Home > Ambiente e salute > Starkey: come si detergono correttamente le orecchie dei bambini?

Starkey: come si detergono correttamente le orecchie dei bambini?

scritto da: PressMilano | segnala un abuso

Starkey: come si detergono correttamente le orecchie dei bambini?


I modi per pulire le orecchie ai bambini sono molteplici, dai bastoncini di cotone all’acqua ossigenata, ma non tutti risultano efficaci e, soprattutto, salutari. Gli esperti di Starkey Hearing Technologies, azienda leader nel mondo per la produzione e la fornitura di apparecchi acustici, spiegano come assicurare l’igiene delle orecchie nei bambini senza commettere errori.

Milano, ottobre 2020 – Una corretta pulizia delle orecchie è molto importante tanto per gli adulti quanto per i bambini. Fin da piccoli, infatti, è necessario prendersi cura delle proprie orecchie, assicurandone la massima igiene. Molti genitori, tuttavia, non sanno come fare e, soprattutto, quali strumenti utilizzare. Per aiutarli scendono in campo i professionisti di Starkey Hearing Technologies, azienda leader a livello globale nella produzione e fornitura di protesi acustiche di alta qualità.

Come ribadiscono gli esperti di Starkey, la prima cosa da tenere presente riguardo all’igiene delle orecchie dei bambini è che il cerume non è dannoso e, di conseguenza, non va pulito. Contrariamente a quanto si crede, infatti, il cerume non è sporco, ma è una sorta di cera prodotta da specifiche ghiandole, dette, appunto, ceruminose, allo scopo di proteggere il condotto uditivo da germi ed agenti esterni. Il cerume viene poi sospinto naturalmente verso l’esterno dell’orecchio, assicurando una sorta di auto-detersione che non richiede interventi supplementari. 

Il padiglione auricolare, invece, può essere pulito semplicemente con acqua e sapone, aiutandosi con le dita e prestando attenzione a non entrare nel condotto uditivo. Questa operazione può essere eseguita anche durante il bagnetto del bambino, utilizzando lo stesso detergente impiegato per l’igiene del corpo; in questo caso, basta avere cura di risciacquare abbondantemente la schiuma, onde evitare che si formino irritazioni.

Per quanto riguarda l’asciugatura, sottolineano gli esperti di Starkey, è sufficiente un asciugamano pulito e, eventualmente, l’aria calda dell’asciugacapelli. Se permane un residuo d’acqua , non è comunque un problema, mentre bisogna stare attenti che non resti del sapone. Rispetto, invece, all’utilizzo dei bastoncini di cotone per le orecchie, possono essere impiegati unicamente per pulire il padiglione auricolare, mentre è assolutamente sconsigliato introdurli nel condotto uditivo, perché potrebbero sia spingere in fondo il cerume, formando un tappo, sia dar luogo a infezioni se rimangono residui di ovatta.

starkey | corretta pulizia orecchie bambini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Starkey presenta i vari tipi di apparecchi acustici pensati per ogni esigenza dei pazienti


Starkey Hearing Technologies promuove l'innovazione


Starkey per una corretta pulizia delle orecchie


Presentati i consigli di Starkey per proteggere l'udito quando si viaggia in aereo


Le intelligenze artificiali al servizio delle hearing technologies


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Safety Partner: sicurezza e salute dei lavoratori con la digitalizzazione del mondo del lavoro

Safety Partner: sicurezza e salute dei lavoratori con la digitalizzazione del mondo del lavoro
Il processo di digitalizzazione sta inesorabilmente trasformando anche il mondo del lavoro, cambiandone tempi, luoghi e modalità: quali benefici porta? E quali rischi può comportare per chi lavora in azienda?Milano, novembre 2020 – Nell’era della cosiddetta Gig Economy sono sempre di più i lavoratori digitali, cioè coloro che operano in aziende perlopiù funzionanti tramite piattaforme digitali.Già (continua)

MedicAir Healhcare e Hippocrates collaborano per la diagnosi e la cura della Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno

MedicAir Healhcare e Hippocrates collaborano per la diagnosi e la cura della Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno
La collaborazione per diagnosticare i disturbi del sonno durante il COVID-19 in maniera semplice e, soprattutto, sicuraMilano, novembre 2020. MedicAir Healthcare - con la sua fitta rete di professionisti sanitari dislocati su tutto il territorio nazionale - e Hippocrates Holding, proprietaria di oltre 120 farmacie nel Nord e Centro Italia, hanno avviato un’importante attività di collaborazione per (continua)

Pellet Black Friday 2020: offerte e novità di Pellet1

Pellet Black Friday 2020: offerte e novità di Pellet1
Il Black Friday 2020 di Pellet1 si terrà tra il 23 e il 27 novembre e il noto ecommerce di pellet è pronto a partecipare con grandi sconti sul pellet fino al 30% e opportunità di pagamenti rateizzati a tasso zero con Soisy.Anche quest’anno il Black Friday 2020 si preannuncia ricco di super sconti e occasioni da non lasciarsi sfuggire: Pellet1, l’e-commerce leader nella vendita di pellet per il ris (continua)

Spada Media Group: le figure essenziali per una buona gestione dei canali social aziendali

Spada Media Group: le figure essenziali per una buona gestione dei canali social aziendali
Gli esperti di Spada Media Group, storica agenzia pubblicitaria, spiegano quali sono le figure chiave per garantire una presenza sui social a livello professionale.Milano, novembre 2020 – Possedere uno smartphone e aprire un profilo non basta per poter gestire i social network a livello professionale. Lo confermano anche gli esperti di Spada Media Group, agenzia pubblicitaria con sede a Sesto San (continua)

Safety Partner - Tutela dei videoterminalisti: quali sono le responsabilità del datore di lavoro?

Safety Partner - Tutela dei videoterminalisti: quali sono le responsabilità del datore di lavoro?
Le persone che lavorano con i videoterminali devono essere tutelate, da parte delle aziende, per quanto concerne i rischi che possono correre a causa della loro attività. La legge ha stabilito alcune norme in materia, che i datori di lavoro devono rispettare.Milano, novembre 2020 – Sempre di più sono ormai coloro che lavorano attraverso un videoterminale, cioè perlopiù lo schermo di un computer – (continua)