Home > Altro > “Il Foglio”, intervista a Vito Gamberale: il manager come “trofeo di caccia” dei PM

“Il Foglio”, intervista a Vito Gamberale: il manager come “trofeo di caccia” dei PM

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


"I risvolti d'una malattia italiana tra pregiudizio e protagonismo giudiziario": le indagini che coinvolgono i manager tra giustizia ed esposizione mediatica nell'intervista de "Il Foglio" a Vito Gamberale.

Vito gamberale

Vito Gamberale: le indagini sui manager non diventino trofei di caccia grossa per i PM

Parla di "moda del massacro" Vito Gamberale, intervistato lo scorso 11 luglio per "Il Foglio" sul caso Autostrade e le inchieste che coinvolgono i vertici della società. "Che un manager possa essere indagato fa parte del rischio che decide di assumersi" osserva, ma è preoccupante pensare che nell'inchiesta il manager possa rischiare di trasformarsi in "un trofeo di caccia grossa" per i PM. È questa "la moda del massacro", così come la definisce nell'intervista: "La vera difficoltà del manager è resistere alle inchieste giudiziarie che vengono sbandierate, all'avviso di garanzia che corrisponde a un avviso di colpa anziché a un percorso di chiarimento e di difesa". In 50 anni di carriera Vito Gamberale è stato indagato per sette volte, prosciolto in tutti i casi e in uno "sono stato anche 'sequestrato'". È lui a ricordarlo: "Nella mia vita sono stato convocato, interrogato, e giudicato. Ho incontrato pm, gip, gup e giudici giudicanti. Ogni volta che mi è stato chiesto di chiarire, mi sono presentato e non per timore, ma per dovere nei confronti dell'azienda, degli azionisti. È a loro che lo dovevo". Oggi lo chiama "sequestro" ma quello che subì il manager è una "ingiustizia" riconosciuta da anni come tale. Le scuse di quei PM? "Le attendo dopo ventisette anni, ma in realtà mi restituirebbe serenità sapere che il loro unico errore è solo quell'errore".

Vito Gamberale: per gestire una grande società servono uomini adeguati, oggi non vedo scuole per classe dirigente

"Sono il primo a sapere che tanti amministrano in maniera disinvolta, mettendo in pericolo azionisti, risparmiatori con i loro gesti di imprudenza. Ma non si può inseguire o urlare per strada contro la classe dirigente, la casta" precisa Vito Gamberale nell'intervista: "Questo è un Paese che non riesce ad avere sobrietà. Un Paese senza classe dirigente è come un'automobile senza ruote". Secondo il manager quello che dovrebbe fare un buon PM è sì essere ruvido "ma la ruvidezza è un'altra cosa rispetto all'aggressività". Nonostante tutto "ho un'alta opinione dei giudici, ma tendo a fare una distinzione. Ci sono giudici giudicanti che leggono e lavorano in silenzio e giudici che fanno rumore". E sulla situazione di Autostrade Vito Gamberale, senza addentrarsi nella questione, sottolinea come per gestire una grande società servano uomini adeguati: "L'Iri ne ha formati molti. Non vedo scuole di classe dirigente. Si dice "diamola allo stato". Ma manca un progetto. Anche per andare a cenare bisogna scegliere in quale ristorante andare. Forse eravamo boiardi, come ci accusavano per denigrarci, ma avevamo un'idea di come fare funzionare il mondo che, per noi, non era altro che l'azienda".


