Home > Cultura > Droga e incidenti stradali

Droga e incidenti stradali

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Droga e incidenti stradali

Sono numerosi gli studi che testimoniano la stretta connessione tra assunzione di stupefacenti e incidenti stradali, ecco alcuni dati specifici.


Non è difficile comprendere che guidare sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, incluso l’alcool e gli psicofarmaci ovviamente, incrementa di molto la probabilità di causare un incidente stradale. Ecco alcuni studi che mostrano numeri molto interessanti per capire l’entità del fenomeno.

Studio francese (Marquet e altri): su 296 conducenti coinvolti in incidenti stradali il 14% era positivo alla cannabis, 10% oppiacei, 1% cocaina, 1.5% amfetamina.

Studio spagnolo (Del Rio e Alvarez): su 285 incidenti mortali il conducente era positivo all’alcool nel 50% dei casi, nel 10% ad altre sostanze stupefacenti.

Studio Inglese (Carrigan e altri): su 93 incidenti gravi il 27% positivo all’alcool, 13% cannabis, 6% morfina, 6% amfetamina, 6% psicofarmaci, 3% cocaina, 1% metadone.

Risulta chiarissimo che, dopo l’alcool, la cannabis sia la principale responsabile degli incidenti stradali dovuti a sostanze stupefacenti. Il dato non è sorprendente visto che la cannabis è la droga più diffusa in assoluto.

Ma ci sono anche altri motivi: la cannabis (marijuana e hashish) influisce sulla percezione del tempo: chi si droga con queste sostanze ha l’impressione che il tempo scorra più lento, ha l’impressione di avere più tempo a disposizione di quello che non è in realtà. Si tratta di una forma di allucinazione causata dal THC, la sostanza stupefacente contenuta nella cannabis. Il risultato sono tempi di reazione dilatati e indifferenza a determinati stimoli visivi e sonori. Ecco che si spiega molto semplicemente l’aumento degli incidenti stradali.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale, attiva anche in Africa, che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

 “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | incidenti stradali | alcool | cannabis | marijuana | hashish |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dati statistici sugli incidenti stradali, dove avvengono, in quale periodo dell'anno, chi sono i soggetti più colpiti


Gli incidenti mancati e la gestione della sicurezza nelle aziende


Colpi di sonno sulle strade: ogni anno 17.360 incidenti stradali in Italia sono provocati da autisti affetti da OSAS


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


L’insonnia raddoppia il rischio di incidenti stradali.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'effetto dell'alcool sul sonno

L'effetto dell'alcool sul sonno
C’è un motivo per cui le persone che bevono molto alcool hanno spesso un aspetto stanco e spossato. Un nuovo studio rivela che chi abusa di alcol potrebbe perdere il sonno a causa del bere, ma per motivi diversi da quelli che si potrebbe pensare. Il rigirarsi di notte potrebbe essere dovuto non solo alla preoccupazione per i problemi della vita creati dall'eccesso di alcol: ci sono prove che l'alcol può avere un effetto biologico diretto sul sonno. In che modo l'alcol influisce sul sonno? (continua)

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti
Non c'è dubbio che la marijuana di oggi sia più potente, questo significa automaticamente che la marijuana è più pericolosa? Sebbene la cannabis sia stata usata in una forma o nell'altra per secoli, la sostanza consumata oggi è molto diversa da quella di un tempo. In effetti, i prodotti a base di cannabis oggi sono incredibilmente più potenti di quanto lo fossero quelli consumati solo pochi decenni fa. Alcuni credono che la maggiore potenza abbia un effetto diretto sull'aumento del rischio nell'utilizzo. Ma è ess (continua)

Scientology e la pandemia 2020

Scientology e la pandemia 2020
In un libro la risposta delle chiese di Scientology al contagio da coronavirus. Rosita Šorytė, autrice di numerosi articoli e capitoli sulla libertà di religione e sulle iniziative umanitarie ispirate da fedi religiose, dedica un libro alle attività degli scientologist per contrastare la diffusione del Covid-19. È raro che gruppi religiosi minoritari sia dato credito per la loro opera umanitaria e alcuni oppositori hanno perfino approfittato della situazione per (continua)

L'effetto delle metanfetamine (Crystal Meth) sul corpo

L'effetto delle metanfetamine (Crystal Meth) sul corpo
La metanfetamina è una droga che provoca danni fisiologici evidenti ed estremamente dannosi. La metanfetamina provoca un danno immediato nel momento in cui si inizia a usarla. Il seguente non è un elenco completo degli effetti collaterali, alcuni di questi effetti possono verificarsi dopo un utilizzo e altri si sviluppano dopo l'uso in corso:• Respirazione rapida• Frequenza cardiaca irregolare• Aumento della pressione sanguigna• Sudorazione• Mal di testa• Visione offuscata• Bocca asciutta (continua)

Il consumo di alcool durante la pandemia

Il consumo di alcool durante la pandemia
Il consumo di alcol a casa è aumentato drasticamente, secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Drug and Alcohol Abuse. La pandemia COVID-19 ha avuto una profonda influenza sulle tendenze dell'abuso di alcol negli Stati Uniti. C'è stato un calo del “binge drinking” (bere smodatamente e ubriacarsi) tra i giovani, a causa del minor numero di studenti che frequentano le università. Ma, nel complesso, c'è stato un aumento del consumo di alcol casalingo in tutte le fasce di età e di ceto sociale. Il consumo di a (continua)