Home > Libri > Arte più scienza, uguale HOMO

Arte più scienza, uguale HOMO

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

Arte più scienza, uguale HOMO

L'arte e la scienza sono un binomio imprescindibile, un legame che spesso viene interrogato dall'uomo per capirne la forza e la durata.


Sapevate che Leopardi è stato uno storico dell’astronomia? E che Galileo s’interessava di musica? Storie, aneddoti e riflessioni sul tema della rapporto tra l’arte e la scienza ci vengono raccontato da Pietro Greco, giornalista che da sempre si occupa di divulgazione scientifica in Italia.

Il suo nuovo libro, Homo. Arte e scienza, pubblicato da Di Renzo Editore, ci racconta i grandi momenti della storia della conoscenza che hanno visto le discipline umanistiche incontrarsi (o scontrarsi) con quelle scientifiche, in un dialogo continuo di mutuo scambio e influenze reciproche. “Non è il sovvertimento delle regole comuni,” ci viene detto in quarta di copertina, “ma il frutto di una secolare, forse millenaria, alleanza fra intuizione creatrice e ragione scientifica”.

Dalla musica agli studi sulla percezione, dalla pittura alle regole della simmetria, dall'architettura all'utopia, dalla scrittura alle prime esplorazioni celesti, dalle pitture rupestri alla tecnica e chimica dei colori è l’uomo a riunire e in un certo senso, “confondere” ciò che un certo tipo di cultura vede come separato. 

Prendiamo ad esempio la pittura: il suo legame con la scienza è continuo e indissolubile. Sono i pittori a rappresentare le prime volte celesti, a dipingere le prime carte geografiche. Per la pittura, la chimica troverà nuovi materiali e soluzioni; è dalla pittura che nasce la teoria della percezioni dei colori, l’ottica e, ai giorni nostri, persino alcune branche delle neuroscienze.

L’arte è parte vitale e integrante dell’evoluzione umana; la scienza un suo essenziale corollario. L’uomo le unisce, nella sua storia passata, nel suo vivere presente, nei suoi progetti futuri. 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ENRICO NADAI--- HOMO DIGITALIS: L'UOMO MODERNO E IL POTERE DEI MEDIA


Intervista di Alessia Mocci ad Andrea Parravicini: vi presentiamo “La mente di Darwin”


La scienza narrata: i vincitori della 9a edizione


Sam Kean è il vincitore della 15 ͣ edizione del Premio Letterario Merck. Menzione d’onore della giuria a Paolo Zellini


MUSICA LIRICA: SUONIAMO ITALIANO, I PRELUDI DEI GRANDI MAESTRI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale

Il packaging farmaceutico per la sicurezza del medicinale
Il packaging nel settore farmaceutico è importante perché deve proteggere il medicinale, informare allo stesso tempo il paziente come conservarlo e come assumerlo. Quando si parla di contenitore del medicinale, si pensa solamente alla scatola esterna, in realtà il packaging farmaceutico si divide in due parti separate. L’imballaggio o packaging primario è l’involucro che è a stretto contatto con il medicinale ed è quello che, principalmente, lo difenderà dagli agenti esterni. Fanno parte di questa categoria, per esempio, i blist (continua)

Gli occhiali su misura sono dispositivi medici

Gli occhiali su misura sono dispositivi medici
Gli occhiali da vista sono dispositivi medici su misura in quanto vengono consegnati e realizzati dall'ottico, mediante composizione della lente e della montatura, su specifica prescrizione medica per un singolo paziente. L’occhiale da vista su misura è composto da un accessorio (la montatura) e da dispositivi di serie (le lenti). Il prodotto finale, frutto dell’operazione di montaggio impatta la capacità visiva dell’utilizzatore al punto di compensare le ametropie.Questi prodotti sono oggi disciplinati dalla Direttiva 93/42/CEE e dal Regolamento 2017/745 UE. A partire da maggio 2021l questa suddetta direttiva sarà (continua)

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici
La normativa vigente in materia di pubblicità dei medicinali omeopatici deriva dal D.lgs. 219/2006 e dalle modifiche introdotte con il D.lgs. n. 274 del 29 dicembre 2007. Si definisce medicinale omeopatico ogni medicamento ottenuto utilizzando sostanze di origine minerale, chimica, vegetale, animale e biologica secondo processi di produzione specifici indicati nelle farmacopee ufficiali. I medicinali omeopatici attualmente in commercio in Italia hanno goduto delle disposizioni transitorie definite dall’art. 20 del D.lgs. 219/2006 che ha permesso ai prodotti già presenti sul mercato alla data del 6 giugno 1995 di rimanere in commercio, in virtù di una disposizione ope legis. La Procedura di rinnovo dell’autorizzazione ope legis (Legge n. 190/2014) ha consentito (continua)

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato
Siamo nella fase 3 della più grande pandemia di questo secolo. Con se il Covid-19 ha fatto molte vittime e portato con se molti strascichi sulle persone che hanno lasciato le sale intensive degli ospedali. Traumi psicologici si riscontrano sulle persone che non hanno retto al lockdown e alla quarantena forzata. Molte di queste persone hanno paura ad uscire di nuovo, stanno (continua)

Dispositivi di protezione individuale (DPI) – l’ottenimento della marcatura CE

Dispositivi di protezione individuale (DPI) – l’ottenimento della marcatura CE
I DPI rientrano tra quelle categorie di prodotti che si sono rivelati di fondamentale importanza nella gestione dell’emergenza Covid-19: tra questi si annoverano maschere filtranti e visiere protettive.In questo articolo illustreremo quanto richiesto ai fabbricanti per poter marcare CE i DPI ai sensi del Reg. UE 2016/425. Questo per consentire anche agli altri operatori coinvolti nella filiera com (continua)