Fonte notizia: https://www.ilfoglio.it/politica/2020/07/11/news/il-manager-come-trofeo-di-caccia-dei-pm-intervista-a-vito-gamberale-322169/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Revoca Autostrade, Vito Gamberale: “Punire sommariamente i Benetton penalizza gli azionisti”


Strade al grafene: Iterchimica, presieduta da Vito Gamberale, annuncia Gipave


Vito Gamberale: asfalto al grafene per strade più sicure a Milano grazie ad Iterchimica


Iterchimica, presieduta da Vito Gamberale, sperimenta il Gipave sulle strade milanesi


Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”


I risultati professionali conseguiti da Vito Gamberale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pulizia, decoro e sicurezza: proseguono gli incontri di Pietro Vignali nei quartieri di Parma

Pulizia, decoro e sicurezza: proseguono gli incontri di Pietro Vignali nei quartieri di Parma
Parma, Pietro Vignali: “Presidi nelle strade e nelle piazze, eventi culturali diffusi e riqualificazioni restituiranno serenità, quindi pulizia, decoro e rilancio economico” Parma: sicurezza, degrado e rilancio economico. L'ex Sindaco Pietro Vignali partecipa alla costituzione dell'associazione "Rinasce l'Oltretorrente" per promuovere la riqualificazione della città.Pietro Vignali: nuove associazioni per far rinascere i quartieriEx Sindaco di Parma, Pietro Vignali è secondo molti il possibile candidato per il centro destra in vista delle elezioni c (continua)

Trasformazione digitale nella PA: la riflessione di Davide D’Arcangelo su “Formiche”

Trasformazione digitale nella PA: la riflessione di Davide D’Arcangelo su “Formiche”
La Pubblica Amministrazione come acceleratore della crescita in Italia: l’editoriale di Davide D’Arcangelo sul ruolo del Public innovation manager Investor relator e Innovation Manager di grande esperienza, Davide D'Arcangelo è Founder di Next4 e Vicepresidente di Impatta. In un recente intervento su "Formiche" ha esaminato l'importanza del Public innovation manager per la trasformazione della PA.Davide D'Arcangelo: PA acceleratore della crescita, puntare su innovation managementNel processo di trasformazione e transizione digitale (continua)

Riva Acciaio: oltre 60 anni di alta qualità e innovazione

Riva Acciaio: oltre 60 anni di alta qualità e innovazione
Grazie agli investimenti in ricerca e sviluppo e alle numerose certificazioni ottenute, Riva Acciaio garantisce prodotti di alta qualità. L’azienda conta oggi cinque stabilimenti sul territorio nazionale L'attività di Riva Acciaio ha inizio nel 1954: oggi i cinque stabilimenti e gli oltre 1.000 dipendenti generano prodotti siderurgici di alta qualità non solo per il mercato italiano, ma anche per quello europeo.Riva Acciaio: una storia lunga più di 60 anniNata nel 1954 dal grande intuito dei fratelli Emilio e Adriano, Riva Acciaio vanta un'esperienza di oltre 60 anni nel settor (continua)

Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro

Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro
88 milioni di euro è la cifra messa in campo da Gruppo Riva per ripartire al meglio dopo un anno e mezzo di pandemia e il fatturato ritorna su Il primo operatore siderurgico italiano, Gruppo Riva, crede nella ripresa, nella quale ha investito 88 milioni di euro: i numeri del primo trimestre sembrano confermare che sia stata la scelta giusta.Gruppo Riva: un anno e mezzo difficile per tuttiLa pandemia ha messo a dura prova tutti i comparti economici, che hanno subito un brusco arresto. Nei primi mesi del 2021 si è potuto assistere ad (continua)

House to House, l’impegno per il benessere delle persone e per l’ambiente

House to House, l’impegno per il benessere delle persone e per l’ambiente
L’attenzione per le persone e per il Pianeta nei prodotti di House to House: l’azienda punta a garantire standard elevati nella creazione di prodotti che contribuiscano al benessere delle persone Innovazione e sostenibilità a servizio del benessere delle persone: la filosofia di House to House, specializzata in elettrodomestici e prodotti naturali per il bucato.House to House punta al benessere delle persone investendo in innovazione e sostenibilitàInnovare per rinnovare. È la filosofia di House to House, azienda specializzata in elettrodomestici e prodotti naturali per il bucato (continua)