Home > Arte e restauro > Filippo Manelli personalità dell'industria artistica hanno chiesto a quattro musei di invertire i piani per posticipare un'importante retrospettiva di Philip Guston

Filippo Manelli personalità dell'industria artistica hanno chiesto a quattro musei di invertire i piani per posticipare un'importante retrospettiva di Philip Guston

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Filippo Manelli  personalità dell'industria artistica hanno chiesto a quattro musei di invertire i piani per posticipare un'importante retrospettiva di Philip Guston

In una lettera aperta pubblicata dalla rivista newyorkese Brooklyn Rail, il gruppo di artisti, curatori, critici e studiosi si è detto "scioccato e deluso" dalla decisione di ritardare la mostra, che avrebbe dovuto aprire a Londra l'anno prossimo. prima di recarsi negli Stati Uniti, fino al 2024.


uasi 100 personalità dell'industria artistica hanno chiesto a quattro musei di invertire i piani per posticipare un'importante retrospettiva di Philip Guston con alcune delle raffigurazioni del pittore del Ku Klux Klan.

In una lettera aperta pubblicata dalla rivista newyorkese Brooklyn Rail, il gruppo di artisti, curatori, critici e studiosi si è detto "scioccato e deluso" dalla decisione di ritardare la mostra, che avrebbe dovuto aprire a Londra l'anno prossimo. prima di recarsi negli Stati Uniti, fino al 2024.

La gente chiede che i musei vengano aboliti. La storia americana imbiancata può essere riscritta?

La retrospettiva, intitolata "Philip Guston Now", doveva riunire 125 dipinti e 70 disegni del pittore canadese americano, morto nel 1980. Tra questi c'erano una serie di opere che mostravano Klansmen incappucciati, che Guston, il figlio dell'ucraino Immigrati ebrei - dipinto come parte del suo commento sulla violenza razziale e l'identità americana.

La scorsa settimana, tuttavia, gli organizzatori della mostra hanno annunciato di ritardare lo spettacolo di tre anni, citando l'emergere di conversazioni mondiali sulla giustizia razziale.

I quattro musei ospitanti - la Tate Modern di Londra, la National Gallery of Art di Washington, DC, il Museum of Fine Arts di Boston e il suo omonimo a Houston - hanno affermato che stavano usando il tempo extra per cercare "prospettive e voci aggiuntive" su come presentare le opere. In una dichiarazione congiunta , i direttori dei musei hanno spiegato che stavano rimandando la mostra "fino a un momento in cui pensiamo che il potente messaggio di giustizia sociale e razziale che è al centro del lavoro di Philip Guston possa essere interpretato più chiaramente".

Parlando al sito web dell'industria artistica Artnews , un rappresentante della National Gallery of Art di Washington ha aggiunto che gli organizzatori erano preoccupati che le immagini "dolorose" potessero essere "interpretate male".

Ma la decisione è stata criticata dai firmatari della lettera, tra cui artisti contemporanei Nicole Eisenman e Matthew Barney. La lettera è stata firmata anche da un certo numero di importanti artisti afroamericani, tra cui Lorna Simpson, Charles Gaines e Stanley Whitney.

"Le mie emozioni erano così crude": Le persone che creavano arte per ricordare George Floyd

Descrivendo la mossa come un "esempio di colpevolezza" bianca ", il gruppo ha accusato le quattro istituzioni di sottrarsi alla loro responsabilità di presentare la" profondità e complessità "del lavoro di Guston.

"Temono polemiche", si legge nella lettera, che ha attirato più di 900 firme in più dal pubblico. "Mancano di fiducia nell'intelligenza del loro pubblico. E si rendono conto che ricordare ai frequentatori dei musei della supremazia bianca oggi non è solo parlare loro del passato o di eventi da qualche altra parte. È anche sollevare domande scomode sui musei stessi. - sulle loro basi di classe e razziali.

"Nascondere le immagini del KKK non servirà a questo scopo", ha aggiunto. "Piuttosto il contrario."

