Home > Eventi e Fiere > La sanità italiana riunita: “Vaccinarsi è sicuro e mai come oggi, anti-influenzale e anti-pneumococco possono salvare tante vite umane!”

La sanità italiana riunita: “Vaccinarsi è sicuro e mai come oggi, anti-influenzale e anti-pneumococco possono salvare tante vite umane!”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Mercoledì 23 settembre 2020 – In epoca COVID-19, la vaccinazione anti-influenzale e quella anti-pneumococcica è importante che raggiunga alti livelli di copertura, in quanto, la prima, supporta il medico nella diagnosi differenziale tra influenza e COVID-19 evitando, soprattutto nelle persone ultra 60enni o con patologie croniche, una possibile confusione tra le due, la seconda evita una sovrapposizione da pneumococco in caso di infezione COVID-19. Per tracciare una linea comune su tutto il territorio nazionale, attività che implica non solo una programmazione negli acquisti delle dosi ma anche un accordo forte con la medicina generale e con le farmacie, OFFICINA di MOTORE SANITA’ ha organizzato il Webinar ‘FOCUS PREVENZIONE E VACCINI’, realizzato grazie al contributo incondizionato di PFIZER e che ha visto la partecipazione dei maggiori esperti italiani nel settore.


“Il primo banco di prova per la ripresa delle attività vaccinali sarà costituito dalla campagna per il vaccino antinfluenzale 2020-21. La Circolare ministeriale sulla prevenzione e il controllo dell’influenza quest’anno è stata emanata con anticipo, già nel mese di giugno. Poiché è probabile che influenza e COVID-19 circoleranno assieme questo inverno, occorrerà non soltanto difendere i soggetti più vulnerabili, ma anche procedere assai più precocemente e capillarmente con la vaccinazione di bambini e adolescenti, tradizionalmente grandi diffusori dei virus influenzali. In quest’ottica, quest’anno il Ministero ha ampliato la finestra temporale della campagna ad inizio ottobre, estendendo l’offerta gratuita del vaccino a tutti i soggetti di età compresa tra 60 e 64 anni (oltre agli over65), ed aggiungendo raccomandazioni anche per i bambini dai 6 mesi a 6 anni e per gli operatori sanitari. Nonostante nell’altro emisfero l’influenza ha avuto un’incidenza molto bassa bisogna fare uno sforzo per tenere la guardia alta”, ha spiegato Carlo Signorelli, professor of Hygiene, Director School of Public Health, University San Raffaele, Milan 

“Nella società attuale i costi sanitari incidono in modo importante sulle risorse economiche di una nazione e tali costi spesso sono dovuti alle cure e alla prosecuzione delle cure di cittadini affetti da patologie di cui sono responsabili l’ambiente, gli stili di vita, il patrimonio genetico ed altri fattori su cui non sempre si può intervenire. Nell’ambito delle malattie infettive un capitolo fondamentale è la prevenzione che ne evita la loro comparsa, possibile per alcune di esse con la vaccinazione. La prevenzione vaccinale mai come nel momento attuale di pandemia da covid-19 è diventata un caposaldo di benessere, tant’è che stiamo aspettando con grandi aspettative e nel minor tempo possibile il vaccino contro il coronavirus. Non dobbiamo dimenticarci, e spesso lo si è fatto o discusso, il ruolo della prevenzione vaccinale nelle altre patologie prevenibili con vaccino e a disposizione abbiamo un Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale che nella sua ultima versione (2017-2019) pone il nostro paese all’avanguardia nel mondo. Da più parti e per più tempo si ricorda come i vaccini siano secondi solo alla potabilizzazione delle acque in termini di riduzione della mortalità umana, e considerati il più efficace degli interventi in campo medico mai scoperti dall’uomo, giacché offrono una protezione individuale verso la malattia infettiva con diminuzione di morbilità e mortalità, intervengono nella protezione della collettività con la immunità di gregge che permette la riduzione della circolazione dei microrganismi patogeni e incidono sulle risorse economiche della comunità garantendo risparmi potenziali sui costi sociali della malattia infettiva. La cultura della vaccinazione e l’offerta di essa al cittadino in modo puntuale e ben organizzato fanno della prevenzione vaccinale un investimento certo nella società civile”, ha detto Fulvio Bonetti, MMG ATS Monza Brianza già Componente Tavolo Vaccini Regione Lombardia 

“In corso di pandemia, la prevenzione vaccinale di tipo attivo risulta essere di maggior importanza e le campagne vaccinali regionali devono essere programmate per tempo sia in termini di acquisto di dosi, sia in termini di distribuzione che di accordi con i medici di medicina generale che, grazie alla relazione stretta che hanno con i propri assistiti, possono essere forti promotori della campagna vaccinale ed aumentare le coperture vaccinali stesse sia per il vaccino antiinfluenzale che per quello anti pneumococco. Questo è di fondamentale importanza sempre, ma soprattutto in corso di una pandemia, quando i sintomi dell’influenza possono essere confusi con l’infezione di COVID-19 o, ancor peggio, l’influenza o la polmonite da pneumococco possono complicare l’infezione di COVID-19 stessa”, ha dichiarato Gabriella Levato, medico di medicina generale di Milano 

