Home > Altro > Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

25 settembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%.


Questo è fondamentale per mantenere sostenibile l’SSN, consentendo da un lato di liberare risorse indispensabili a garantire una sempre maggiore disponibilità di farmaci innovativi, dall’altro, al cittadino di risparmiare di propria tasca all’atto dell’acquisto dei medicinali. Ma l’uso del farmaco equivalente in Italia è ancora basso rispetto ai medicinali di marca, dall’analisi dei consumi per area geografica, nei primi nove mesi 2019 si è visto come il consumo degli equivalenti di classe A sia risultato maggiore al Nord (37,3% unità e 29,1% valori), rispetto al Centro (27,9%; 22,5%) e al Sud Italia (22,4%; 18,1%). Per fare il punto sulla situazione in Italia e sul perché di queste differenze MOTORE SANITÀ, in collaborazione con Mondosanità, ha organizzato il Webinar ‘FARMACI EQUIVALENTI OPPORTUNITÀ CLINICA ED ECONOMICA COME PROPORLI IN MANIERA CORRETTA’, realizzato grazie al contributo incondizionato di TEVA. 

“Le farmacie hanno da subito collaborato con le istituzioni per promuovere i farmaci equivalenti: ogni giorno in farmacia diamo informazioni sulla loro sicurezza ed efficacia ai pazienti, spiegando loro che gli equivalenti sono sicuri e affidabili” ha affermato il presidente di Federfarma Marco Cossolo. “L’impegno delle oltre 19.000 farmacie italiane nella diffusione di una cultura del farmaco equivalente rientra nella loro vocazione di presidi territoriali di prossimità, facilmente accessibili anche nelle aree più interne del paese, in cui il cittadino può entrare con fiducia per ricevere un consiglio professionale e assistenza utile per seguire correttamente le terapie prescritte dal medico”. 

“La prescrizione del farmaco equivalente viene premiata tutte le volte che le Aziende farmaceutiche si presentano al medico offrendo attività ECM e servizi evoluti, sganciandosi dall’aspetto commerciale ed economico che al medico interessa pochissimo. Il vantaggio del farmaco equivalente è soprattutto per il paziente e per il farmacista. I farmacisti devono rinunciare alla politica dello switch, perché i comportamenti dei medici sono una derivata degli atteggiamenti dei cittadini. Il vero problema tra il farmaco equivalente e il brand resta lo switch”, ha detto Claudio Cricelli, Presidente SIMG 

“Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell’utilizzo efficiente della maggior parte dei farmaci. Avendo la tutela complessiva della salute dei pazienti che a lui si affidano, al MMG è anche richiesto di gestire le terapie farmacologiche prescritte da specialisti ambulatoriali e ospedalieri, garantendo la continuità delle cure in un’ottica di condivisione responsabile di obiettivi e di strumenti. L’uso appropriato dei farmaci è anche una delle condizioni essenziali per contenere la spesa farmaceutica (pubblica e privata) entro i limiti della sostenibilità economica della società e del SSN. Le molecole con brevetto scaduto sono farmaci di provata efficacia e sicurezza, spesso leader di mercato nella classe di appartenenza. Sarebbe auspicabile che, dato il consistente utilizzo di queste molecole negli anni della protezione brevettale, il loro impiego continui e si incrementi nel tempo, perché la vita di un farmaco deve proseguire fintanto che non sia superato in termini di efficacia e sicurezza. La scadenza dei brevetti dei farmaci rappresenta certamente un’opportunità per il servizio sanitario nazionale perché sia  i farmaci originali a brevetto scaduto che i generici offrono cure efficaci a bassi costi. L’indiscriminata sostituzione del farmaco prescritto da parte dei farmacisti resta ancora un problema aperto. Se ben governata la genericità di un farmaco determina benefici per il sistema sanitario liberando risorse per i costosi farmaci realmente innovativi”, ha spiegato Roberto Venesia, Segretario FIMMG Piemonte e Coordinatore Area del Farmaco FIMMG 

