Home > Cultura > Droga e incidenti stradali

Droga e incidenti stradali

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Droga e incidenti stradali

Sono numerosi gli studi che testimoniano la stretta connessione tra assunzione di stupefacenti e incidenti stradali, ecco alcuni dati specifici.


Non è difficile comprendere che guidare sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, incluso l’alcool e gli psicofarmaci ovviamente, incrementa di molto la probabilità di causare un incidente stradale. Ecco alcuni studi che mostrano numeri molto interessanti per capire l’entità del fenomeno.

Studio francese (Marquet e altri): su 296 conducenti coinvolti in incidenti stradali il 14% era positivo alla cannabis, 10% oppiacei, 1% cocaina, 1.5% amfetamina.

Studio spagnolo (Del Rio e Alvarez): su 285 incidenti mortali il conducente era positivo all’alcool nel 50% dei casi, nel 10% ad altre sostanze stupefacenti.

Studio Inglese (Carrigan e altri): su 93 incidenti gravi il 27% positivo all’alcool, 13% cannabis, 6% morfina, 6% amfetamina, 6% psicofarmaci, 3% cocaina, 1% metadone.

Risulta chiarissimo che, dopo l’alcool, la cannabis sia la principale responsabile degli incidenti stradali dovuti a sostanze stupefacenti. Il dato non è sorprendente visto che la cannabis è la droga più diffusa in assoluto.

Ma ci sono anche altri motivi: la cannabis (marijuana e hashish) influisce sulla percezione del tempo: chi si droga con queste sostanze ha l’impressione che il tempo scorra più lento, ha l’impressione di avere più tempo a disposizione di quello che non è in realtà. Si tratta di una forma di allucinazione causata dal THC, la sostanza stupefacente contenuta nella cannabis. Il risultato sono tempi di reazione dilatati e indifferenza a determinati stimoli visivi e sonori. Ecco che si spiega molto semplicemente l’aumento degli incidenti stradali.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale, attiva anche in Africa, che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

 “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | incidenti stradali | alcool | cannabis | marijuana | hashish |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dati statistici sugli incidenti stradali, dove avvengono, in quale periodo dell'anno, chi sono i soggetti più colpiti


Colpi di sonno sulle strade: ogni anno 17.360 incidenti stradali in Italia sono provocati da autisti affetti da OSAS


Gli incidenti mancati e la gestione della sicurezza nelle aziende


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


L’insonnia raddoppia il rischio di incidenti stradali.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I Ministri Volontari di Scientology operano in Colombia per aiutare i profughi venezuelani

I Ministri Volontari di Scientology operano in Colombia per aiutare i profughi venezuelani
In Colombia ma al confine con il Venezuela, i Ministri Volontari di Scientology stanno collaborando con chiese, agenzie di soccorso e altre organizzazioni non profit per aiutare i rifugiati dal Venezuela. La crisi sociale, economica e politica del Venezuela ha creato un disastro umanitario. Secondo il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati americani Luis Almagro, i venezuelani costituiscono "la seconda più grande popolazione di rifugiati al mondo, seconda solo alla Siria, che è in guerra da 7 anni". La crisi ha provocato un esodo impressionante: 4 milioni di persone - oltre il 12% dell (continua)

La Via della Felicità si unisce a MAD DADS per rendere migliore la città di Minneapolis

La Via della Felicità si unisce a MAD DADS per rendere migliore la città di Minneapolis
I volontari de La Via della Felicità e di MAD DADS collaborano per ripulire un quartiere di Minneapolis, come attività per la prevenzione della criminalità. Alcuni studi dimostrano che ripulire un quartieri può ridurre la criminalità e la violenza. Questo punto di vista è condiviso da MAD DADS e dai volontari dell’associazione La Via della Felicità. I due gruppi hanno unito le loro forze per la pulizia di un quartiere fragile di Minneapolis. MAD DADS è una coalizione di uomini e genitori afroamericani stufi della violenza delle bande e delle d (continua)

L’associazione “La Via della Felicità” partecipa alla Giornata Mondiale dell’Ambiente

L’associazione “La Via della Felicità” partecipa alla Giornata Mondiale dell’Ambiente
Il codice morale ideato da L. Ron Hubbard, fondatore di Scientology, include nel percorso verso la felicità un precetto che suggerisce la tutela dell’ambiente che ci circonda. In onore della Giornata Mondiale dell'Ambiente indetta dalle Nazioni Unite, le sezioni dell’associazione “La Via della Felicità" hanno organizzato in tutto il mondo eventi e attività per creare una maggiore consapevolezza riguardo alla necessità di proteggere il nostro ambiente. Nel libretto “La Via della Felicità”, L. Ron Hubbard ha voluto includere un precetto che riguarda la protezione d (continua)

A New York, Harlem marcia contro la violenza delle armi

A New York, Harlem marcia contro la violenza delle armi
Il libretto “La Via della Felicità” è stato distribuito ai cittadini di Harlem per diffondere i principi di pace e tolleranza, contro la violenza delle armi da fuoco La sezione newyorkese dell’associazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e per promuovere la pace. Attivisti, religiosi, celebrità e comuni cittadini di Harlem si sono uniti per la marcia “Peace in the Streets”. La Fondazione United in Peace ha organizzato manifestazioni ogni mese con i club di motociclisti a Los Angeles e dintorni fin dal 2012. N (continua)

L'overdose non è solo di eroina

L'overdose non è solo di eroina
Tutte le droghe, se assunte in sufficiente quantità, possono provocare la morte. Si tratta di sostanze tossiche che possono compromettere irrimediabilmente le funzioni vitali. È notizia di questi giorni la tragica morte per overdose di un 26enne riminese, aveva assunto un mix di marijuana e “Shaboo”, una potente metamfetamina simile a quelle della serie TV “Breaking Bad”. Non si tratta della prima morte per Shaboo in Italia, questa droga proveniente dall’oriente (viene prodotta in Cina e nelle Filippine) ha effetti stimolanti di gran lunga più forti della Cocaina, (continua)