Il webinar è andato in onda sul sito internet www.mondosanita.it

Ufficio stampa Mondosanità

comunicazione@mondosanita.it

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693    

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/eventi/focus-prevenzione-e-vaccini-23-settembre-2020/


prevenzione | vaccini | webinar | officina motore sanità | mondosanità |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Vacanze all’estero sì o no? Chi rischia di più 5milioni di 60enni non vaccinati, giovani nel mirino per la variante Delta, una buona parte di italiani (il 35%) che non intende vaccinarsi: “così stiamo andando a schia


La buona inFormazione sulla Sanità Digitale è la migliore Medicina


Per contrastare le varianti del virus Sars-Cov-2 velocizzare il piano vaccinale


Sanità e Cybersecurity – Tavola rotonda in streaming il 16 giugno, ore 10.00


DOPO LA PANDEMIA I MASSIMI ESPERTI DELLA SANITÀ STILANO IL DECALOGO POST COVID19


Sanità 4.0 e Medicina delle 4P: Il risveglio digitale dal sonno analogico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Riforma sanitaria lombarda: dalle Associazioni dei pazienti un appello a migliorarla “Il criterio di una Casa di comunità ogni 50mila abitanti: come può essere implementato nelle valli o nelle zone montuose, dove la p

24 luglio 2021 - La Lombardia vuole rilanciare la sanità territoriale, rivedendo quella che è l’attuale legge 23 del 2015. Qual è il pensiero delle Associazioni di pazienti? 24 luglio 2021 - La Lombardia vuole rilanciare la sanità territoriale, rivedendo quella che è l’attuale legge 23 del 2015. Qual è il pensiero delle Associazioni di pazienti? Motore Sanità lo ha domandato ai diretti interessati, nel corso del webinar “LA NUOVA RIFORMA SANITARIA LOMBARDA”, con l’obiettivo di raccogliere idee e proposte migliorative. Questa occasione ha volut (continua)

Riforma della legge 23: la Lombardia rilancia la sanità territoriale con un Piano che vale 5 volte il Piano Marshall “Una bozza di riforma, su cui c’è ancora da lavorare”

24 luglio 2021 - Il 22 luglio la Vicepresidente Moratti e il Presidente Fontana hanno presentato i primi passi della revisione della nuova riforma sanitaria in Regione Lombardia. 24 luglio 2021 - Il 22 luglio la Vicepresidente Moratti e il Presidente Fontana hanno presentato i primi passi della revisione della nuova riforma sanitaria in Regione Lombardia. Quali sono i punti focali e su cosa bisogna invece ancora lavorare, per migliorare la legge 23? Questi i punti di discussione affrontati durante il webinar “LA NUOVA RIFORMA SANITARIA LOMBARDA” organizzata (continua)

Oncologia: nello scenario della malattia oligometastatica, l’obiettivo è la guarigione “Oggi esistono molti esempi, come tumori del polmone con metastasi cerebrali che guariscono”.

23 luglio 2021 - In Italia ogni anno circa 270mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. 23 luglio 2021 - In Italia ogni anno circa 270mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.Da qui la proposta di Paolo Pronzato, Direttore Oncologia Medica IRCCS San Martino, Genova e Coordinatore DIAR Oncoematologia Regione (continua)

ONCOnnection “Potenziare la figura del case manager come interfaccia tra il paziente e i membri del team multidisciplinare per garantire il corretto funzionamento del percorso di cura”

22 luglio 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi, fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’altra riesce a vivere per un bel po' di tempo. 22 luglio 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi, fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’altra riesce a vivere per un bel po' di tempo. Per affrontare però i problemi esistenti, è imprescindibile sia attivare reti oncologiche regionali per rendere omogeneo l’accesso alle cure ai pazienti su tutto il territorio nazionale sia accelerare l’uso della (continua)

Women for Oncology Italy al fianco delle donne per abbattere i muri delle differenze di genere

22 luglio 2021 - Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma il “W20 Rome Summit”. Per tre giorni i diritti delle donne sono stati al centro del dibattito politico. Noi di Women for Oncology Italy, che da anni portiamo avanti la nostra battaglia contro il gender gap, plaudendo all’iniziativa, chiediamo che ora i riflettori non si spengano sulle tematiche che sono state trattate. 22 luglio 2021 - Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma il “W20 Rome Summit”. Per tre giorni i diritti delle donne sono stati al centro del dibattito politico. Noi di Women for Oncology Italy, che da anni portiamo avanti la nostra battaglia contro il gender gap, plaudendo all’iniziativa, chiediamo che ora i riflettori non si spengano sulle tematiche che sono state trattate.Abbiamo apprezzato mo (continua)