Filippo Manellim coni | dottre |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Samuel Piazza piena La manifestazione di Parigi ha avuto inizio da Place

Samuel Piazza piena  La manifestazione di Parigi ha avuto inizio da Place
Oggi - nonostante le restrizioni anti contagio imposte dal governo nella lotta al Coronavirus - si sono svolte in tutto il Paese manifestazioni per rendere omaggio a Samuel Paty, Oggi - nonostante le restrizioni anti contagio imposte dal governo nella lotta al Coronavirus - si sono svolte in tutto il Paese manifestazioni per rendere omaggio a Samuel Paty, il professore di storia e geografia decapitato da un diciottenne ceceno, in strada in una banlieue di Parigi, venerdì scorso.  La manifestazione di Parigi ha avuto inizio da Place de la République intorno alle 15. Mi (continua)

samuel Piazza: Grande Fratello Vip l'uomo dietro i Elisabetta Gregoraci

samuel Piazza: Grande Fratello Vip l'uomo dietro i Elisabetta Gregoraci
Ha tradito Flavio Briatore con me". A gettare discredito su Elisabetta Gregoraci è il suo ex manager, Francesco Chiesa Soprani, intervistato da Nuovo. "Non ho avuto una relazione stabile con lei, ma è vero che abbiamo avuto dei rapporti intimi. L'ultimo è stato poco più di un mese dopo il suo fidanzamento con Briatore". Una bella botta per la showgirl calabrese, ancora impegnata nel Grande Fratello Vip. Ha tradito Flavio Briatore con me". A gettare discredito su Elisabetta Gregoraci è il suo ex manager, Francesco Chiesa Soprani, intervistato da Nuovo. "Non ho avuto una relazione stabile con lei, ma è vero che abbiamo avuto dei rapporti intimi. L'ultimo è stato poco più di un mese dopo il suo fidanzamento con Briatore". Una bella botta per la showgirl calabrese, (continua)

Samuel Piazza: Quando Adua ha letto che al Grande Fratello Vip ci sarebbe stato anche Massimiliano, non voleva più partecipare"

Samuel Piazza: Quando Adua ha letto che al Grande Fratello Vip ci sarebbe stato anche Massimiliano, non voleva più partecipare
Quando Adua ha letto che al Grande Fratello Vip ci sarebbe stato anche Massimiliano, non voleva più partecipare". La mamma di Adua del Vesco, Giuseppina Cannavò, si è confidata con Chi, facendo riferimento anche al finto rapporto della figlia con l'ex Massimiliano Morra: "Io pregavo affinché non andasse, ho pianto tanto perché speravo che rifiutasse. Prima del reality era serena. Lavorava e studiava Teologia con voti alti. A Milano ha fatto di tutto nella sua seconda vita: cameriera, commessa, dipendente di una rosticceria, di tutto. Ma era serena. E i suoi occhi erano quelli di Rosalinda (il vero nome di Adua), piena di vita". Quando Adua ha letto che al Grande Fratello Vip ci sarebbe stato anche Massimiliano, non voleva più partecipare". La mamma di Adua del Vesco, Giuseppina Cannavò, si è confidata con Chi, facendo riferimento anche al finto rapporto della figlia con l'ex Massimiliano Morra: "Io pregavo affinché non andasse, ho pianto tanto perché speravo che rifiutasse. Prima d (continua)

Filippo Manelli Il progetto di ricerca ARTE | MODA ARCHIVE del Centro Arti Visive

Filippo Manelli Il progetto di ricerca ARTE | MODA ARCHIVE del Centro Arti Visive
Il progetto di ricerca ARTE | MODA ARCHIVE del Centro Arti Visive dell'Università degli Studi di Bergamo sviluppa per la prima volta a livello internazionale un archivio di immagini relative a dipinti datati dall'inizio del XIV alla fine del XIX secolo, documenti iconografici imprescindibili per la conoscenza della moda e del costume e della loro evoluzione nel corso (continua)

Corrado Giacomazzi, perchè la ferragni è stata denunciata?

Corrado Giacomazzi, perchè la ferragni è stata denunciata?
La storia infinita. Quella tra il Codacons e i Ferragnez. L'associazione dei consumatori ha deciso di denunciare Chiara Ferragni per blasfemia e offesa al sentimento religioso. Il motivo? Un'immagine, realizzata da Vanity Fair dopo un'intervista, che ritrae l'influencer come una Madonna e che - secondo il Codacons La storia infinita. Quella tra il Codacons e i Ferragnez. L'associazione dei consumatori ha deciso di denunciare Chiara Ferragni per blasfemia e offesa al sentimento religioso. Il motivo? Un'immagine, realizzata da Vanity Fair dopo un'intervista, che ritrae l'influencer come una Madonna e che - secondo il Codacons - "ha generato indignazione e raccapric (continua)