“È stato un importante confronto che ha dimostrato la necessità che tutti gli stakeholder continuino a parlare del valore del farmaco equivalente.  La sfida è lavorare insieme per avere azioni concrete a livello locale, regionale per aumentare l’utilizzo di farmaci equivalenti”, ha aggiunto Umberto Comberiati, Business Unit Head Teva Pharmaceutical





Ufficio stampa Motore Sanità 
comunicazione@motoresanita.it 
Francesca Romanin - Cell. 328 8257693 
Marco Biondi - Cell. 327 8920962

Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/eventi/farmaci-equivalenti-opportunita-clinica-ed-economica-come-proporli-in-maniera-corretta-25-settembre-2020/


farmaci equivalenti | oraequivalente | motore sanità | mondosanità | webinar |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Farmaco brevetto scaduto: la responsabilità del medico prescrittore


Farmaco generico e farmaco brand: quali sono le differenze?


Differenze tra farmaco generico e farmaco di marca


Generici o di marca? Il rapporto degli italiani coi farmaci


La nuova legge del 2014 sul rimborso del farmaco off label


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

'Oncorete Sharing and innovation system’ - 26 Ottobre 2020 - ORE 15

'Oncorete Sharing and innovation system’ - 26 Ottobre 2020 - ORE 15
Il prossimo lunedì 26 ottobre dalle ore 15 alle 18, si terrà il webinar ‘ONCORETE SHARING AND INNOVATION SYSTEM’, organizzato da MOTORE SANITÀ. Le reti oncologiche regionali rappresentano il modello organizzativo ottimale per implementare, razionalizzare, innovare e completare la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione fisica e psicologica dei pazienti colpiti da tumore. Progressivamente le reti regionali stanno riorganizzandosi verso un modello Hub&Spoke al fine di concentrare le patologie ove lo skill numerico rappresenta un mi (continua)

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN” - Lombardia, 22 Ottobre 2020

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN” - Lombardia, 22 Ottobre 2020
Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno Milano, 22 ottobre 2020 –Migliorarel’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Lombardia, durante il Webinar: “La realtà italiana de (continua)

'Focus La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca post-Covid tra terapie e impatto socio economico’ - Lombardia, 22 Ottobre 2020 - ORE 11

'Focus La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca post-Covid tra terapie e impatto socio economico’ - Lombardia, 22 Ottobre 2020 - ORE 11
Il prossimo giovedì 22 ottobre dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar ‘FOCUS LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA POST-COVID TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei (continua)

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”
19 ottobre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%. Questo è fondamentale per mantenere sostenibile l’SSN, consentendo da un lato di liberare risorse indispensabili a garantire una sempre maggiore disponibilità di farmaci innovativi, dall’altro, al cittadino di risparmiare di propria tasca all’atto dell’acquisto dei medicinali. Ma l’uso del farmaco equivalente in Italia è ancora basso rispetto ai medicinali di marca, dall’analisi dei consumi p (continua)

Esperti si confrontano in Regione Campania: “Necessario un maggior impiego dei farmaci biosimilari”

Esperti si confrontano in Regione Campania: “Necessario un maggior impiego dei farmaci biosimilari”
Napoli, 17 ottobre 2020 - I farmaci biosimilari rappresentano una grande opportunità per la sostenibilità dei sistemi sanitari a livello mondiale. Grazie al loro impiego è possibile trattare un numero maggiore di pazienti garantendo più salute a parità di risorse per ampliare le attuali opportunità terapeutiche con trattamenti più precoci e creare spazio all’innovazione farmacologica. Innovazione che fortunatamente sta producendo nuove possibilità di cura per diverse aree terapeutiche e patologie a prognosi infausta. Per affrontare questi temi, Motore Sanità ha organizzato il Webinar ‘BIOSIMILARI CAMPANIA UN TRENO DA NON PERDERE’, una tavola rotonda virtuale che vede il coinvolgimento dei massimi esperti che possono rappresentare i differenti punti di vista in materia, con l’obiettivo di condividere le buone pratiche messe in campo e definire al meglio i percorsi per sfruttare a pieno le opportunità, per (continua)