creato un disastro umanitario. Secondo il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati americani Luis Almagro, i venezuelani costituiscono "la seconda più grande popolazione di rifugiati al mondo, seconda solo alla Siria, che è in guerra da 7 anni". La crisi ha provocato un esodo impressionante: 4 milioni di persone - oltre il 12% dell (continua)